BANNER-ALTO2
A+ A A-

Furano: "Addà passà a nuttata!"

Vota questo articolo
(1 Vota)

«Mo avimm'aspetta', Ama... S'ha da aspetta'. Comme ha ditto o' dottore? Deve passare la nottata.»

Addà passà a nuttata è la famosa frase che sintetizza Napoli Milionaria la commedia scritta ed interpretata da Eduardo De Filippo nel 1945.

E’ la frase che apre il recente intervento politico di Peppe Furano e che anche da lui viene usata nel senso di dover sopportare le difficoltà dell'esistenza con la speranza che si risolvano.

Ecco il testo:

“ Il 25 ottobre da una parte la manifestazione della CGL in piazza S. Giovanni a Roma (un milione di lavoratori) con tante bandiere rosse che esprimono il loro malessere e la loro sofferenza, dall’altra a Firenze l’evento della 5° Leopolda dei renziani (finanzieri e grandi imprenditori e renziani della prima e dell’ultima ora) che esprimono la loro gaudente allegria.

E’ una immagine nitida che non ammette equivoci.

Nessun ragionamento terra, terra o di alte ed elevatissime riflessioni socio-politiche potrebbero rendere meglio evidente la confusione che oramai regna nel più grande partito italiano (che si dice di sinistra!) il cui segretario è diventato anche Presidente del Consiglio senza essere eletto e defenestrando in malo modo un altro presidente del Consiglio, anch’egli del PD!

Volendo muovere delle osservazioni critiche a Renzi e al renzismo per essere chiari voglio premettere che non ho votato PD, né nel 2013 né ne 2014,che non sono tesserato CGL e non ho assolutamente nessun argomento a favore delle vecchie classi dirigenti del PD e del sindacato. Anzi le ritengo responsabili del successo di Renzi che ha semplicemente occupato il vuoto (a sinistra!) che la scellerata,inconcludente e bugiarda politica della classe dirigente di sinistra degli ultimi 20 anni,ha determinato.

Nel popolo di sinistra (che in Italia esiste e come! è mancata purtroppo,da più tempo, una seria classe dirigente di sinistra!) la delusione per l’operato della classe dirigente era palpabile.

L’attesa e la speranza che qualcuno smuovesse lo stagno nel quale la sinistra era immersa era così spasmodica che è bastato che un venditore (alcuni dicono cazzaro!) promettesse di rottamare la vecchia classe dirigente che gran parte del popolo di sinistra si è lasciato ipnotizzare.

Voglio solo aggiungere anche che io guardando,ascoltando da 6 mesi la nuova classe dirigente del PD,Renzi-Boschi-Moretti-Bonafè-Serracchiani-Picerno-Orlando-Orfini ecc. e i vecchi diventati improvvisamente renziani,Fassino-Franceschini-Zanda ecc., mi viene da pensare che i “reduci” Bersani-Dalema-Bindi-Finocchiaro-Turco ecc. con tutti i loro difetti e colpe li butterei dalla torre dopo i primi!

Parto con domande forse banali ma non equivocabili: ha ancora senso oggi parlare di sinistra e di destra come due ideologie che in una società democratica matura possono confrontarsi in competizioni elettorali e chiedere agli elettori di avere il mandato per governare sulla base di proposte, di progetti di società che siano chiare, inequivocabili,distinguibili e non intercambiabili?

O siamo nel tempo in cui non ha più senso parlare di progetti di società di destra e di sinistra e siamo invece nel tempo in cui due gruppi (nominalmente destra e sinistra!) si confrontano alle elezioni semplicemente per il potere? E se casomai un terzo incomodo (come è avvenuto con il M5S nel 2013) dovesse minacciare il loro indolore (per loro!) alternarsi al potere (senza che nulla cambi!) è legittimo che si mettano insieme per governare?

O se si vuole in modo ancora più esplicito, è possibile che possano stare,votare o guardare con interesse lo stesso partito senza conflitto, Marchionne che delocalizza e il cassaintegrato fiat, il finanziere Serra che vorrebbe una limitazione del diritto di sciopero e il sindacalista Landini, il lavoratore in mobilità e l’imprenditore che licenzia, e in generale il fighetto tutto camicia bianca azzimata della Leopolda che teorizza che “futuro è solo l’inizio” (che c….vorrà dire!) e il metalmeccanico con cartello e fischietto

in piazza S.Giovanni che manifesta per il suo posto di lavoro sventolando la bandiera

rossa e ricordando Berlinguer?

E ancora, è veramente anacronistico oggi parlare di conflitto tra classi sociali o se si preferisce tra scaglioni di reddito e di loro interessi contrapposti o semplicemente conflittuali?

Il dato di fatto è che oggi ci sono due raggruppamenti che si definiscono destra e sinistra rispettivamente e che a parole si presentano contrapposti e alternativi.

Poi giornalmente si può constatare che Renzi (governo) e Berlusconi (opposizione) hanno fatto un patto segreto e in sei mesi si sono incontrati 5-6 volte (più che con Bersani o Civati e Fassina!) per stabilire come procedere (tralasciando che un Presidente del Consiglio riceva un condannato e un rinviato a giudizio!).

Che tanti dirigenti nazionali di Forza Italia (nominalmente destra), un giorno si e l’altro pure inneggiano a Renzi (nominalmente sinistra).

Che giornali definiti di destra come il Foglio,il Giornale e Libero applaudono un giorno si e l’altro pure alle iniziative di Renzi.

Che oramai in coro tanti del centro destra e in tutte le occasioni sostengono “Renzi sta facendo le cose che avremmo dovuto fare noi e che non ci hanno lasciato fare”.

Che imprenditori (Prada) e finanzieri (Serra) sono alla Leopolda e i sindacati sono trattati come dinosauri.

Che in parlamento per il 90% e più delle votazioni i rappresentanti della sinistra votano insieme ai rappresentanti di destra.

Allora razionalmente le alternative sono tre: o destra e sinistra sono oramai solo denominazioni vuote, o il PD è diventato un partito che fa cose di destra, o B. e compagnia sono diventati di sinistra!

Ma siccome quelli con lo smart della Leopolda,gli imprenditori,i finanzieri e quelli dei giornali (Foglio ecc.) sono sicuramente molto più scaltri dei trogloditi di piazza S. Giovanni con il telefono a gettoni io propenderei a pensare che forse l’inganno lo stia consumando il PD a danno di quelli in piazza S. Giovanni e di quelli che a casa ancora pensano al PD come un partito di sinistra!

Io ritengo che non solo sia legittimo e doveroso definire con chiarezza destra e sinistra in termini ideali,culturali ed economici, tenerle contrapposte e democraticamente concorrenti, ma che sia assolutamente necessario per superare le difficoltà e la crisi in cui si dibattono tutte le società moderne!

Io spero che passi la nottata che i “reduci” del PD facciano un atto di generosità, si ritirino e aiutino giovani come Fassina e Civati di passare dalle parole i fatti. Civati e Fassina sono preparati e nelle loro parole e comportamenti si possono riconoscere i tratti di una politica di sinistra.

Siccome sono giovani come Renzi e in politica più ancora giovani di Renzi potrebbero contrapporsi a Renzi con un autentico progetto di sinistra senza che questi possa sempre tirare in ballo la tiritera degli errori dei reduci.

Ma Civati e Fassina devono migliorare la loro comunicazione per poter concorrere mediatamente con Renzi, ma sopratutto devono avere più coraggio.

E se questo vorrà dire scissione,scissione sia! Almeno potrebbe esserci un po' di chiarezza e onestà! A Renzi si lasci campo libero a destra e al centro come è giusto che sia e si tenti una aggregazione seria di forze che hanno un chiaro e moderno progetto di società di sinistra.

Io penso che ci sono le potenzialità che una moderna forza di sinistra che si confronti con la realtà del M5S e che insieme siano in grado di comunicare con efficacia il loro progetto di governo possa in Italia essere maggioranza assoluta!

Passata a nuttata chissà che qualcosa che somigli a questo sogno non possa realizzarsi!

Peppe Furano

Ultima modifica il Domenica, 09 Novembre 2014 10:51
Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy