BANNER-ALTO2
A+ A A-

La Procura di Vibo Valentia chiude l’inchiesta dei carabinieri. Ipotizzati i reati di falso e truffa

La Procura di Vibo Valentia ha chiuso le indagini preliminari nei confronti di venti dipendenti dell’Asp – distretto sanitario di Serra San Bruno accusati di essersi ingiustificatamente assentati dal posto di lavoro.

Venti gli indagati ai quali i carabinieri della Stazione di Serra San Bruno hanno notificato il provvedimento che va a colpire il fenomeno dell’assenteismo negli uffici pubblici.

L’inchiesta e le contestazioni mosse agli indagati coprono un arco temporale che va da gennaio ad aprile dello scorso anno.

I reati ipotizzati sono quelli di truffa aggravata e continuata e false attestazioni di prestazioni lavorative.

SEGUONO AGGIORNAMENTI

Pubblicato in Vibo Valentia

Altri sette dipendenti del comune di Bova Marina, nel Reggino, sono stati sospesi dal servizio.

I provvedimenti cautelari si aggiungono agli altri cinque già deliberati il 28 maggio scorso nel comune del reggino

Bova è passata alla storia della Pubblica amministrazione perché su un totale di 25 dipendenti 22 sono stati indagati per assenteismo dopo un'attività di pedinamento e controllo svolta dalla Guardia di Finanza.

La sospensione va da 30 e i 60 giorni,

L'ordinanza è stata emessa dal Gip del tribunale di Reggio Calabria, Davide Lauro, ed è stata eseguita dai finanzieri della compagnia Melito Porto Salvo.

Le ipotesi di reato per i dipendenti sospesi sono false attestazioni o certificazioni nell'utilizzo del badge da parte di pubblici dipendenti, di truffa ai danni dell'ente comunale e interruzione di servizio pubblico.

Oltre agli accertamenti documentali delle presenze giornaliere acquisiti presso l'ente, l'indagine si fonda sulle immagini acquisite all'interno e all'esterno dei locali del municipio mediante il monitoraggio visivo dell'orologio marcatempo per la rilevazione delle presenze giornaliere e su un'attività di osservazione, pedinamento e controllo eseguita dai finanzieri.

Pubblicato in Calabria

Sei dipendenti del comune di Cosoleto sono stati sottoposti all’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria.

Si tratta di Ferdinando Ascrizzi, di 46 anni, Francesco Carmelitano (48), Domenicantonio Schiava (43),

Carmine Stillisano (47), Giuseppe Stillisano (44) e Salvatore Domenico Vita (45), tutti dipendenti del Comune di Cosoleto.

Lo ha disposto il Tribunale di Palmi.

Sono stati ritenuti tutti responsabili a vario titolo dei reati di false attestazioni o certificazioni, truffa aggravata ai danni dello Stato, errore determinato dall’altrui inganno e falsità ideologica commessa dal Pubblico Ufficiale in atti pubblici.

Praticamente 3 anni di indagini dei Carabinieri

Dalle immagini raccolte è emerso che molti dipendenti comunali non rispettavano l’orario di lavoro, allontanandosi per motivi non pertinenti all’attività di servizio, oppure timbravano il cartellino marcatempo per sé e per altri, per poi allontanarsi dall’ufficio per interessi privati.

Ma è normale tutto ciò?

E’ normale, cioè, che i dipendenti pubblici escano quando vogliono?

E’ normale che nessuno li controlli?

Ed è normale che il personale debba essere controllato da carabinieri e finanza?

E se i carabinieri e la finanza si assentassero anche loro dal lavoro di controllo?

Pubblicato in Calabria

I militari della Compagnia Carabinieri di Locri hanno eseguito 11 ordinanze di applicazione di misura cautelare personale, emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Locri su richiesta della Procura della Repubblica di Locri, nei confronti di 11 impiegati pubblici del Comune di Sant'Ilario dello Ionio.

Il comune di Sant'Ilario dello Ionio, con una popolazione di circa 1400 residenti, ha 19 impiegati in servizio presso l'ente comunale i cui "comportamenti lavorativi" sono stati monitorati nel corso delle indagini svolte tra il settembre 2016 e il gennaio 2017 dai militari della Stazione Carabinieri del luogo.

Parliamo come al solito di "assenteismo".

I reati contestati vanno dalla truffa aggravata e continuata in danno dell'Ente Pubblico, all' attestazione fraudolenta della presenza in servizio, all'abuso d'ufficio e al peculato.

Tra i tanti dipendenti comunali coinvolti nell'attività investigativa, spiccano anche alcuni impiegati con funzioni di responsabilità amministrativo-contabile che hanno agevolato il personale assenteista non perseguendo determinati comportamenti volti a certificare falsamente la presenza in servizio strisciando il badge ma di fatto assenti dal luogo di lavoro procurando, quindi, verso questi ultimi, ingiusti vantaggi patrimoniali con danni per l'ente che erogava gli stipendi.

Molti dipendenti, tra i quali responsabili di area e di settore, pur risultando regolarmente in ufficio a prestare ore di lavoro in favore dell'Ente pubblico di appartenenza, si trovasse, invece, in tutt'altri luoghi privati, attestando falsamente la propria presenza in ufficio.

Gli indagati, eludendo il sistema di rilevazione elettronica delle presenze, si dedicavano alle più svariate attività personali: vi era infatti chi andava al mercato a fare la spesa, chi stava in auto a leggere il giornale, chi effettuava sortite in circoli ricreativi, in supermercati o nei bar o addirittura chi si recava dal barbiere.

Il caso più simpatico è quello di un dipendente pubblico che in più occasioni, quasi quotidiane, faceva un uso momentaneo di un autoveicolo dell'Ente posto nella sua disponibilità, sottraendolo alla sua destinazione originaria recandosi nei comuni limitrofi per fare shopping o commissioni di natura privata, creando così un apprezzabile danno economico. (Da Il Dispaccio)

Pubblicato in Reggio Calabria

Catanzaro - Quarantuno dipendenti della Regione Calabria sono stati rinviati a giudizio dal gup di Catanzaro, Giovanna Gioia, per abuso d'ufficio, falso e truffa perché assentatisi arbitrariamente dal posto di lavoro.

 

Secondo l'accusa, i dipendenti, in servizio nei dipartimenti Avvocatura, Attività produttive, Cultura, Politiche energetiche, Bilancio e Lavori pubblici, dopo aver timbrato il cartellino di ingresso si sarebbero allontanati per dedicarsi ad attività private.

Il processo é stato fissato per 19 febbraio.

A inchiodare alle loro responsabilità i 41 dipendenti le telecamere nascoste piazzate dalla Guardia di finanza.

Dopo l'inchiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro, avviata nel 2014, la Regione Calabria decise di licenziare 4 dipendenti, di sospenderne altri 5 e di emettere provvedimenti più lievi per altri 41 impiegati coinvolti nell'inchiesta.

Poche settimane fa altri tre dipendenti, già condannati in primo grado col rito abbreviato, sono stati assolti dalla Corte d'appello di Catanzaro.

Pubblicato in Catanzaro

Cosenza: Dalle prime luci dell’alba, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza sono attivamente impegnati nell’esecuzione di sedici misure cautelari.

 

 

I soggetti raggiunti dal provedimento sono responsabili accusati di assenteismo in alcuni uffici pubblici della città in questione.

 

 

Nel mirino della finanza anche un Comune del cosentino.

 

Le misure sono in gran parte obblighi di firma per i dipendenti assenteisti.

 

Maggiori particolari dell’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Cosenza saranno esplicitati nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 presso la Procura della Repubblica di Cosenza.

Pubblicato in Cosenza

È incredibile quello che succede alla regione Calabria!

Per anni ed anni un dipendente che nel rispetto della legge e della logica era sempre puntuale e presente al lavoro ha visto intorno a sè gli uffici vuoti.

Magari, visto che era presente al lavoro si è trovato a dover rispondere alle domande del pubblico “lei sa dove trovo il dr……..?” oppure il” mi sa dire quando lo trovo?”.

E lui a sfottersi ; lui era presente ogni giorno al suo lavoro , al suo pubblico, ai suoi doveri , ma doveva fare anche l’usciere.

Forse , alla fine, non prendeva nemmeno lo straordinario che spesso viene pagato ai fannulloni.

Sarà stata la solitudine, la necessità di fare qualcosa per cambiare il mondo, la consapevolezza che migliaia di giovani sono disoccupati e non hanno certezze sul proprio futuro mentre migliaia di fannulloni hanno uno stipendio mensile senza meritarlo, forse, alla fine, la molla che ha fatto scattare la denuncia. Una denuncia puntuale, particolareggiata. Forse utile se il Nucleo di polizia tributaria di Catanzaro (Gruppo tutela spesa pubblica), al comando del tenente colonnello Simonluca Turriziani, riuscirà nelle non facili indagini chieste dal PM Carlo Villani che ha aperto un fascicolo di indagine contro ignoti.

Certo che se vere le voci sulla regione intestare nominativamente il fascicolo avrebbe chiesto spazi incredibilmente ampi.

L’ipotesi è sempre la stessa: l’ufficio aperto con la luce accesa, la giacca senza niente dentro all’attaccapanni ; qualche carta sulla scrivania, ma il titolare dell’ufficio non c’è; magari qualcuno lo ha anche visto di primo mattino, o forse lo ha visto il giorno prima, ma di fatto non c’è.

Per ora la notizia della acquisizione di documentazione necessaria per comprovare la reale presenza, ma l’indagine promette, promette risultati incredibili

Non resta che attendere sperando che qualcosa cambi alla regione, il che poi vuol dire che cambi in Calabria

Pubblicato in Catanzaro
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Cosenza

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy