BANNER-ALTO2
A+ A A-

aeroporto-Crotone-De-Felice-1080x581Con stupore e incredulità leggendo “La Stampa” di Torino di oggi 14 maggio ho appreso che la Regione Calabria riapre finalmente l’aeroporto “Sant’Anna” di Crotone, senza viaggiatori, pagando 570 mila euro di fondi pubblici a favore della Compagnia Rynair, la quale garantirà i collegamenti con le città di Pisa e di Bergamo soltanto per i tre mesi estivi e fino al prossimo mese di ottobre. Il cronista nel titolo ha voluto rimarcare che l’aeroporto Sant’Anna è senza viaggiatori e quindi inutile e superfluo perché già operano in Calabria due aeroporti efficienti, come quello di Lamezia Terme e di Reggio Calabria. Una storia che sembra non avere mai fine. Infatti l’aeroporto venne chiuso nel 2016, ma oggi, col primo giugno sarà riaperto. Il Governatore della Calabria On. Mario Oliverio, presentando le due nuove rotte, quelle di Pisa e di Bergamo, ha così commentato:- Abbiamo sostenuto la ripresa dei voli perché nessuna compagnia vola gratis-. E così la Regione Calabria e i Comuni della Provincia di Crotone si sono impegnati a sostenere la compagnia irlandese per fare funzionare l’aeroporto. La Corte dei Conti Europea nel 2014, due anni prima della chiusura definitiva dello scalo, lo aveva definito “superfluo” perché non aveva mai raggiunto il traguardo fissato a quota di 300 mila passeggeri all’anno. Ora il Sales and Marketing Manager per l’Italia di Rynair John Alborante ha fissato come obiettivo 70 mila clienti con queste due nuove rotte estive: Pisa e Bergamo. Obiettivo forse irraggiungibile, anche perché l’ultima compagnia che aveva investito su Crotone, l’austriaca Flyservus, in due anni aveva ricevuto soltanto 47 prenotazioni. Ma l’apertura dell’aeroporto è di vitale importanza per gli abitanti di Crotone e della provincia, anche perché la città e dintorni vivono praticamente isolati. Per raggiungere Roma i treni impiegano più di otto ore. Per non parlare poi della strada statale 106, conosciuta da tutti col nome di strada della morte, dove gli incidenti mortali sono all’ordine del giorno.

Leggi tutto... 0

Verso le ore 20:10 di ieri, la polizia è intervenuta nei pressi delle Poste Centrali, dopo la segnalazione di due ragazze che avevano subito il furto di un telefono cellulare da parte di due extracomunitari che, dopo aver consumato il furto, si sarebbero poi riavvicinati alle vittime chiedendo il codice di sblocco del cellulare e, al rifiuto, con un pugno ne avrebbero rotto il display.

Personale della questura di Crotone ha tratto in arresto due cittadini stranieri, A.F.A. di 24 anni e M.J. di 25 anni, entrambi nati in Bangladesh, ed accusati di furto con strappo.

Una volta bloccati i due soggetti sono stati accompagnati in Questura per gli adempimenti di rito e, poco dopo, su disposizione dell’A.G. competente, tradotti in carcere.

Leggi tutto... 0

master-psicologia-criminaleLo psicologo criminale è un lavoro che a molti risulta istintivamente affascinante. Ne abbiamo spesso una visione romanzata, quella che vediamo in molti film thriller e serie Tv americane, in cui lo psicologo criminale diventa la persona chiave per la risoluzione di efferati delitti.

Vediamo questi personaggi dalla grande cultura ed una capacità di scavo dell’interiorità umana molto spiccata come essere misteriosi, che celano la propria interiorità per esercitare le proprie doti di comprensione degli altri al servizio della comunità proteggendola dai delinquenti più pericolosi.

Nonostante questo, in Italia non si parla molto di psicologi criminali. Si li vediamo in Tv seduti nei Talk Show che discutono di delitti recenti o di criminalità in generale e di cosa può incentivarla ma pochi giovani sanno come si diventa Psicologo Criminale e che tipo di lavoro è nei fatti.

Come si diventa psicologo criminale?

Per esercitare questa professione si parte da una laurea in psicologia criminale o in criminologia, di solito dopo le lauree si prosegue con corsi di perfezionamento: di solito, nello studio della criminologia, psicologia e diritto vanno di pari passo, quindi è necessaria non solo la conoscenza della psiche, ma anche quella del diritto, nonché studi specifici sui crimini in modo tecnico. Di solito quindi dopo aver conseguito la laurea specialistica è importante continuare il percorso con un master apposito.

Cosa fa lo psicologo criminale?

Nei film lo psicologo criminale è impegnato in conversazioni con spietati assassini o nel profilare possibili colpevoli, in realtà, nonostante queste sembrino le attività più eccitanti secondo Hollywood, lo psicologo criminale fa più di questo.

Oltre al collaborare attivamente con le forze dell’ordine e la magistratura per risolvere dei casi lo psicologo criminale si occupa anche del reinserimento dei criminali nella società. Quindi il lavoro si svolge o come consulente per la magistratura o nelle strutture carcerarie.

Solitamente per inserirsi in questo mondo, che pur essendo piccolo, può offrire molte soddisfazioni (e anche notorietà come vediamo recentemente in tv con alcuni affermati criminologi italiani) si inizia con dei tirocini presso professionisti che già esercitano questa professione o anche con attività di volontariato nelle carceri, anche ovviamente dottorati di ricerca possono aprire le porte guadagnando al giovane professionista un buon nome negli ambienti del settore.

Anche gli avvocati difensori oggi possono compiere indagini per tutelare gli assistiti (è così dal 2000) quindi il parere di esperti in criminologia può aiutare e diventare utile in fase di processi.

In territori come la Calabria, in cui purtroppo il crimine è quasi sempre identificato dal fenomeno mafioso, il lavoro dello psicologo criminale è importantissimo in quanto non solo può aiutare durante le indagini ma è un valido supporto per aiutare quelle persone, magari giovanissime, finite in carcere perché nate in contesti difficili ma che possono ancora cambiare e diventare membri attivi e positivi della società.

In casi come questi il lavoro dello psicologo criminale diventa quasi una missione con un ritorno altissimo: aiutare qualcuno a cambiare la propria vita partendo dalla situazione più disperata ed aiutandoli a fare le scelte giuste. Sicuramente la parte del lavoro più appagante che il semplice aiutare ad arrestare chi ha già fatto la scelta sbagliata.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Crotone

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy