BANNER-ALTO2
A+ A A-

Sanità. Belcastro? Io non ne so nulla

Vota questo articolo
(0 Voti)

Le due posizioni:

La prima è quella di Antonio De Nardo, segretario generale del sindacato maggiormente rappresentativo dei medici di famiglia, l FIMMG (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale).

 

 

De Nardo dice:

“Sono certo – continua il segretario De Nardo – che le capacità professionali e la lunga esperienza gestionale in sanità maturate, nel corso degli anni, dal neo Dirigente Generale costituiranno fattori determinanti per un rilancio delle attività di questo importante ufficio, vera cabina di regia di ogni attività sanitaria nella nostra regione”.

“Antonio Belcastro già dirigente dell’Azienda ospedaliero-universitaria ‘Mater Domini’ di Catanzaro, – prosegue il segretario FIMMG Catanzaro – ha, infatti, conseguito in questi anni risultati eccellenti, frutto di un’attività virtuosa perseguita nell’interesse primario dei cittadini”.

“Rimango fermamente convinto – conclude il dott. De Nardo – che la nomina di Belcastro aprirà nuove prospettive per il miglioramento del sistema sanitario calabrese”.

«La nomina di Antonio Belcastro quale dirigente generale del dipartimento Tutela della Salute conferma il matrimonio tra il governatore della Calabria, Mario Oliverio, e la vecchia, rovinosa burocrazia regionale».

La seconda è quella del M5s i cui deputati Francesco Sapia e Dalila Nesci, della commissione Sanità, affermano:

«Così Oliverio ha lanciato una nuova sfida alla struttura commissariale, dopo aver distrutto volutamente quel dipartimento. Belcastro si è distinto per aver sforato in maniera seriale i bilanci delle aziende che ha diretto, per la celeberrima figuraccia davanti alle telecamere di Report sull'attività di ricerca della Fondazione Campanella, per il record italiano dei più lunghi tempi di pagamento detenuto dal policlinico universitario di Catanzaro, di cui è stato vertice, e per aver a lungo risparmiato ai professori universitari di lì il controllo elettronico delle presenze».

«Con queste credenziali – incalzano i parlamentari 5stelle – Belcastro si ritrova oggi al timone di un dipartimento strategico, malgrado le nostre denunce sulla carriera del manager, che per legge, dati i buchi di bilancio prodotti, non poteva più dirigere strutture regionali.

Naturalmente Oliverio non ci sente, soprattutto adesso che sta a dieta nella sua San Giovanni in Fiore.

Voglia allora scusarci se gli facciamo un utile ripasso su nomine dirigenziali di cui è responsabile in ambito sanitario:

-Giacomino Brancati, poi rimosso dalla guida dell'Asp di Reggio Calabria; Raffaele Mauro, che ha bandito concorsi non autorizzati;

-Sergio Arena, favorito da una legge regionale impugnata dal governo di centrosinistra e protagonista dell'accanimento dell'Asp di Crotone, certificato dal Ministero della Salute, ai danni del primario della Chirurgia ospedaliera;

-Frank Benedetto, che ha ignorato questioni cruciali come l'assegnazione di un primariato a un professionista con dubbi requisiti».

«Se ciò non bastasse – proseguono i parlamentari 5stelle – Oliverio ignora gli illegittimi concorsi in essere in diverse aziende della sanità calabrese, immaginiamo banditi a sua insaputa e con le immancabili trame oscure, che gli porteranno un bel po' di voti, sempre a sua insaputa».

«Nel merito – concludono Sapia e Nesci – il presidente della Regione si prepari a una dura battaglia, perché il suo teatro ha superato ogni misura, anche a prescindere dalla promessa, miseramente caduta, di incatenarsi davanti a palazzo Chigi».

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy