BANNER-ALTO2
A+ A A-

LA PASQUA DI GIOACCHINO DA FIORE CORONAVIRUS E RISURREZIONE

Vota questo articolo
(1 Vota)

sergioCi eravamo occupati del Monaco silano cercando di apprezzarne l’importanza 

storica e di comprenderne l’escatologia, che torna utile in ogni circostanza in cui 

compare lo spettro di una minaccia planetaria.

I più informati ricorderanno la citazione di Gioacchino da Fiore da parte di

Barack Obama il quale, nel corso della campagna presidenziale USA del 2008, lo 

nominò tre volte, volendo associare la propria elezione all’avvento di un’epoca di 

pace e di giustizia dopo la guerresca presidenza di George W. Bush. 

E allora, perché non nominarlo noi in vista della speranza pasquale? Noi,

smarriti come siamo di fronte all’ultimo anticristo (Covid-19) venuto fuori dalla 

spirale della coda del drago, e preoccupati per l’incerto futuro che ci attende.

Con la sua visione trinitaria e concordistica della Storia, il Calabrese, 

morto nel 1202, introdusse una speranza nella senescente concezione mondiale

di stampo Agostinista, secondo la quale la maggior Luce era stata raggiunta con 

la venuta di Cristo. Gioacchino lanciò un invito, rivolto alla Chiesa e all’Umanità, a 

prepararsi spiritualmente in vista dell’imminente Terzo Tempo, quello dello

Spirito, un’Era nuova che doveva sorgere all’esito vittorioso della Battaglia 

finale contro l’anticristo, la nuova Armageddon, e del Giudizio universale. 

Dunque, per Gioacchino la grande Luce doveva ancora splendere.

Le Posizioni gioachimite subirono condanne che ne impedirono la 

santificazione, ma ispirarono i gruppi ereticali pauperisti successivi, tra i quali i 

“Dolciniani” e i “Frati della vita povera” di derivazione francescana, condannati 

dal papa Giovanni XXII che gli stessi chiamarono “Anticristo”.

Qualificato come il più grande mistico del medioevo occidentale, oggetto di 

attenzione di studiosi dell’intero globo, di Lui narrano magnifici racconti. A noi 

piace ricordarlo nel dodicesimo canto del Paradiso, in cui san Bonaventura 

presenta al Fiorentino l'anima del Calabrese, di spirito profetico dotato. E ne’ 

“Il nome della Rosa” di Umberto Eco, Ubertino da Casale spiega ad Aldso di Melk 

che gli eretici s’ispiravano a Gioacchino da Fiore, chiamandolo “grande profeta”. 

Molto più modestamente, in un recente romanzo di quì, Tusco da Fonte Laurato, 

un Gioachimita lebbroso di Fiumefreddo, vede in Carlo d’Angiò l’ultimo anticristo

e ne vaticina la sconfitta pronunciando drammatici anatemi.

Secondo una certa letteratura, proprio in una notte di Pasqua, Gioacchino 

ricevette il dono di comprendere a fondo la trama della Storia rinserrata nel 

sepolcro della Bibbia, e il significato pieno dell'Apocalisse giovannea.

Come non associare dunque la prossima Pasqua alla Pasqua di Gioacchino, di 

questo formidabile “investigatore delle Scritture”, in grado di trovare 

nell’Universo biblico, e nei segni del suo Tempo, gli indizi di un travaglio

dell’Umanità destinato a condurre sulla porta di una nuova Era?

Ottocento anni dopo, qualcosa di tremendo ci invita a

rinnovare lo sguardo su di noi, sui popoli e sul mondo, nella 

speranza di un Tempo migliore al quale possiamo concorrere 

animando di un respiro nuovo il nostro cuore intorpidito.

Riteniamo in tal modo di riflettere sulla Pasqua che verrà.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy