BANNER-ALTO2
A+ A A-

- Locandina iniziativaIl Museo Archeologico dell’antica Kaulon aderisce alla celebrazione della Giornata Nazionale del Paesaggio promossa dal MiBAC proponendo, giovedì 14 marzo 2019, alle ore 17.00, l’iniziativa Il paesaggio sacro della Passoliera - Le terrecotte architettoniche raccontano... .

In tale occasione, saranno resi noti i risultati di recenti ricerche, condotte da Greta Balzanelli, dottoranda Università degli Studi di Pisa, su almeno 300 frammenti di terrecotte conservati nei magazzini del Museo.

Tale studio, oltre che proporre nuove interpretazioni sui reperti appartenenti allo stesso gruppo di terracotte architettoniche, rinvenute agli inizi del secolo scorso e facenti parte dell’esposizione museale permanente, permette di ampliare la conoscenza del paesaggio sacro di Caulonia di età arcaica e del ruolo svolto dall’area sacra della Passoliera.

Il Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon, diretto da Rossella Agostino, è afferente al Polo Museale della Calabria, guidato da Antonella Cucciniell

Leggi tutto... 0

Sono tanti. Troppi, i cinghiali.

E non trovando da mangiare a sufficienza nei boschi e nelle campagne scendono nei paesi e nelle città.

Anche a Catanzaro.

 

 

 

 

Ieri, in tarda serata, due esemplari di grossa taglia sono stati trovati a gironzolare per via del risorgimento nel quartiere sud di S. Maria, incutendo paura a chi si è imbattuto con loro in questo spiacevole quanto inaspettato incontro.

I due mammiferi hanno svegliato anche lo spirito di curiosità spingendo gli “impavidi avventurieri” ad avvicinarsi per scrutare i due mammiferi, scortandoli fino a via dei conti Falluc.

Gli animali evidentemente spaventati sono rimasti spesso immobili all’avanzare dell’autovettura che non poteva fare altro che spingerli fuori dal centro abitato consentendo loro di fare ritorno nelle campagne a ridosso del quartiere.

Non si segnalano, fortunatamente, danni a cose o persone.

Ma il rischio quando ci si imbatte in animali che rimangono selvatici e che possono diventare aggressivi quando si sentono minacciati o qualora avessero i piccoli al seguito resta alto.

Ma chi ha voluto tutti questi cinghiali ?

Ad inizio Novecento il cinghiale (autoctono e nazionale) era presente in pochissime zone: Maremma Tosco-laziale, Gargano, Abruzzo, Appennino Calabro-Lucano, Sardegna.

Da 50 anni a questa parte però si è cominciato a ripopolare - per rendere più ricca la caccia - con cinghiali di origine centro-europea, tra le altre cose anche di taglia maggiore.

Una operazione che ha avuto un successo enorme.

I cinghiali totalmente onnivori, adattabilissimi, sono stati in grado di moltiplicarsi in un lasso di tempo breve.

E lo hanno fatto.

Sempre più spesso se ne vedono nelle vicinanze delle città, dove non si spara e il cibo non manca mai.

Solo tre anni fa è stata vietata l’immissione di cinghiali. “

Leggi tutto... 0

HDD ON THE ROAD - PRIMA TAPPA 3CATANZARO - È partito da Gizzeria sabato 23 febbraio il tour “Happy Dementia Days On the Road” della Ra.Gi. Onlus, basato sull’idea di fondo che ha animato l’omonimo festival e cioè la necessità di incontro e confronto dal basso con le famiglie, i medici, i sindaci, i sacerdoti, la società tutta per avviare un percorso di sostegno e di informazione sulle demenze e sfatare i falsi miti legati a queste malattie.

L’evento di sabato è stato organizzato con la fattiva collaborazione dell’associazione Hydria, presieduta da Camillo Trapuzzano e si è svolto nei locali del Museo della Cultura Arbëreshë a partire dalle ore 17.00. Oltre al presidente Trapuzzano, che ha anche moderato l’incontro, erano presenti: il sindaco di Gizzeria, ing. Pietro Raso; la dottoressa Elena Sodano, presidente dell’associazione Ra.Gi. Onlus, ideatrice del metodo Teci (Terapia Espressiva Corporea Integrata), unico in Italia, per la cura ed il contenimento naturale delle demenze ed autrice del volume “Il Corpo nella Demenza” (Maggioli Sanità, 2017); il dottor Eugenio Sirianni, medico di Medicina generale; la dottoressa Amanda Gigliotti, psicologa Ra.Gi. e il dottor Davide Costa, sociologo Ra.Gi..

Ore intense, fatte non solo di informazione, ma altresì di dialogo anche con chi, sul territorio, fa i conti con situazioni di sofferenza e con l’insoddisfazione di non poter fornire un aiuto concreto, come è emerso dalle testimonianze del farmacista, dottor Egidio Primavera e del dottor Sergio Trapuzzano, medico di base di Gizzeria. Momenti di confronto anche con le istituzioni, per fare emergere il problema di una politica a volte troppo lenta rispetto alle esigenze della sofferenza umana.

“Sono 68000 le persone che in Calabria soffrono di demenze – ha spiegato la dottoressa Elena Sodano – persone che vengono troppo spesso silenziate e le famiglie lasciate da sole con un carico estenuante da sopportare. La nostra mission è quella di portare avanti una filosofia della cura che parla di umanizzazione e stiamo diventando un punto di riferimento in tutta Italia. Dopo una diagnosi di demenza c’è un lungo spazio di vita, che può essere ancora piena di senso esistenziale, ma troppo spesso le famiglie non lo sanno perché ancora legate e vecchie ideologie”.

“Così come accadde nel caso di Franco Basaglia, riformatore della disciplina psichiatrica in Italiae ispiratore della cosiddettaLegge Basaglia(n. 180/1978) – ha aggiunto il dottor Sirianni – la Ra.Gi. Onlus propone un allontanamento dall’impostazione clinica nell’approccio terapeutico alla demenza e un metodo di contenimento naturale di cura per questa malattia, che si sta prospettando come la frontiera del futuro, visto che il lavoro compiuto dalla medicina tradizionale e dalla ricerca, nonostante la sua rilevanza, non ha portato a soluzioni determinanti e non ha nemmeno tracciato una strada per entrare in comunicazione con i malati di demenze”.

Inoltre, come ha spiegato il dottor Costa, “la diagnosi genera il pregiudizio e conduce all’isolamento del malato e della sua famiglia. L’importanza di un percorso come quello della Ra.Gi. – ha proseguito il sociologo - sta nel porsi come un asse trasversale, occupandosi non solo dei malati di demenze, ma anche delle famiglie ed educando anche la società a relazionarsi con chi soffre di queste malattie, trasformandola in una vita che prende forma dopo la diagnosi”.

Un processo quest’ultimo avvenuto a Cicala (Cz), dove un piccolo borgo di sole 900 anime, ai piedi della Sila è divenuto il primo borgo calabrese “amico delle demenze” e anche sede del Centro Diurno “Antonio Doria” e parte dell’iniziativa Dementia Friendly Community Italia, grazie alla Ra.Gi. e alla collaborazione della locale Amministrazione comunale, guidata da Alessandro Falvo e della Federazione Alzheimer Italia.

La metodologia Teci, nata dopo dieci anni di studi e ricerche sul campo, viene applicata anche nel Centro Diurno Territoriale Spazio Al.Pa.De. (Alzheimer Parkinson e Demenze), attivo a Catanzaro dal 2008 e nato senza finanziamenti pubblici, né privati e si basa essenzialmente sul risveglio della memoria corporea. “Attraverso il movimento simbolico ed il contatto corporeo, il metodo Teci attiva degli scambi emozionali, cambiando i parametri della comunicazione tra il paziente ed il terapeuta”, ha spiegato Elena Sodano.

La Teci stimola il paziente a livello cognitivo anche mediante l’applicazione della Teci Integrata, illustrata dalla dottoressa Amanda Gigliotti come “una metodologia composta da attività che mirano a stimolare le abilità residue del paziente senza puntare al risultato nella risoluzione degli esercizi proposti, ma focalizzandosi sul grado di benessere del paziente”.

Nel corso dell’evento si è fatto riferimento anche all’importanza della formazione, che permette di cambiare la dimensione della cura delle demenze da assistenziale ad esistenziale. Un percorso che è già stato avviato e lo scorso 15 febbraio, alla Cittadella Regionale, si è celebrata la consegna degli attestati a Primi Teci Terapeuti d’Italia.

UFFICIO STAMPA RA.GI. ONLUS

Angela Rubino

Cell: 339 6574421

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy