BANNER-ALTO2
A+ A A-

rubinetto-acquaAmantea – Una vasta area, più di una contrada ad Amantea senza acqua per molte ore, anche per giorni interi, per la precisione, le zone di Colongi, Catalimiti e parte di San Procopio.

La nostra redazione, oggi pomeriggio, ha ricevuto diverse telefonate da parte di cittadini che non riescono a mettersi in contatto con gli uffici comunali.

Pertanto ci hanno chiesto di scrivere un accorato appello alla Commissione Straordinaria per intervenire sulla mancanza di acqua potabile presso la loro abitazioni.

Era già venuto, diverse settimane fa, uguale disservizio per il quartiere Piazza e la zona Cannavina.

Ad onor del vero oggi sulla strada vecchia abbiamo visto alcuni dipendenti al servizio del comune intenti nel riparazione di un tubo di acqua probabilmente andato in frantumi.

Abbiamo contattato immediatamente l'incaricato del Comune che ci ha spiegato che ci sono due problemi uno di un grosso tubo che si è rotto per una vasta area periferica della città ed un'altro problema su un'altra contrada dove a causa di una pompa di sollevamento dell'acqua potabile che si è bruciata a seguito di un corto circuito.

L'incaricato del Comune di Amantea ci ha assicurato che a breve tutto si risolverà, per un tubo sono già intervenuti, il tubo è stato già parzialmente riparato, ed l'erogazione dell'acqua potabile avverrà nelle prossime ore, sul secondo problema legato alla pompa di sollevamento è stata prelevata e mandata ad un tecnico esterno per la riparazione, ne stata ordinata un'altra e sarà montata nella mattinata di domani, quindi già nella mattinata di domani la frazione avrà a disposizione di nuovo l'acqua potabile.

Ci ha spiegato, inoltre, che prima di iniziare l'erogazione dell'acqua potabile dovranno essere riempiti i serbatoi idrici rimasti a secco.

auto1Come vi abbiamo, già in parte raccontato, nella tarda serata di ieri, in pieno centro di Amantea, è avvenuto un importante incidente automobilistico.

Ad essere coinvolte due autovetture di grossa cilindrata, una Mercedes GLC coupé 250, alla guida della quale un ragazzo pare di San Marco Argentano, ed una Seat Ateca, l'incidente è avvenuto all'intersezione tra via baldacchini e via dogana.

Per fortuna l'incidente non ha riportato feriti gravi, al momento tutti gli esami radiologici oltre che gli esiti clinici, hanno riscontrato solo escoriazioni, piccoli tagli, suturati e comunque curati nell'arco di poche ore dall'incidente.

Dalla dinamica in nostro possesso è sicuro che il Mercedes sia entrato dalla Statale 18 da via Margherita e abbia percorso via dogana in senso contrario al senso di marcia, quindi, per capirci dal bar liberty in direzione della Tenenza della Guardia Finanza fino all'intersezione di via baldacchini, in quel momento la SEAT Ateca, all'interno della quale vi erano, oltre al conducente, altri due ragazzi di Amantea, sopraggiungeva da via baldacchini in direzione lungomare.

Da lì lo scontro che, per fortuna, non ha avuto, come vi abbiamo già raccontato, conseguenze gravi nei per i ragazzi di Amantea nella Seat Ateca, né tantomeno per il proprietario della Mercedes.

Chiaramente l'incidente è dipeso dalla disconoscenza delle vie della città, ma è tanto più chiaro che il conducente della Mercedes abbia usato, più del dovuto, una velocità impropria a maggior ragione perché ha imboccato un tratto di strada di via dogana in senso contrario al senso di marcia.

Sta di fatto che solo grazie ad una provvidenza divina non abbiamo da riferirvi feriti gravi o addirittura deceduti.

Avevamo comunque indicato, nel precedente articolo, ad un probabile uso improprio di alcolici o altro, gli esami hanno comunque scongiurato l'assunzione di qualsiasi sostanza sia alcolica sia di altra natura per i conducenti di entrambe le autovetture.

Alle famiglie coinvolte va la nostra solidarietà per l'accaduto ed un augurio di pronta guarigione.

Pubblicato in Primo Piano

pdEsprimiamo forti preoccupazioni per i ritardi che stanno caratterizzando l’avvio dei lavori delle scuole cittadine, e anche in merito all'assenza di soluzioni che garantiscano gli spazi necessari all'inizio del nuovo anno scolastico. Ritardi rispetto ai quali - come più volte abbiamo fatto presente - vi è una responsabilità della precedente esperienza amministrativa.
Diciamo con chiarezza che siamo davvero  poco interessati a disquisizioni accademiche sul ventaglio delle soluzioni tecniche, che ovviamente lasciamo ai tecnici. Restiamo però convinti, nel caso specifico della Mameli - in considerazione del fatto che l’ordinanza di chiusura per “gravi lacune strutturali” e che il progetto per la ricostruzione sono avvenuti nel marzo 2017 (durante la gestione commissariale) - che la Commissaria e i tecnici abbiano agito nell'interesse  della città.
Oggi, considerando anche l’epidemia in corso, la priorità è solo e soltanto quella di dare il prima possibile un banco a ciascun nostro studente, in condizioni di dignità e di sicurezza.
In tal senso, troviamo imbarazzanti coloro i quali giocano a fare gli amici del giaguaro “rassicurando” la città per conto terzi!
Il grido d’allarme della Prof.ssa Bozzo, le preoccupazioni delle famiglie, il desiderio di tornare sui banchi di scuola dei ragazzi meriterebbero maggiore considerazione piuttosto che essere disturbate da stupide e inutili beghe politiche.
Riteniamo non rinviabile l’istituzione di un tavolo di confronto tra Commissari, Uffici comunali e Dirigenti scolastici per concordare tempi e soluzioni.
Vi è in corso una petizione popolare su questi temi, che ha l’obiettivo di tenere alta l’attenzione sulla grave situazione. In poco più di ventiquattr'ore hanno firmato l’appello circa 400 cittadini!  
Noi continuiamo a chiedere e ad auspicare mani tese e passi in avanti che portino ad una celere soluzione di questo problema. E siamo, ovviamente, sempre disponibili a dare il nostro contributo.

Esecutivo PD Amantea
Circolo Moro-Berlinguer

Pubblicato in Cronaca

  lazza2020 Lazzaroli scrive su Facebook:  Ho da poco terminato un incontro all’ufficio Tecnico del comune per approfondire, documentarmi e rendermi conto di persona dello stato dell’arte di alcune istanze che, in questo periodo, preoccupano i cittadini di Amantea.

Novità sul porto; oggi in mia presenza è stata inviata comunicazione per l’inizio lavori con data 27 maggio ’20, per la realizzazione del varco navigabile che consentirà, nelle more che la regione Calabria dia riscontro circa la procedura riguardante la fase definitiva, di utilizzare il porto a tutti i pescatori e diportisti. 

Salvo imprevisti, la ditta inizierà a lavorare mercoledì di questa settimana.

Sulla scuola media Mameli; entro il 30 ottobre 2020 verranno rispettati i termini d’appaltato per i lavori relativi all’adeguamento sismico della struttura.

I tecnici incaricati stanno superando una serie di aspetti progettuali che hanno rallentato l’ultimazione del progetto esecutivo, in quanto l’iter relativo all’edilizia scolastica segue un percorso molto rigoroso, pena la perdita del finanziamento.

Ad ogni modo, mi è stato assicurato dall’Ing Stelato- responsabile dei Lavori Pubblici del comune di Amantea- che sulla scuola Mameli, siamo a buon punto. Di certo continuero' a vigilare affinché tutto procederà senza ulteriori ritardi.

Sulle varie petizioni in circolazione sulla scuola, ritengo siano prive di fondamento, e servono solo a generare ingiustificati malumori!!

Pubblicato in Politica

banda2020L'arte al servizio della Calabria e della sua bellezza attraverso la musica di sei professionisti della musica.

Il progetto dei “Bruttium Horns Connection” nasce nel periodo di isolamento per emergenza sanitaria che tutto il pianeta ha vissuto e continua a vivere in questo particolare momento storico.

Loro sono Giuseppe Affilastro, il "nostro" Leonardo Feroleto, Gabriele Galluzzo, Vittorio Schiavone, Fernando Servidone e Rocco Vitaliano si sono ritrovati così, a distanza, per realizzare un’unione artistica accomunate da due grandi valori, l’amore per la propria terra natìa e la passione per la musica. 

"Siamo cornisti calabresi ed abbiamo deciso di unire le nostre professionalità - raccontano - per un progetto che ha come punto di incontro la Calabria nel cuore e nella musica. Il progetto dei “Bruttium Horns Connection” nasce nel periodo di isolamento per emergenza sanitaria che tutto il pianeta sta vivendo in questo particolare momento storico".

La necessità di stare a casa ha fatto scattare la scintilla che era già nell’aria da un po’ di tempo e cioè la realizzazione di un’unione artistica fra persone accomunate da due grandi valori: l’amore per la propria terra natìa e la passione per la musica che tutti loro esprimono professionalmente attraverso uno strumento magico e meraviglioso qual è il corno.

"Abbiamo rappresentato la Calabria - affermano - e continuiamo a farlo a livello personale, in istituzioni importanti (Teatro Bellini di Catania, Teatro dell’Opera e Accademia di Santa Cecilia a Roma, Teatro alla Scala, Orchestra “Toscanini” di Parma. London Symphony ed altre ancora) e vorremmo restituire qualcosa alla nostra amata terra".

"La parole “Connection” nel nostro nome è anche un po’ sintesi della missione di connessione , musicale ed umana, che abbiamo deciso di percorrere. “Chi vive in baracca, chi suda il salario…. Chi mangia una volta, chi suda, chi lotta, chi prende assai poco… Ma il cielo è sempre più blu” e l’ambulatorio di Polistena è stato scelto per questo, per quelli che ogni giorno sudano, lavorano, combattono per vivere e sopravvivere, mentre qualcuno si gira dall’altra parte e vede che tutto è a posto, che il cielo è sempre più blu.

Terremoto-scossa-sisma-C'è ancora attività sismica nel sottosuolo calabrese.

Secondo i rilevamenti dell'Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) dopo i terremoti che più volte nei mesi scorsi hanno svegliato la città di Amantea, ci sono state altre scosse più contenute nelle ultime ore. 

Già tra Febbraio ed Aprile i sismografi ne avevano registrate diverse, nella giornata di oggi comunque tre scosse si sono registrate nel Tirreno meridionale in prossimità della Costa calabrese, la più vicina a noi è stata registrata di magnitudo ML 2.1, alle ore 11:06:10 con coordinate geografiche (lat, lon) 38.93, 15.68 ad una profondità di 172 km, e comunque al largo delle coste tra Amantea e Lamezia Terme, praticamente poco percettibile nell'entoterra, ma come vi abbiamo già spiegato in un precedente articolo, sintomatica di un processo di caricamento dell'evoluzione sismica.

Come si vede si tratta di terremoti molto leggeri, classificati tra il 2 e il 3 della scala Richter. 

Vale a dire che si tratta di scosse che possono essere avvertite solo da persone che abitano in edifici alti, di queste se ne verificano, nel mondo, un migliaio al giorno.

Pubblicato in Primo Piano

libriscuolaIl dirigente scolastico del "Mameli-Manzoni" di Amantea si rivolge alle istituzioni. 

Ecco l'intervento di Antonella Bozzo:

In qualità di dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Mameli Manzoni di Amantea, vorrei segnalare la grave situazione dell’edilizia scolastica nel comune di Amantea. A Marzo del 2017 il plesso della scuola media Mameli veniva improvvisamente chiuso in seguito ai carotaggi effettuati dal Comune di Amantea. Il plesso, oltre ad ospitare le classi della scuola media, era sede degli uffici, disponeva di ampi spazi laboratoriali, auditorium – teatro, palestra, biblioteca. Tutto questo, in modo improvviso e repentino, è stato tolto ai ragazzi, ai docenti e alla comunità tutta di Amantea. 

Con molta difficoltà e tantissimi sacrifici da parte di tutta la comunità scolastica, si è trovato il modo di continuare a garantire il servizio scolastico ospitando le classi della scuola media in due plessi di scuola primaria e, dividendo, pertanto, la scuola media in due edifici diversi con evidenti disagi per tutti. 

Da tre anni i docenti e gli alunni delle scuole primarie e della scuola media di Amantea lavorano in spazi ristretti, senza l’uso di spazi laboratoriali adeguati, senza palestra e con la difficoltà di far convivere, nello stesso edificio, ragazzi di età ed esigenze diverse. Non oso immaginare quale possa essere la ripresa a settembre qualora dovessimo garantire il distanziamento tra alunni e personale.

Tutto questo sarebbe normale ed accettabile se ci fosse stato da parte delle amministrazioni competenti (Comune e Regione) il giusto interessamento e la determinazione a risolvere in tempi adeguati la problematica. E invece da tre anni non si è mossa una pietra dell’edificio chiuso: il progetto prevedeva demolizione e ricostruzione di gran parte dello stesso; al momento della chiusura del plesso c’erano state ampie rassicurazioni di tempi celeri per l’inizio e l’ultimazione dei lavori. Sono passati tre anni e niente si è mosso: i lavori non sono mai iniziati, l’edificio è abbandonato nella totale incuria e non si vedono prospettive. 

Come dirigente scolastico ho notizie che in altri comuni dove si sono avuti gli stessi problemi le scuole sono state ristrutturate o ricostruite a dimostrazione che le pratiche sono andate avanti nonostante la burocrazia e le difficoltà. Perché ad Amantea tutto è fermo?

La mia rabbia è tanta: una scuola che lavora con grande determinazione e passione, anche in questi tempi di enormi difficoltà, che ha saputo reagire all’emergenza del 2017 e a quella del 2020 con senso del dovere e con professionalità, è messa con le spalle al muro da un contesto che invece di supportare la scuola l’ha abbandonata a se stessa. Senza falsa modestia probabilmente la reazione del mondo della scuola è stata tanto efficace da far “dimenticare” che ad Amantea da tre anni la scuola media non esiste.

Mi rivolgo allora al Presidente della Regione Calabria e ai commissari del Comune di Amantea perché finalmente si dia una svolta a questa situazione che ha quasi dell’incredibile e si consenta agli alunni e ai docenti dell’istituto comprensivo Mameli Manzoni di Amantea di lavorare in modo dignitoso e in condizioni di parità con le altre scuole del Paese. (*Dirigente Scolastico IC Mameli Manzoni Amantea)

Pubblicato in Primo Piano

auto-in-pannePer fortuna stamattina è andato tutto bene, anche grazie al tempestivo intervento di una pattuglia dei Carabinieri passata di lì per caso. Un'auto una Smart di colore chiaro improvvisamente mentre attraversava la galleria di Coreca che divide Amantea da Campora San Giovanni, si spegne.

La signora alla guida della autovettura, in un primo momento, ha avuto tanta paura e apprensione, non tanto per sé o per la sua autovettura, ma gli incidenti che sarebbero potuti accadere per la propria auto ferma a centro strada.

Dopo pochi minuti in senso contrario un'autovettura dei Carabinieri nota la macchina in panne e si ferma per dare assistenza e per allertare le auto di passaggio.

Una storia che si racconta positivamente ma che poteva essere di conseguenze molto gravi.

Nuovamente poniamo il problema della galleria di Coreca che rimane l'unico tratto a collegare Amantea a sud, Amantea con la propria frazione di Campora San Giovanni e viceversa, purtroppo la strada panoramica di coreca è ancora interdetta al traffico per l'imminente caduta dal muro di supporto dell'ex statale a ridosso dello scoglio di Coreca.

Rimane fondamentale per la città e per i propri collegamenti a sud che venga immediatamente ripristinata l'ex statale tirrenica inferiore che collega La Tonnara a Coreca, anche in virtù dell' intenso traffico estivo che si prevede nei prossimi mesi.

Pubblicato in Cronaca

cov2021La notizia ci è stata finalmente confermata, dopo le indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi, stamattina due dei quattro nostri concittadini afferri da coronavirus risultano non più contagiati da Sars-CoV 2.

Da oggi solo due persone rimarranno affetti da coronavirus, l'ultimo in ordine cronologico è quello del nostro concittadino ritornato dall'estero e poi una ragazza contaggiata in un secondo momento.

A livello nazionale stamattina il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è fermato a rispondere a un’anziana che l’ha ringraziato «a nome dell’Italia» per l’impegno di questi mesi. 

Il capo del governo ha replicato: «Grazie a voi italiani, ma non è finita. 

Chiariamolo: non è il tempo dei party e della movida, altrimenti la curva risale». 

Una precisazione dovuta per smorzare i toni di euforia avvertiti in alcune città italiane. 

«Abbiamo tolto l’autocertificazione perché la curva era sotto controllo, ma nessuno pensi che sono saltate le regole di precauzione», ha concluso.

<<Poter vivere in un Paese in cui se stai male non conta quanti soldi hai, non conta di chi sei figlio, non conta in che territorio vivi ma hai diritto a essere curato, penso che sia il valore più straordinario che dobbiamo tutti saper riconoscere e difendere con ogni energia», Vogliamo concludere con queste parole del nostro Ministro della Salute Speranza.

Pubblicato in Primo Piano

discaricaIl Sindaco di Paola, avvocato Roberto Perrotta, ha stamattina inviato una comunicazione a tutti i Comuni dell'ambito ARO Appennino paolano, ARO sta per Ambito Raccolta Ottimale, nella riunione convocata per domani mattina presso la casa comunale al Comune di Paola per le ore 11.00, tutti i comuni da Amantea a Belvedere Marittimo saranno presenti per discutere sulle problematiche rifiuti vs Calabra Maceri.

La situazione è grave, lo sappiamo tutti, ed ancora la Regione Calabria ad oggi non ha emesso alcun ordinanza atta a risolvere o tamponare il problema, si paventa una prossima ordinanza, tra oggi e domani, per lo scarico dei rifiuti provenienti dalla selezione degli RSU e della frazione organica in Puglia.

Le nostre informazioni a tal riguardo sono di un maggiore onore di trasporto che dovrebbe aggirarsi intorno +30%, se fosse confermata ognuno di noi si vedrebbe lievitare la propria bolletta per l'anno 2020 maggiorata del 30%.

La possibile ordinanza ha messo in allarme tutti i sindaci di ogni provincia è di ogni colore politico, perché se è vero che da un lato ogni sindaco vorrebbe risolto questa emergenza dall'altro lato nessuno vuole un aumento delle proprie tasse comunali soprattutto in un momento di emergenza sanitaria ma anche di emergenza economico-sociale, come faranno i Sindaci a chiedere ai propri concittadini un maggiore costo per inefficienza e incompetenza da parte della Regione Calabria?

Purtroppo i sindaci sono assolutamente inermi in questo, a loro il compito di fare da bancomat con i cittadini.

Pubblicato in Paola
Pagina 4 di 187
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy