BANNER-ALTO2
A+ A A-

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

E’ fiducioso nella giustizia il maresciallo di Diamante Mario Lucia. Ed il suo avvocato Francesco Liserre ha anche fatto sapere che l’inquisito è certo che la magistratura farà luce su tutta la vicenda.

Il luogotenente della Stazione carabinieri di Diamante, Mario Lucia, sarà sentito lunedì prossimo dal Giudice paolano per l'interrogatorio di garanzia. In mattinata, alle 10.30, il sottufficiale dell'Arma dovrà presentarsi al Tribunale paolano accompagnato dal legale di fiducia, Francesco Liserre, per rispondere come è noto dei due reati dei quali è accusato: concussione e violenza privata.

Il luogotenente, in seguito alla richiesta del legale di fiducia, ha anche ottenuto il permesso di recarsi con mezzi propri e quindi libero in tribunale per essere sentito dai giudici.

Il sottufficiale si trova nella residenza del comune di Serrastretta nei pressi di Lamezia Terme, paese di origine, dove resterà ai domiciliari fino a a nuove disposizioni dell’autorità giudiziaria.

Nel frattempo l’avvocato Liserre ha spiegato che. “Non abbiamo ancora deciso la linea difensiva e restare in silenzio potrebbe essere la scelta migliore. L’indagine è molto articolata e complessa e le accuso gravi. Non abbiamo nemmeno avuto la possibilità di esaminare per bene la documentazione acquista dalla magistratura in modo da avere contezza della vicenda”

In questa fase, come è noto, i rapporti sono esclusivamente improntati al confronto fra il giudice e l'indagato, assistito dal legale. Non rientrano in gioco, al momento, altre persone come il guardiano del villaggio residenziale assistito dall'avvocato Battista Greco che ha presentato la denuncia. Ci sono ulteriori elementi di indagine che probabilmente andranno chiariti nel tempo.

Nel giro di poco tempo, nell’ambito della relativa inchiesta penale, l’uomo è stato tratto in arresto. Il protagonista del caso giudiziario è B.N., 60 anni, di Belvedere Marittimo, condannato ieri mattina in primo grado a 4 anni e mezzo di reclusione per stalking ed estorsione.

B.N. maltrattava e minacciava una badante dell’Est, con la quale intendeva condividere una relazione a tutti i costi e a cui avrebbe sottratto anche del denaro.

Comportamenti persecutori, iniziati nel 2011, che si sarebbe protratti per più di un anno, fino a quando la donna non ha deciso di presentare denuncia presso la locale stazione dei carabinieri.

La sentenza è stata emessa dal Gup del Tribunale di Paola, Carmine De Rose, con il rito abbreviato, procedura che comporta la riduzione di un terzo della pena.

La condanna ha rispettato in toto quella richiesta dal pubblico ministero, Sonia Nuzzo.

Secondo il teorema accusatorio l’imputato ha perseguitato la straniera, che lavora come badante nella cittadina tirrenica, chiedendogli quotidianamente di instaurare una relazione con lei, minacciandola di uccidere la famiglia presso la quale era impiegata se si fosse rifiutata.

L’uomo avrebbe molestato la donna anche telefonicamente, chiamandola più volte al giorno, e si sarebbe appostato con assidua continuità nei pressi dell’abitazione dove lavorava. In altra occasione si sarebbe vicinato a lei nel tentativo di baciarla e abbracciarla. Più volte, infine, l’avrebbe ingiuriata e offesa, rivolgendogli anche la seguente frase minatoria, come si evince dal capo d’imputazione: “Non avvisare i carabinieri perché io ho una pistola carica ed ammazzo tutti”.

Per quanto concerne l’accusa di estorsione il sessantenne, “con violenza e minaccia”, si è fatto corrispondere dalla badante la somma di 700 euro. Ciò sarebbe accaduto a marzo 2012. Dopo tre mesi estorceva alla stessa altro denaro, stavolta 800 euro.

E’ indispensabile avere conoscenza del seguente avviso pubblico emanato dall’Ufficio Tributi del comune di Amantea.

“Riguardo alla recente fattura delle lampade votive 2007/08/09, indirizzata a quanti risultano non aver pagato tali anni, si segnala che durante la procedura di fusione delle tre annualità, così come ha riferito lo Studio che fa da “service” all’ufficio per la elaborazione e la stampa degli avvisi, erroneamente la spesa di notifica è stata riportata per tre volte.

Il disguido si è verificato perchè il carico originario da riscuotere era predisposto per singoli anni, ma in seguito alla decisone di gestire in una unica soluzione l’intero triennio, nel generare tale fusione, inavvertitamente è stata riportata per tre volte la spesa di notifica

Naturalmente , coloro che hanno già pagato la fattura per come l’anno ricevuta, possono esigere il rimborso oppure, ove non abbiano pagato le annualità successive al 2009, la compensazione, rivolgendosi direttamente presso gli uffici, via fax, via e mail ovvero telefonicamente ai numeri 0982 429236 -429216

Quanti, invece, non hanno ancora pagato possono versare stornando dall’importo la somma eccedente richiedendo il nuovo bollettino postale all’ufficio utilizzando i canali di cui sopra

Nel domandare scusa, si precisa che l’ufficio è estraneo a quanto accaduto e tanto meno non vi sono responsabilità dell’amministrazione comunale o di amministratori in particolare”

L’avviso chiude, pertanto, le voci che si sono rincorse per la cittadina sull’errore, come dichiarato, occorso per un errore dello Studio incaricato e senza alcuna responsabilità dell’ ufficio o degli amministratori.

BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy