BANNER-ALTO2
A+ A A-

laz2020Le misure di contenimento per il contrasto al Covid 19 impongono, soprattutto nelle fasce più a rischio, il necessario sostegno di generosità sociale per affrontare le difficoltà che stiamo vivendo.
Per l’emergenza serve una rete di solidarietà capillare per supportare alcune tipologie di servizi come la consegna dei farmaci e della spesa a domicilio, aiuto al sistema sanitario impegnato in un immenso sforzo, e ai tanti uffici pubblici aperti per garantire i servizi essenziali.
Il Reddito di cittadinanza, introdotto dal D.L. 4/2019 e con le successive modifiche, impone ai percettori di prestare la propria disponibilità anche a progetti di titolarità dei Comuni, utili alla collettività, in ambito sociale e di tutela dei beni comuni, presso il Comune di residenza.
Per tale ragione, in un’emergenza nazionale come questa dove molto personale è ingaggiato per svolgere il proprio dovere senza avere un minuto di riposo, perché impegnati a salvare la vita ai malati, non ho sentito un solo progetto o una sola persona beneficiaria del reddito, offrire la propria collaborazione per aiutare l’Italia.
Sono tante le associazioni di volontariato che avrebbero bisogno di aiuto, eppure non mi è sembrata che ci sia stata una presa di responsabilità verso il volontariato, da parte di quell’ampia popolazione di persone che percepisce il reddito.
Anche ad Amantea, c’è tanto bisogno di solidarietà sociale, abbiamo la #ProLocoAmantea che si è attivata per prestare aiuto alle persone in difficoltà, ma il territorio è vasto, per questo necessitano certamente più persone per riuscire a soddisfare tutto il territorio, rimbocchiamoci le maniche tutti!!
In tutto questo, per la verità, sto riscoprendo un nuovo volto del nostro paese, evidentemente unico, che ha tirato fuori con tanta determinazione, un’azione collettiva da parte di tutti, silenziosa ma di grande spessore morale.
Anche Amantea sta pagando un prezzo altissimo, un sacrificio enorme soprattutto i settori del commercio e del turismo per il perdurare del blocco.
Per questo, NON dimentichiamoci di loro, subito dopo questo brutto momento, premiamo Amantea e L’Italia, aiutiamo la nostra economia e non lasciamoli soli!!
Ricordiamoci sempre che anche noi, stando a casa e rispettando le disposizioni, stiamo dando un nostro grande contributo a salvare vite umane, resistiamo!!
W Amantea- W L’Italia

Pubblicato in Politica

cina magazzinoCome sta avvenendo in tutto il territorio comunale anche la comunità cinese cittadina ha deciso di

dare il proprio contributo alla lotta contro il contagio al Covid-19. Questa mattina infatti un noto

commerciante originario della Cina ha donato al Comune di Amantea un importante quantitativo di

mascherine chirurgiche che consentiranno a tutti coloro, dipendenti, polizia municipale e volontari,

che stanno operando sotto il coordinamento del centro operativo comunale, nella gestione

dell'emergenza.

L'Amministrazione Comunale ringrazia l'operatore economico per l'apprezzabile gesto che consente

all'ente di superare le grosse difficoltà presenti sul mercato nel reperimento dei dispositivi necessari

per la salvaguardia della sicurezza degli operatori impegnati.

E' il secondo intervento di supporto ricevuto dall'Amministrazione Comunale che nei giorni scorsi

ha anche ricevuto una scorta di prodotto igienizzante per le mani, messa a disposizione dai

Dipartimenti di Chimica e di Farmacia dell'Unical.

L'impegno sul campo è massimo ma sarà in grado di produrre frutti solo se tutta la popolazione

continuerà, come sta facendo, a restare a casa, nel rispetto delle prescrizioni imposte dal Governo e

dalla Regione.

#RESTATEACASA

Pubblicato in Primo Piano

giuliano20Pubblichiamo l'articolo inviato alla nostra redazione da un carissimo amico medico, nostro concittadino, che lavora fuori Amantea.

 E’ opinione diffusa che avere una buona salute corrisponda a qualsiasi condizione in cui non si soffra di alcuna malattia o di disturbi che provochino disagi o dolori. La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Possono essere considerate malattie tutte quelle 

condizioni che generano in un organismo vivente la perdita della salute che, secondo la definizione dell’O.M.S. è intesa, come uno stato di completo benessere. 

Le malattie infettive sono causate da agenti patogeni che possono essere microrganismi, virus, o anche organismi pluricellulari. 

Non sono sempre contagiose da individuo a individuo e alcune lo sono in determinate condizioni.

Si è in presenza di un’infezione quando gli agenti patogeni entrano nell’organismo e si moltiplicano provocando danni più o meno gravi. L’attacco di un agente patogeno non sempre sfocia in un’infezione, in quanto, spesso, non trova le condizioni necessarie per la sua moltiplicazione; altre volte, pure, se il microrganismo si moltiplica, l’organismo reagisce formando anticorpi che bloccano il suo proliferare prima che si manifesti la malattia. 

La risposta immunitaria protegge l’individuo da un nuovo attacco dello stesso microrganismo e questa protezione può durare per un periodo limitato o per tutta la vita, a seconda dell’agente 

patogeno e delle condizioni del singolo individuo.

Il microrganismo, inoltre, pur in assenza di malattia, può restare presente nell’individuo che diventa un portatore sano. 

In questo caso, il contagio può essere trasmesso ad altri con un liquido biologico (sangue-saliva-urina) che contiene il microrganismo. 

I virus non si adattano a nessun schema organizzativo proprio di un organismo vivente, tanto è vero che in genere, non vengono considerati organismi, ma sono parassiti. 

Essi devono usare gli enzimi dell’ospite, le sue materie prime ed i suoi rifornimenti di energia per riprodursi; sono agenti patogeni per tutti i viventi. 

La singola particella virale, o virione, è costituita da un filamento semplice o doppio 

di acido nucleico (DNA- RNA) da un enzima o due e da un involucro proteico detto capside. 

In molti casi, l’involucro proteico è avvolto da una seconda membrana di natura lipidica. 

Nei virus, non avvolti dall’involucro lipidico, il capside è formato da un numero caratteristico e costante di unità strutturali identiche, dette capsomeri, i quali, sono disposti reciprocamente in modo diverso a seconda della specie virale. 

Molti virus hanno forma cilindrica o elicoidale, con simmetria più o meno evidente. 

Nessuno sa con precisione come siano originati i virus, ma sembra probabile che essi siano comparsi come materiale genetico aberrante, 

provenienti da cellule normali.Tipi diversi devono essere sorti indipendentemente l’uno dall’altro, poiché i loro meccanismi di base sono molto diversi: in qualche virus il materiale genetico è DNA a doppio filamento proprio come in tutti gli organismi viventi, ma, in altri virus, il materiale genetico varia; si ha infatti, il DNA a filamento singolo, RNA a doppio filamento, RNA a filamento singolo, numerosi piccoli frammenti di RNA. L’acido nucleico può essere circolare o lineare, all’interno della cellula ospite, il virus può persino cambiare il tipo di acido nucleico che usa: i virus RNA spesso fanno copie di DNA dai propri genomi. 

Nei virus a DNA, l’acido nucleico entra nel citoplasma dell’ospite dove il virus ne fa 

il suo domicilio; questo DNA porta l’informazione per proteine patogene specifiche oltre che per la sua replicazione, poiché il tragitto nella cellula è il processo della sintesi proteica, cioè, dal DNA alle proteine. 

Un virus ad RNA è una molecola lunga di circa trecento coppie di basi, priva di rivestimento proteico. 

La presenza di molti legami tra coppie di basi dà al virus una struttura compatta che lo rende resistente agli enzimi che degradano l’RNA.Sin qui non ci sarebbe nulla di strano se non fosse che questo piccolo RNA non è in grado di codificare per nessuna proteina. 

Come si spiega allora l’effetto patologico del virus? Quest’ultimo si comporta come una molecola regolatrice che altera l’esecuzione del programma genetico della cellula ospite, interagendo con alcuni suoi componenti; tutti gli enzimi necessari a far moltiplicare il virus vengono forniti dalla cellula infettata. 

Il coronavirus è un virus ad RNA a singolo filamento con un nucleo capside di simmetria elicoidale. 

Visibile al M.E. presenta una frangia di grandi proiezioni superficiali bulbose che creano un’immagine che circonda una corona reale o solare.Sono responsabili di patologie nei mammiferi e negli uccelli, nell’uomo provocano infezioni respiratorie, in alcuni casi letali, come polmoniti e bronchiti. 

Sono stati responsabili delle gravi epidemie di SARS del novembre 2002, di quelle della MERS del 2012, e della polmonite di Wahan del 2019 e 2020.Negli ultimi mesi che riguardano il coronavirus ci riportano a ricordi di un passato di guerra, un passato non lontano che ci parla di distruzione di morti, di paura, una paura che nessuno di noi vorrebbe vivere. 

Video e immagini documentano il brutto momento che stiamo attraversando, che non è 

frutto di un invenzione, ma di uno scenario che sicuramente cambierà le abitudini degli italiani, tenendo conto di un tessuto politico a pezzi e di un sistema economico al collasso. 

Con fiducia confidiamo nella possibilità che si possa stabilire una fase duratura di armonia; armonia e speranza a cui un periodo di tregua porta, sono diritti di cui ogni uomo, in quanto tale dovrebbe godere. Vale dunque rispettare le regole e ripetere lo stesso ritornello:’’ Io resto a casa’’. Il Coronavirus non migliora, non cancella, non fa miracoli, non paga i debiti, non lava i peccati. In questo mondo che non consce più la grazia il cuore fa fatica ad ammetterlo…. Che cos’è che cambierà su questa terra stanca, dopo che i morti dormiranno insieme sotto le zolle, e l’erba sopra sarà tenera, lucida, nuova, piena di silenzio al sole della primavera che non è sempre la stessa.

Fra. Ga.

Pubblicato in Politica

andra2020Ci arrivano aggiornamenti sugli esiti degli esami microbiologici, sui tamponi eseguiti ai due pazienti della nostra città, trovati positivi al Coronavirus Covid 19.

Nella darvi la notizia ieri, a noi era sembrata in un primo momento catastrofica, abbiamo cercato di contattare l'equipe che ha esaminato la situazione ad Amantea, non riuscendo di fatto, ma abbiamo ricevuto i dati necessari ad informarvi che la carica virale (la quantità di virus in circolo), riscontrata ai due nuovi contagiati di Amantea, è bassa e l’assenza di sintomi, come tosse e raffreddore, fa sì che il virus si diffonda poco, né è comprova il fatto che, solo due dei sette tamponati a contatto col paziente zero di Amantea, siano state di fatto contagiate.

Al contrario, come nell'esempio avvenuto nel vicino Comune di San Lucido, la contagiosità è più elevata durante la fase con la maggiore presenza di sintomi.

Quindi di fatto, ne desubiamo che, il coronavirus del paziente zero di Amantea, dalle analisi di laboratorio eseguite, risulta essere in una fase scarica di virus.

Nel soggetto paziente zero di Amantea, il coronavirus covid 19 è stato più violento, per il cagionevole stato di salute dello stesso, dov'è il virus a trovato "terreno fertile".

Del Covid-19 sappiamo ancora poco su come agisce e come si trasmette». Ad ammetterlo non è uno qualunque ma Hans Kluge, Direttore Regionale dell'Oms per l'Europa. 

È dalle risposte che il mondo scientifico riuscirà a fornire dipenderà buona parte dell’esito della battaglia contro l’epidemia.

Pubblicato in Primo Piano

coronavirusCatanzaro – Ecco la situazione odierna relativa all’emergenza coronavirus in Calabria secondo il bollettino emesso dalla Regione.
In Calabria ad oggi sono stati effettuati 3546 tamponi.
Le persone risultate positive al Coronavirus sono 319 (+27 rispetto a ieri), quelle negative sono 3227.
Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:
– Catanzaro: 9 in reparto; 12 in rianimazione; 43 in isolamento domiciliare
– Cosenza: 35 in reparto; 3 in rianimazione; 39 in isolamento domiciliare; 5 deceduti
– Reggio Calabria: 24 in reparto; 5 in rianimazione; 59 in isolamento domiciliare; 5 guariti; 4 deceduti
– Vibo Valentia: 2 in reparto; 1 in rianimazione; 15 in isolamento domiciliare
– Crotone: 18 in reparto; 39 in isolamento domiciliare; 1 deceduto
I soggetti in quarantena volontaria sono 6952, così distribuiti:
– Cosenza: 1344
– Crotone: 699
– Catanzaro: 716
– Vibo Valentia: 796
– Reggio Calabria: 3397
* NB-Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non è conteggiato il decesso avvenuto a Reggio Calabria poiché successivo alla comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

fonte notizia

Pubblicato in Calabria

posta2020È metà mattinata quando improvvisamente la saracinesca dell'ufficio postale di Amantea si abbassa, lasciando davanti al porta una decina di persone in fila in attesa di entrare, si pensa ad un malore o ad un problema tecnico.

Gli utenti rimasti fuori sollecitano sapere la motivazione, ma da dentro l'ufficio postale non vengono divulgate alcune informazioni ufficiali, .

Dopo 10 minuti arriva la volante della Guardia di Finanza di Amantea, chiamata da qualcuno dei presenti in fila, che chiede lumi al direttore presente all'interno.

La stessa volante comunica ai presenti in fila di tornare nelle proprie abitazioni, perché nella giornata di oggi ufficio postale resterà chiuso.

Abbiamo cercato di conoscere le motivazioni di questa chiusura improvvisa, ma non c'è stata data alcuna spiegazione ufficiale, le voci informali che si susseguono sono diverse e diversificate pare che tanti dipendenti, nella giornata di oggi, si siano assentati, chi per malattia chi per altre motivazioni, altre voci informali ci indicano che i dipendenti lamentino la mancanza di DPI, oltre che, pare, che manchino le barriere in PVC per separare la clientela dagli operatori.

Sta di fatto che l'ufficio postale è rimasto chiuso per tutta la la mattinata, e crediamo anche per il pomeriggio, aspettiamo comunque notizie ufficiali da parte della direzione di Cosenza.

Resta il fatto che se dovesse continuare a essere chiuso l'ufficio centrale di Amantea, si metterebbe a rischio il prelievo delle pensioni a fine mese.

Pubblicato in Cronaca

maschera 01Cucire le mascherine, tante le iniziative in Calabria da imprese private, come nel caso a Reggio Calabria, uscito sul Corriere della Calabria oggi, che hanno riconvertito la produzione industriale, oppure delle associazioni di volontariato, come nel caso della Pro loco di Amantea, che si sono messi a cucirle e donarle.

La Calabria che combatte contro il Coronavirus è anche quella delle imprese e dei volontari che in questi giorni difficili si sono messi a produrre mascherine, per proteggere dal contagio gli operatori sanitari, che lottano in prima linea contro il Covid-19, ma anche tutti gli altri lavoratori che non possono fermarsi, oltre che tutti colori i quali sono impossibilitati ad acquistarle.

Questi dispositivi infatti sono fondamentali e non sono mai abbastanza, ma la bella calabria si è rimboccata le maniche, tanto che ieri il presidente della Regione, la neo eletta Jole Santelli, ha annunciato che "siamo l'unica regione che fa autoproduzione di mascherine, belle e colorate.

Questi dispositivi devono essere realizzati in tessuto omologato, un processo delicato che vede mani certosine passare da ago e filo a spillatrici ad elastici e tessuti, è il caso della Pro loco di Amantea, che non solo vanta tante consegne a domicilio di farmaci e beni di prima necessità, di cui la nostra redazione è spettatrice in prima linea, ma oggi produce mascherine, fatte in casa, da abili collaboratori e volontari e le distribuisce gratuitamente a coloro che ne hanno più bisogno, colori i quali non riescono a permetterseli, oppure non riescono a trovarle.

Ed è da lì che dovrebbe partire una campagna cittadina, dove ognuno di noi può donare materiale, per offrire un contributo concreto all'espansione della rete di produzione sul territorio, chiunque può fare una donazione per l'acquisto di materiale presso i grossisti, oppure fare direttamente una donazione di tessuto, elastici e fili per la realizzazione delle mascherine Tutti sono invitati a promuovere la campagna per coinvolgere un numero maggiore di sarte che possano offrire la propria professionalità. 

Si cercano inoltre addetti ai lavori che si rendano disponibili nella sterilizzazione delle mascherine prima della consegna.

Una volta pronte si stabilirà a chi donarle, sicuramente a coloro che sono in prima linea in questo momento di emergenza, intanto la proloco di Amantea ne ha già pronte 500.

Pubblicato in Primo Piano

CROCE BLUL'associazione croce blu amantea onlus anche in questo periodo di grave emergenza sanitaria continua la sua opera di assistenza a tutti i pazienti dializzati e bisognosi avendo quasi ultimato le proprie scorte dei materiali occorrenti chiede a chiunque voglia donare qualsiasi tipo di materiale come (mascherine, guanti, tute, occhiali protettivi, materiale disinfettante, ausili medici e quant'altro possa essere utile al fabbisogno del contenimento del covid-19), la scrivente associazione ringrazia anticipatamente quanti accoglieranno la richiesta e si impegna anche a donare e consegnare il materiale da voi gentilmente donato agli operatori delle ambulanze del 118 del comprensorio nonche alle strutture ospedaliere per eventuali contatti per ritiro e per qualsiasi altra comunicazione tel. 338.4827949 oppure 320.1120300 e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - noi continuiamo la nostra opera di assistenza volontaria voi RESTATE A CASA

Pubblicato in Cronaca

com 2020Sono 235 (28 in più di ieri) le persone risultate positive al coronavirus in Calabria, secondo i dati diffusi dalla Regione. 

Finora sono stati effettuati 2480 tamponi, di cui 2245 risultati negativi.

Mentre in Calabria salgono i casi di contagio, Amantea attende i risultati ufficiali, ancora non diramati dagli organi sanitari, dei tamponi effettuati venerdì scorso in seguito ai contatti effettuati dal paziente numero zero.

Inoltre siamo venuti a conoscenza di ulteriori tamponi, non legati al paziente zero, effettuati ad Amantea nella giornata di ieri, oltre che di altri che verranno effettuati nella mattinata odierna.

Ci giungono da confermare, anche notizie, abbastanza preoccupanti, di un contagio su Fiumefreddo Bruzio, pare che lo stesso abbia parenti stretti ad Amantea.

Inoltre è di questa notte la notizia del decesso della settima vittima calabrese con il Coronavirus.

Si tratta di un uomo di 75 anni, di San Lucido, che si è spento questa notte, dopo l’aggravarsi delle sue condizioni, mentre era ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale dell’Annunziata di Cosenza.

Mentre la sanità calabrese è in confusione, dalla mancanza di reperibilità di tamponi, al massiccio accesso al certificato medico di malattia di medici e personale sanitario a Crotone e non solo, la politica Regionale e Nazionale è inerme e confusa, oltre che inadeguata, si cerca di chiudere il nord mentre dovevano farlo immediatamente, ora senza controlli, di nessun genere, se non quello scenografico, ci prepariamo al gran finale.

Il governo ha fallito al nord e non ha provveduto nemmeno a salvare il sud, Il tempo stringe,

Prepariamoci al peggio.

Forse meritiamo l'estinzione, non abbiamo costruito nulla, ed a capo di ogni struttura sanitaria e di comando sono stati incaricati persone inette, inaffidabile, raccomandati e corrotti. Ci auguriamo di sbagliare l'analisi politica ed operativa.

Mentre l'ansia cresce in ognuno di noi, raccomandiamo nuovamente a tutta la popolazione di Amantea ed a tutta la popolazione Calabrese, di rimanere a casa e di non uscire.

Pubblicato in Primo Piano

solo1Siamo entrati in Primavera e nessuno vi ha avvisato? Vabbè tanto iorestoacasa e ci pensa tirreno news, voi restate comodi che all’infomazione sul nostro condominio Via Lattea, ci pensiamo noi tanto domenica arriva l’inverno (che non abbiamo avuto).

Questa mattina alle 4:49 è avvenuto l'Equinozio di Marzo. Speriamo che oltre al miglioramento della stagione migliori anche il resto ……

La fine dell'inverno per noi, e dell'estate nell'emisfero australe. Dalle nostre latitudini fino al prossimo solstizio di Giugno vedremo il Sole sempre più alto nel cielo e le notti continueranno a ridursi in favore del giorno.

Nell'immagine il confronto della posizione del Sole al mezzogiorno solare durante il Solstizio di Dicembre, gli equinozi di Marzo e Settembre ed il Solstizio di Giugno. Durante il corso dell'anno il Sole compie archi sempre più alti sull'orizzonte man mano che si avvicina l'estate e sempre più bassi con l'arrivo dell'inverno.

Per allargare un po’ l’orizzonte nel nostro sistema solare nonno Rigel vi informa che Voyager 1 è già entrato nello spazio interstellare sin dal 2012 mentre voyager 2 che emette segnali sconosciuti ha passato la fascia di Kuiper, il nostro confine, e celebra l’ingresso nell’ignoto. Le due sonde portano i saluti interstellari di stagioni e mentre viaggiano portano questi messaggi dalle persone del pianeta Terra. Sono testimoni di civiltà umana nell’universo tenendo conto della tecnologia dell’epoca. La cosa più emozionante che racconteranno nei prossimi anni probabilmente qualcosa che non sapevamo fosse là fuori, in attesa di essere scoperta.solo2

Da nessuno per nessuno

Adesso mentre una Voyager si allontana dal sistema solare la luce del sole si affievolisce e prima o poi verrà superata dalla luminosità della stella Sirio ma questo è un altro spazio che affronteremo dopo…….

Buon proseguimento amico, continua a darci informazioni come il tuo gemello. Il futuro dell’umanità è anche nei vostri messaggi sempre più lenti sempre più attesi..

Amici lettori, un abbraccio stellare e buona primavera ancora a tutti, ribadiamo dalle 4.49 di questa mattina

solo3(E comunque abbiamo l'inno più bello del mondo)

stateacasa

non vi lascio…..

La Luna di questa sera.!!

Al suo sorgere è di una bellezza inaudita da spegnere ogni nostra paura e farci sognare ancora un po’ed ancora un pò

 

Pagina 2 di 176
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy