BANNER-ALTO2
A+ A A-

Amantea, il dirigente scolastico Antonella Bozzo: «Scuola dimenticata»

Vota questo articolo
(3 Voti)

libriscuolaIl dirigente scolastico del "Mameli-Manzoni" di Amantea si rivolge alle istituzioni. 

Ecco l'intervento di Antonella Bozzo:

In qualità di dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Mameli Manzoni di Amantea, vorrei segnalare la grave situazione dell’edilizia scolastica nel comune di Amantea. A Marzo del 2017 il plesso della scuola media Mameli veniva improvvisamente chiuso in seguito ai carotaggi effettuati dal Comune di Amantea. Il plesso, oltre ad ospitare le classi della scuola media, era sede degli uffici, disponeva di ampi spazi laboratoriali, auditorium – teatro, palestra, biblioteca. Tutto questo, in modo improvviso e repentino, è stato tolto ai ragazzi, ai docenti e alla comunità tutta di Amantea. 

Con molta difficoltà e tantissimi sacrifici da parte di tutta la comunità scolastica, si è trovato il modo di continuare a garantire il servizio scolastico ospitando le classi della scuola media in due plessi di scuola primaria e, dividendo, pertanto, la scuola media in due edifici diversi con evidenti disagi per tutti. 

Da tre anni i docenti e gli alunni delle scuole primarie e della scuola media di Amantea lavorano in spazi ristretti, senza l’uso di spazi laboratoriali adeguati, senza palestra e con la difficoltà di far convivere, nello stesso edificio, ragazzi di età ed esigenze diverse. Non oso immaginare quale possa essere la ripresa a settembre qualora dovessimo garantire il distanziamento tra alunni e personale.

Tutto questo sarebbe normale ed accettabile se ci fosse stato da parte delle amministrazioni competenti (Comune e Regione) il giusto interessamento e la determinazione a risolvere in tempi adeguati la problematica. E invece da tre anni non si è mossa una pietra dell’edificio chiuso: il progetto prevedeva demolizione e ricostruzione di gran parte dello stesso; al momento della chiusura del plesso c’erano state ampie rassicurazioni di tempi celeri per l’inizio e l’ultimazione dei lavori. Sono passati tre anni e niente si è mosso: i lavori non sono mai iniziati, l’edificio è abbandonato nella totale incuria e non si vedono prospettive. 

Come dirigente scolastico ho notizie che in altri comuni dove si sono avuti gli stessi problemi le scuole sono state ristrutturate o ricostruite a dimostrazione che le pratiche sono andate avanti nonostante la burocrazia e le difficoltà. Perché ad Amantea tutto è fermo?

La mia rabbia è tanta: una scuola che lavora con grande determinazione e passione, anche in questi tempi di enormi difficoltà, che ha saputo reagire all’emergenza del 2017 e a quella del 2020 con senso del dovere e con professionalità, è messa con le spalle al muro da un contesto che invece di supportare la scuola l’ha abbandonata a se stessa. Senza falsa modestia probabilmente la reazione del mondo della scuola è stata tanto efficace da far “dimenticare” che ad Amantea da tre anni la scuola media non esiste.

Mi rivolgo allora al Presidente della Regione Calabria e ai commissari del Comune di Amantea perché finalmente si dia una svolta a questa situazione che ha quasi dell’incredibile e si consenta agli alunni e ai docenti dell’istituto comprensivo Mameli Manzoni di Amantea di lavorare in modo dignitoso e in condizioni di parità con le altre scuole del Paese. (*Dirigente Scolastico IC Mameli Manzoni Amantea)

Ultima modifica il Sabato, 23 Maggio 2020 13:33

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy