BANNER-ALTO2
A+ A A-

Due misure cautelari nel Cosentino e sequestri per 3,7 milioni

Cosenza. I finanzieri della compagnia di Paola (Cosenza) hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare personale e un decreto di sequestro preventivo di beni per un valore di 3,7 milioni di euro,

 

emesso dal giudice per le indagini preliminari di Cosenza nei confronti di due persone residenti nella provincia di Cosenza, accusate a vario titolo di occultamento o distruzione di documenti contabili ed evasione fiscale.

Ai due vengono sequestrati denaro, quote societarie, beni immobili e mobili registrati, profitto dei reati contestati.

Sono state svolte anche numerose perquisizioni nella provincia di Cosenza.

Il provvedimento è stato emesso nei confronti di un amministratore 'di fatto' di una società risultata essere evasore totale, avendo nascosto al fisco, dal 2011 a oggi, ricavi per 11 milioni di euro. L'uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari, mentre un prestanome è risultato destinatario dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, con divieto di esercizio di qualsiasi attività di impresa e di assunzione di cariche per la durata di un anno.

Le indagini, spiega la finanza, sono scaturite da due verifiche fiscali, avviate dalle fiamme gialle anche con l'utilizzo delle banche dati, che hanno fatto emergere, sottolinea la guardia di finanza in una nota, gravi indizi di reati tributari.

L'inchiesta ha riguardato non solo la gestione delle due società al centro delle indagini, attive nel settore della commercializzazione di macchine e attrezzi agricoli, sia in Calabria che in altre Regioni italiane, ma anche numerose altre imprese, tutte operanti nel medesimo settore e facenti parte di un stesso gruppo, riconducibili a un'unica famiglia e a un 'dominus', che le fiamme gialle hanno individuato nell'indagato arrestato.

La guardia di finanza ha ricostruito i vari passaggi, dal 2000 al 2018, delle quote sociali e delle cariche societarie, ricostruendo la reale posizione fiscale della società 'fantasma' e definendo il ruolo dell'amministratore di fatto.

In questo modo è stato scoperto che, attraverso l'occultamento di migliaia di fatture e l'emissione di fatture per operazioni inesistenti, non sono state dichiarate operazioni imponibili per 11 milioni di euro; è stata simulata la vendita di terreni e di una macchina agricola fra tre delle società investigate; sono stati gonfiati i prezzi di vendita di attrezzature e macchine agricole, tutto per sottrarsi al pagamento di imposte per oltre 3,7 milioni di euro.

Al temine delle indagini, complessivamente sono state denunciate 4 persone (2 delle quali destinatarie dei provvedimenti cautelari in corso di esecuzione), per i reati di occultamento o distruzione di documenti contabili, omessa dichiarazione, emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, e sottoposti a sequestro denaro e beni per oltre 3,7 milioni di euro.

Leggi tutto... 0

Mentre il Bollettino Excelsior,del 15 gennaio2019 preannuncia oltre un milione di opportunità di lavoro entro marzo 2019, Guccione si lamenta perché in Calabria i 15 centri per l’impiego con i 406 addetti non ce la faranno a gestire i tantissimi disoccupati.

E tira fuori i dati dell’ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche attive del Lavoro) che confermano la altissima percentuale di disoccupati in Calabria

La preoccupazione di Guccione non è per le centinaia di migliaia di disoccupati ma per la differenza di lavoro degli addetti dei CPI che mediamente hanno un carico di 359 persone mentre i Calabria ne hanno 1500.

Secondo Guccione “Mettere in campo il reddito di cittadinanza senza che i Centri per l’impiego funzionino produrrà una catena clientelare e, se guardiamo alla nostra regione, si rischia una vera e propria degenerazione. Attualmente in Calabria nessuno dei 15 Centri per l’impiego (Cpi) è in grado di reggere tale impatto”.

Il Dipartimento Lavoro,Formazione e Politiche sociali col decreto 9515 del 3 settembre 2018, invece dice che .le sedi complessive sono 45 di cui 15 solo quelle provinciali, 21 locali, 6 punti informativi e 3 uffici di collocamento mirato.

Ben 24 delle 45 sedi sono ubicate nella provincia di Cosenza.

Alcune esistono solo sulla carta e sono senza personale ma Guccione non ne parla.

Eppure i CPI dipendono dalla regione e lui è un consigliere regionale!

) Mentre quindi l’ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche attive del Lavoro) sulla base delle informazioni raccolte dall'ultima Indagine Excelsior realizzata da Unioncamere( in accordo con Anpal) dice che sono circa 442mila i contratti previsti dalle imprese nel mese di gennaio ma che essi saliranno a circa 1,2 milioni nei primi tre mesi del 2019, Guccioni teme che i CPI non riescano a smaltire nemmeno il carico determinato dal reddito di cittadinanza.

Secondo noi ha una scarsa fiducia sul valido personale degli Uffici per l’impiego

Noi preferiamo riportare la buone nuove pubblicate dall’ANPAL ricordare che:

“Tra gennaio e marzo 2019, alcuni settori come la moda, la metallurgia e la meccatronica e la chimica - farmaceutica, nel manifatturiero, e la filiera del turismo, nei servizi, si muoveranno in controtendenza, con aumenti delle posizioni lavorative messe a disposizione rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. 

Cresce, in termini percentuali, il fabbisogno da parte delle imprese delle professioni di elevata specializzazione e dei tecnici (dal 24% al 26% del totale delle entrate programmate), così come degli operai specializzati (dal 30,3% al 31,3%), mentre si riduce il peso delle professioni non qualificate (dal 14,2% al 12,6%) e delle professioni impiegatizie, commerciali e nei servizi (dal 31,5% al 30,1%).

Proprio questa ricomposizione della domanda di lavoro intorno a profili più qualificati spiega l’aumento di 6 punti percentuali della difficoltà di reperimento (dal 25% di gennaio 2018 al 31% di gennaio 2019).”

Leggi tutto... 0

Può scattare l’effetto dignità e questo è un pericolo.

Provate a leggere cosa scrive Iacchitè, stampatelo e conservatelo:

“Cosenza: l’elenco dei politici del Pd (locale) che non vogliono il reddito di cittadinanza

 

 

Abbiamo cercato di capire chi sta raccogliendo le firme a Cosenza per abolire il reddito di cittadinanza e perché.

A promuovere questa iniziativa principalmente il Pd, seguito da Forza Italia e da qualche altro politico parassita.

Partiamo dal perché: è noto a tutti, specie ai calabresi, che il Pd, FI e simili hanno sempre costruito il loro consenso sul perverso meccanismo del voto di scambio politico/clientelare e politico/mafioso. Da noi non si è mai votato per adesione ad un progetto politico, o per la condivisione ideologica di principi e valori di questo o quel partito, da noi, e non solo, l’elettore morto di fame ha sempre votato il politico disposto a pagare e a dare in cambio di qualcosa: denaro, promesse di sistemazione, contributi fittizi, false pensioni, disbrigo di pratiche e ‘mmasciate varie. Una situazione che ha creato, nel corso del tempo, i cosiddetti pacchetti di voti detenuti da politici imbroglioni e mafiosi di ogni ordine e grado. Infatti il problema principale del politico ladro, in tempo di elezioni, è quello di rastrellare, attraverso la truffa e il peculato, più denaro possibile dalle casse pubbliche da “distribuire”, in campagna elettorale, ai tanti morti di fame disposti a vendere il proprio voto per 50/100 euro, per assicurarsi l’elezione. Un classico che più classico non si può. Del resto si sa che le campagne elettorali costano: per l’elezione a consigliere regionale o deputato, servono almeno 300.000 euro in contanti, buoni agganci masso/mafiosi e tante false promesse. Ecco perché sono preoccupati del reddito di cittadinanza: senza più poveri e morti di fame, comprare voti a 50/100 euro diventa una impresa molto difficile. E senza voti, non c’è elezione. E se non sei eletto la vigna è finita!

Ma chi sono i personaggi politici cosentini che osteggiano questa misura, pensata per aiutare veramente chi vive da sempre in estrema difficoltà economica?

Cominciamo da quelli del Pd che sono i promotori di questa vergogna:

Ernesto Magorno, già segretario del PD è noto come don Magorno per via della sua vicinanza al boss Muto, così come lui stesso dice in una intercettazione dei Ros. Un mafioso prestato alla politica. Nonché un codardo della peggiore specie.

Enza Brunio Bossio alias Madame Fifì. Esponente di spicco del Pd calabrese da sempre impegnata a truffare il cittadino e lo stato. Famosa è la truffa di miliardi di vecchie lire messa a segno in Calabria dalla Madama sul “piano telematico” mai partito. Le sue principali linee di azioni politica sono il ricatto e l’imponimento mafioso. A dire questo di lei, definendola una vera e propria delinquente, il dirigente pubblico intercettato dalla Dda di Catanzaro all’interno dell’operazione “Lande desolate”. Non c’è intrallazzo a danno dello stato e del cittadino, a queste latitudini, a cui lei non abbia partecipato.

Nicola Adamo, alias Capu i Liuni, storico esponente del Pd cittadino e marito di Madame Fifì, nonché il più delinquente, insieme al sindaco di Cosenza Occhiuto, tra i politici cosentini. A dire questo di lui sempre il dirigente pubblico intercettato dalla Dda di Catanzaro nell’inchiesta “Lande desolate”. La sua specialità, così come dicono inchieste e processi prescritti a suo carico, è la mazzetta. Ne ha prese a dire basta. Tant’è che la sua ricchezza, ben nascosta, è nota a tutti. Il vero e proprio deus ex machina di tutto il malaffare che circola dalle nostre parti e non solo. Un soggetto pericoloso, da cui è meglio stare alla larga.

Palla Palla, ovvero l’attuale presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, in esilio, per ordine della procura di Catanzaro, in quel di San Giovanni in Fiore. Oliverio è tra i principali fautori del clientelismo politico/elettorale in terra calabra. La sua principale attività politica è quella di sistemare parenti e amici degli amici. Famosa è anche la sua generosità nel concedere finanziamenti e progetti a finti imprenditori il cui unico scopo e quello di arraffare il malloppo e sparire, strafregandosene di “finire l’opera”. Un despota che utilizza “la cosa pubblica” per meri fini privati, e solo per favorire se stesso, i propri familiari, e gli amici degli amici. Famose sono anche le sue tante retribuzioni. Non si sa quanto guadagna al mese. E nonostante ciò non paga neanche il meccanico, o il gommista, preferisce fare il cambio gomme a spese dei cittadini.

Damiano Covelli, consigliere comunale del Pd a Cosenza e noto parassita sociale. Covelli detiene, al momento, il record di incassatore di stipendi senza aver mai fatto un solo giorno di lavoro nella sua vita: è impiegato all’Università, dove non ha mai messo piede, è consigliere comunale e tra gli inventori del trucchetto dei gettoni di presenza nelle commissioni (convocare commissioni fittizie a dire basta per incassare i gettoni di presenza), e risulta anche portaborse dell’onorevole Madame Fifì. Tre stipendi per passeggiare dalla mattina alla sera su Corso Mazzini. Nonché famoso ‘mmasciataro al Comune al servizio degli amici degli amici.

Giuseppe Giudiceandrea, già comunista col culo degli altri, passato al Pd ed eletto consigliere regionale con il voto clientelare di Ferdinando Aiello. Nella sua vita non ha mai fatto nulla di comunista anche se lui si definisce tale. L’ unica preoccupazione è la sua sistemazione economica, per il resto solo chiacchiere e distintivo. Non ha promosso niente che non andasse a favore dei ricchi e potenti amici di Palla Palla. Un servo sciocco che firma carte a comando.

Marco Ambrogio, consigliere comunale di minoranza del Pd ma da sempre vicino alla maggioranza del sindaco Occhiuto. Ambrogio è la classica figura squallida del piccolo politico locale che si sente statista, ma che nella realtà non è neanche capace di fare una O con il bicchiere. Ha costruito, insieme alla moglie, Rosaria Succurro, assessore della giunta Occhiuto, una vera e propria “azienda privata” all’interno delle attività pubbliche del Comune: un bel giro di affidamenti diretti e non solo, ai loro amici e parenti. Maggioranza e opposizione insieme per lucrare, utilizzando impropriamente le loro prerogative pubbliche, a danno del cittadino. Il peggio del peggio.

Bianca Rende, consigliere comunale Pd. Figlia d’arte e di famiglia che ha sempre vissuto di denaro pubblico. Una famiglia di impastettati che ha l’obbligo di servire il padrone che li ha sistemati, prima ancora che i cittadini. Bianca è la tipica figura radical chic che pubblicamente si dice dispiaciuta per i morti nel Mediterraneo, e per la fame nel mondo, salvo poi, quando c’è da mettere in scena qualcosa di pratico, sparire per viaggi esotici e festini vari.

Luigi Guglielmelli, attuale segretario provinciale del Pd. Un personaggio buono per ogni stagione, e per ogni corrente. Basta che gli dai uno stipendio, senza lavorare, e lui diventa fedele più di Fido. Il tipico cagnolino che scodinzola attorno ai potenti per qualche osso. Privo di dignità e spina dorsale è il prototipo del servilismo che regna all’interno del Pd e della subalternità ai vecchi marpioni di cui sopra. L’ipocrisia è la sua specialità, predica bene e razzola male.

Stefania Covello, già deputato Pd e trombata alle ultime elezioni. Figlia del più noto Franco, democristiano della peggiore specie, e tra i maggiori responsabili dell’arretratezza sociale ed economica della regione Calabria. L’unica cosa che sono riusciti a fare è stata quella di dilapidare milioni di euro per promuovere i propri interessi e quelli dei loro amici e parenti. Gente senza scrupoli che non ha mai pensato alle ripercussioni sociali delle loro azioni clientelari. Hanno prodotto miseria e povertà in ogni dove, mentre la loro famiglia si è arricchita a più non posso. Una gatta morta senza un briciolo di coscienza civica e sociale.

Questi sono solo alcuni tra i personaggi del Pd, i più noti, che osteggiano il reddito di cittadinanza. Tutta gente che si è arricchita a far schifo con il denaro pubblico. Gente che ha casa al mare, in montagna, in America, a Londra, a Roma. Gente che manda i figli nelle migliori università e che ogni anno gli paga la vacanza all’estero, senza contare i pampini i 100 euro che se ne vanno nel fine settimana sti barri barri. Gente abituata a mangiare nei ristoranti e a vestire di marca, e che sotto sotto, perché non possono dirlo pubblicamente, odia i poveri.

E la dimostrazione del loro odio verso i poveri, è proprio la raccolta firma contro il RdC: solo loro e i lori figli possono permettersi i lussi, i poveri e i loro figli devono restare poveri e succubi al loro volere. I poveri sono funzionali al loro benessere, senza poveri che vendono i voti come fanno ad essere eletti? Ecco perchè si battono affinchè la povertà da noi regni sempre sovrana.

Continua – domani presenteremo quelli di Forza Italia

Da Iacchite - 25 Gennaio 2019

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy