BANNER-ALTO2
A+ A A-

Crocifisso miracoloso esposto in Piazza S. Pietro

Vota questo articolo
(1 Vota)

papaIl Crocifisso miracoloso che si trova nella Chiesa di San Marcello al Corso in Roma sarà portato in Vaticano in Piazza san Pietro per l’appuntamento di preghiera che Papa Francesco ha indetto per venerdì 27 marzo alle ore 18 affinché cessi l’epidemia del corona virus. Papa Francesco dal sagrato della Basilica senza folla, completamente deserta, impartirà la benedizione “Urbi et Orbi”. Sarà un momento speciale per tutti i credenti di tutto il mondo, perché questa benedizione di solito viene impartita a Pasqua, a Natale e il giorno della elezione al soglio pontificio e concede ai credenti l’indulgenza plenaria dai peccati. Il Crocifisso è molto venerato dal Santo Padre. Domenica 15 marzo u.s. Papa Francesco a sorpresa si recò a piedi nella Chiesa di San Marcello e depositò un mazzo di fiori ai piedi del Crocifisso. Il Santo Padre ha pregato per alcuni minuti in ginocchio davanti al Crocifisso ligneo e ha chiesto la fine dell’epidemia che ha colpito l’Italia e il mondo intero. La stessa richiesta l’aveva fatta prima davanti all’icona della Vergine Maria “Salus Populi Romani” custodita nella Basilica di Santa Maria Maggiore a cui il Pontefice è molto affezionato. Papa Francesco ogni qual volta si reca all’estero per un viaggio apostolico si reca a pregare la Madre di Dio. Il Crocifisso ligneo è venerato non solo dai Papi ma anche da tutti i Romani. Si narra che salvò Roma dalla peste. Il primo prodigio risale nel lontanissimo 23 maggio 1519. Un incendio distrusse completamente la chiesa, il Crocifisso invece, venne trovato tra la cenere fumante completamente intatto. Il secondo avvenne alcuni anni dopo e precisamente nel 1522. Roma era stata colpita dalla peste. E allora i Romani, ricordandosi che nella chiesa di San Marcello c’era un Crocifisso miracoloso, decisero di portarlo in processione per le vie della città fino alla Basilica di San Pietro. La processione durò lunghi 16 giorni dal 4 agosto sino al 20 agosto. Man mano che la processione avanzava lentamente anche la peste lentamente regrediva. Quando il Crocifisso al termine della processione rientrò in chiesa la peste era terminata e non c’erano più morti.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy