BANNER-ALTO2
A+ A A-

HappyCastelloSpettacolare, non c’è altro da dire sul video Happy from Amantea, realizzato da Mario Lucio Pati che per ben 8 minuti tiene incollati allo schermo e ci travolge con le scene girate per le strade, per i vicoli, i paesaggi, la spiaggia, gli scogli di Coreca e di Isca ed le piazze del Paese. 


Amantea come non l’avete mai vista, la “Happy Amantea, una Amantea da vivere, una Amantea giovane ed allo stesso tempo ricca di storia e di storie, come una piccola cittadina dei vecchi film in bianco e nero che all'improvviso diventa a colori. Una happy town insomma” così come aveva immaginato Stefania Loria quando si è attivata e ha proposto l’idea del video, esiste davvero.

HappyIsca2
Ed il video su Amantea tra spettacolari paesaggi, mirabolanti riprese ed colori vivi è davvero un colpo di genio, ed il genio si chiama Mario Lucio Pati.
Centinaia di persone che ballano al ritmo di Happy di Pharrell Williams, “tantissime le persone (circa 200) tra giovani e meno giovani – ci racconta Mario Lucio Pati - che hanno aderito entusiasti al progetto, dagli 1 ai 90 anni, tutti disponibili e tutti volenterosi di partecipare all’evento “Happy from Amantea”.
Colpiscono le scene girate tra le rovine del Castello, ma anche le riprese dallo scoglio di Coreca o in mare aperto sui massi di Isca.

HappyCampora
Un’intera città che si è impegnata, si è prodigata e messa a disposizione di Mario Lucio Pati, Francesco Aloe, Federica Mannarino ed Rosaria Perry per trasmettere al mondo intero il volto più bello della nostra terra, della Calabria, di Amantea il nostro volto HAPPY.

 

 

Pubblicato in Primo Piano

ComuneAmante SPIeri a Servizio Pubblico, uno spezzone del servizio è stato dedicato al Comune di Amantea ed ai rapporti economici con l’avvocato Nicola Gaetano, mentre lo stesso risponde alle domande di Sandro Ruotolo presso la piazza di Paola.
Ecco la parte del servizio relativa ad Amantea

Ruotolo: “L’avvocato Gaetano, ha sempre fatturato molto ed infatti dal Comune di Amantea, sciolto per Mafia e badate bene comune con solo 14mila abitanti, Nicola Gaetano ha incassato ben 300.000 euro mentre il figlio del senatore Gentile, 30.000”.

A questo punto del servizio si vede la porta dell’ufficio, presumibilmente, di ragioneria del Comune di Amantea che si chiude lasciando fuori la telecamera di Servizio Pubblico, ma l’audio ed i sottotitoli sono chiari.
Il giornalista Ruotolo parla, a quanto sembra dalla voce dell’interlocutore, con il Dirigente della Ragioneria del Comune di Amantea, Giuseppe Sabatino.
Dirigente: “Il totale è 29 e 920, 30
Ruotolo: “quindi dovete dare a Gentile?
Dirigente: “Noi abbiamo pagato solo come storico 3.000 euro
Ruotolo: “3.000 euro
Dirigente: “SI
Ruotolo: “Mentre dovete dare ancora 27.000;
Ruotolo: “ Invece con Nicola Gaetano?
Dirigente: “Emessi mandati per 298.875 euro

NicolaGaetano 298mila

Ruotolo: “Cioè di questi 300.000 quanti li hanno dati i commissari
Dirigente: “La maggior parte, quasi tutti

NicolaGaetano Paola

Il servizio riparte dalla Piazza di Paola, famosa ultimamente per lo schiaffo ad Paolo Orofino, ed il giornalista Ruotolo chiede all’avvocato Nicola Gaetano dei 300 mila euro in 20 mesi.
La risposta dell’avvocato è perentoria “Assolutamente No, io mi pare avessi un contratto da 2.550 euro al mese ad Amantea, poi ho fatto un decreto ingiuntivo per delle cause che ho fatto, e che non mi hanno pagato.

Questo il LINK del video:
http://www.serviziopubblico.it/2014/03/le-consulenze-doro-allasp-di-cosenza/
(dal minuto 3:30 in poi)

Sarà al Tyrrenian Park Hotel il più famoso wedding planner della televisione italiana, che da tempo conduce sull’emittente nazionale Real Time una serie di programmi dedicati al look e al matrimonio, inizierà le riprese della sua nuova creatura televisiva proprio da Amantea, domenica 23 marzo presso il noto Hotel amanteano. 

Amantea. 19 mar - Il più famoso wedding planner della televisione italiana, Enzo Miccio, sarà ad Amantea domenica 23 marzo presso le sale del Park Hotel Tyrrenian per dispensare consigli alle future spose.

Miccio, che da tempo conduce sull’emittente nazionale Real Time una serie di programmi dedicati al look e al matrimonio, inizierà le riprese della sua nuova creatura televisiva proprio da Amantea, per la gioia di coloro che nei prossimi mesi convoleranno a giuste nozze.

«Per la prima volta – si legge nella nota stampa che anticipa l’evento – lo stesso Miccio si metterà a disposizione di tutte le “future mogli” del Belpaese e andrà in loro “soccorso”, partendo per una straordinaria avventura itinerante a bordo di un tir pieno di abiti da sposa: duecento modelli per tutti i gusti e le esigenze».

Alle ore 10,30 è previsto l’arrivo del tir che consentirà di allestire al meglio le sale che l’hotel nepetino ha concesso alla troupe del programma, mentre a partire dalle ore 12 sarà possibile visitare l’atelier con le proposte sposa volute da Enzo Miccio.

Tutte le donne della città, future spose con al seguito amiche del cuore e mamme apprensive, potranno ammirare gli abiti esposti, incontrare il wedding planner e aver la possibilità di far parte di una delle puntate del programma “Enzo missione spose” che andrà in onda a maggio su Real Time.

Enzo-Miccio1

Per chi si appresta a trasformarsi da fidanzata in moglie si tratta di un’occasione unica che renderà quel giorno già di per sé speciale del tutto indimenticabile.

 

Pubblicato in Cronaca

Dice il vecchio adagio che “ Il buon tempo si vede dal mattino”

Se è vero, allora, il mattino della prossima amministrazione comunale si presenta come una buona giornata.

La prova è nella richiesta presentata dal un delegato del Movimento 5 Stelle di Amantea e protocollata ieri 18 marzo

Si chiede l’elenco dei beni appartenenti al patrimonio immobiliare del comune di Amantea, con relativa destinazione d’uso, sia dei terreni che dei fabbricati, con l’elenco degli affittuari e delle somme pagate al comune .

Riteniamo di poter “cogliere “ nella richiesta di cinquestellini il tentativo di percepire la correttezza amministrativa dei comportamenti dell’ente comunale ed eventualmente di contestare quelli che non appaiono corretti o legittimi.

Appare anche probabile che si intenda verificare eventuali comportamenti creativi di rendite politiche di posizione come quelle derivabili dall’impegno alla conservazione di eventuali utilità per pochi e non per l’ente

Verifiche dalla quali è possibile derivino anche contestazioni da portare ad eventuali giudizi.

Il M5S teme che il comune non dia corso all’istanza per evitare possibili contestazioni. Ma noi non riteniamo possibile tale timore vista la ordinaria correttezza dell’amministrazione comunale amanteana.

vid1happyImpazza il fenomeno “Happy from ….” ed anche Amantea e gli amanteani vogliono partecipare ed pubblicizzare così il nostro territorio, la nostra cultura, i nostri paesaggi ed il nostro mare.
Tra pochi giorni il video online su TirrenoNews.it

È quasi pronto, il video che nasce dall’idea partita da Stefania Loria e tramite lo scambio di informazioni sui social network al quale hanno poi collaborato numerosi amanteani, nella ricerca di collaborazione, trovata poi in amici, conoscenti, si è riuscito a stilare un elenco di nomi (partecipanti) che hanno voglia di aiutare il progetto “Happy from ….. Amantea”.
Ma soprattutto è grazie a Mario Lucio Pati, tecnico montaggio video, cameraman free-lance, fotografo, offertosi volontariamente che ha preso realmente piede il progetto.
Da settimane, infatti, per Amantea si susseguono appuntamenti, ed gruppi di persone armati di felicità, di divertimento, della videocamera e di uno stereo riprendono le bellezze del nostro territorio, sulle note di Happy di Pharrell Williams.
“Tanti gli adolescenti – ci racconta Mario Lucio - che hanno aderito entusiasti al progetto, ma tra i tanti protagonisti anche bambini ed anziani, segno della volontà di partecipare ad all’evento “Happy” per Amantea.
Amanteani, da Acquicella a Campora San Giovanni si sono scatenati sulle note di Happy, l'ultimo successo di Pharrell Williams, ed hanno improvvisato balli spontanei per le vie e le piazze della città”.
L'idea, come detto nata da Stefania Loria, che anche se non residente più ad Amantea, è stata da stimolo al progetto “Happy from Amantea”.
“Ho visto altri video del genere “Happy from …” – afferma Stefania Loria – ed ho pensato che poteva essere un'ottima idea per rilanciare la nostra Amantea. Noi amanteani abbiamo la motivazione, lo spirito giusto e l’allegria giusta, bastava trovare la persona giusta, Mario Lucio che non si é tirata indietro. Ma anche Rosaria Perri e altri si sono mossi subito. Quale miglior modo per mostrare le bellezze della nostra Amantea dei nostrii luoghi, se non attraverso i giovani che la vivono e la amano!?.”
“Allora – conclude Stefania - ho pensato Happy Amantea, una Amantea da vivere, una Amantea giovane ed allo stesso tempo ricca di storia e di storie, come una piccola cittadina dei vecchi film in bianco e nero che all'improvviso diventa a colori. Una happy town insomma”.
“Tante le persone che hanno collaborato con me – afferma Mario - nella parte logistica da Francesco Aloe a Rosaria Rosy Perri fino a Federica Mannarino, mentre le riprese, le scene ed il montaggio sono miei.
È stato bello andare in giro con un tablet e con la mia telecamera nel tentativo di far capire e partecipare più persone possibili, ed infatti è stato un grande boom di richieste di partecipazione, da 85enni a bimbi di 1 anno”.
“Con questo video – conclude Mario - sono riuscito ad re-innamorarmi di Amantea e dei suoi scenari e colori stupendi, ma la volontà era quella di far vedere al mondo che nonostante il malessere generale, visto il periodo delicato che viviamo un messaggio di speranza e di positività soprattutto per le giovani generazioni, il messaggio “HAPPY” sempre, ogni giorno anche quando tutto ti porta a pensare nero”.
Non ci resta quindi che aspettare di vedere il video, di sicuro successo “Happy from Amantea”.

 

UNA SEQUENZA DEL VIDEO

vid2happy

 

Pubblicato in Primo Piano

"nello scorso mese di novembre, avevo ideato un progetto per il Campus Temesa, con una serie di manifestazioni importanti con nomi di elevato spessore, come ad esempio: Amedeo Minghi, Enzo Iacchetti, il Balletto di Kiev: il Lago dei Cigni ed infine, si sarebbe potuto assistere allo spettacolo di Marco Travaglio : La Mafia è stato? con la partecipazione straordinaria di una delle più grandi attici della finction italiana, vale a dire Isabella Ferrari.""Oggi, dopo l’ennesimo rifiuto, voglio scrivere direttamente e soprattutto liberamente al sig Sindaco (f.f.) Michele Vadacchino, a tutti gli operatori commerciali e all’intera collettività."

 

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota di Giovanni Bonanno della Bonanno Entertainment

Ancora una volta mi vedo costretto a scrivere e pubblicare un fatto che deve essere valutato dall’intera collettività.

Premesso che non voglio entrare in polemica con nessuno, questa mia, non’è indirizzata solo a chi oggi detiene la delega al Campus Temesa, non’ è di mio interesse polemizzare con lo stesso, anzi, rispetto la sua scelta, pur non condividendola.

Oggi, dopo l’ennesimo rifiuto, voglio scrivere direttamente e soprattutto liberamente al sig Sindaco (f.f.) Michele Vadacchino, a tutti gli operatori commerciali e all’intera collettività. Tenendo in forte considerazione tutti i futuri politici che nei prossimi mesi concorreranno per le elezioni comunali, in particolar modo scrivo apertamente all’associazione ISCA Hotel, che tanto si batte per l’economia e lo sviluppo della città e dell’intero comprensorio.

Nello scorso mese di novembre, avevo ideato un progetto per il Campus Temesa, con una serie di manifestazioni importanti con nomi di elevato spessore, come ad esempio: Amedeo Minghi, Enzo Iacchetti, il Balletto di Kiev: il Lago dei Cigni ed infine, si sarebbe potuto assistere allo spettacolo di Marco Travaglio : La Mafia è stato? con la partecipazione straordinaria di una delle più grandi attici della finction italiana, vale a dire Isabella Ferrari.

Sempre con un occhio di riguardo ai bambini, avevo previsto nel progetto,un musical che ha riscosso enorme successo a livello nazionale: Il Magico Mondo di OZ.

Ma dietro una serie di rifiuti da parte di chi detiene la delega al Campus Temesa e per altri spettacoli (locali ed amatoriali) in forma gratuita, ho ritenuto opportuno rinunciare agli eventi e con essi rinunciare ad un contributo dei i fondi POR della regione Calabria (PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI).Questa operazione sarebbe costata all’amministrazione comunale ZERO € , avevo chiesto soltanto, com’è giusto che sia, la struttura in forma gratuita, tenendo in forte considerazione, l’elevato rischio d’impresa, creando se pur per un breve periodo, un piccolo indotto lavorativo, dove avrebbero preso parte tutti soggetti locali, cooperative, alberghi, hostess, etc etc , oltre il decollo della struttura stessa e la visibilità a livello nazionale che avrebbe avuto Amantea.

Quindi caro sindaco e caro assessore, credo che sia stato un grosso sbaglio, non concedermi la struttura, ma lo sbaglio più grosso è quello che qualcuno ha pensato, che facendo eventi locali ed amatoriali in forma gratuita, potrebbe riscuotere un maggiore consenso elettorale, magari, sfruttando i parenti di coloro che si sono esibiti, oppure coloro che due o tre volte al mese presentano un libro con a seguito dieci presenze.

Allora mi chiedo e chiedo alle persone menzionate prima: quale futuro e quale sviluppo si deve aspettare Amantea ?

Come si fà a rimanere ancorati a questa logica clientelare, omettendo che un atto del genere possa avere, in termini elettorali, l’effetto contrario ? Cari lettori e lettrici, chiudo questa mia ennesima lettera aperta, affinchè voi molto presto, possiate capire che determinati soggetti non possono e non devono più governare questa città. Ancora una volta, pur non meritando la mia attenzione, ho rimesso in discussione la struttura ed in un certo senso chi la comanda, proponendo loro, un altro evento di caratura internazionale con un successo Planetario, che dallo scorso dicembre è diventato un vero e proprio musical, con a seguito un tour europeo, passando per l’Italia, toccando le più importanti città, i più importanti teatri e palazzetti dello sport. Sto parlando di“ PEPPA PIG” noto cartone animato.

Alle diciannove di questa sera, dall’addetto stampa del comune di Amantea, Tonino Chiappetta, il quale gode di tutta la mia stima, ho ricevuto un sms, nel quale mi comunica le seguenti parole: ho parlato con l’assessore e mi ha detto che al Campus Temesa, non prevedono spettacoli dove si pagano 15 / 20 €, buona serata ! Io sinceramente, non conosco il regolamento, ma mi sembra che nessuno può decidere per un privato, se fare o non fare pagare un biglietto, soprattutto quando si è in presenza di uno spettacolo imponente e importante, con costi elevati di produzione.

Qualora questo cavillo fosse nel regolamento, per un evento importante come questo, si sarebbe potuta fare un’eccezione. Ripeto, non credo che esista da regolamento, questa dicitura. Cari lettori e care lettrici, mi dispiace che si è arrivati a questo, secondo il mio modesto parere è solo una questione elettorale. Mi rivolgo a Lei sig. Mazzei, continuando sempre a stimarla, condividendo tantissime cose del suo passato politico, ma contestando in maniera forte, la gestione del Campus Temesa, con l’augurio che in futuro ci sia qualcuno che possa fare meglio di Lei, in questo specifico settore. Cito un verso di una storica canzone di Fabrizio De Andrè, nella speranza che lei lo conosca, dal titolo Via Del Campo. Nel testo il Poeta dice: Dal Letame Nascono i Fiori, (spero che il Campus Temesa, possa un giorno diventare, un punto di riferimento artistico, a livello regionale). Spero che Lei possa spiegare pubblicamente la motivazione che l’ha indotta a non far pagare un tiket di 20 €. Le voglio fare un’ultima domanda, nella speranza di ricevere risposta, più che io ( alla quale sono poco interessato ), la meritano i suoi concittadini.

La domanda è questa: secondo lei, un padre di famiglia, che rientra alle diciassette di sera, magari stanco, che deve prendere moglie e figli, per recarsi a Cosenza, per far felici i propri figli, pagare € 120,00 il biglietto per vedersi lo spettacolo, sapendo che con la metà dei soldi, lo avrebbe potuto vedere nel suo paese; secondo lei, questo padre di famiglia…….la voterà? Caro assessore era questo il punto al quale avrebbe dovuto prestare più attenzione. Cercando di capire che una presentazione di un libro, per quanto possa essere importante, oppure un cortometraggio anch’esso importante, non porta nessun beneficio. I benefici, derivano solo ed esclusivamente se si fanno delle cose dove la gente, si entusiasma, canta, balla, viene coinvolta e torna a casa con ricordi ed emozioni. Quando un teatro è pieno, le persone più felici, sono gli amministratori e di questo ne sono, personalmente testimone, vedendo lo scorso anno, il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, entusiasta, per i soul-out, che il sottoscritto ha fatto registrare con la PFM e Michelle Hunziker. Tanto che lo stesso sindaco non solo ha fornito a me e ad altri miei colleghi il teatro in forma gratuita, ma bensì si è pagato anche i servizi. Le ricordo, che il teatro deve essere un luogo sacro, trattato e rispettato da tutti, come si rispetta una chiesa. Tenendo presente che la struttura è di proprietà dei cittadini (contribuenti) e non di pochi, pochissimi intimi. Per le due date di Cosenza , metterò a disposizione, 10 inviti gratuiti per ogni singolo spettacolo, a coloro che ne hanno bisogno (cittadini di Amantea e Campora).

Pubblicato in Cosenza

Probabilmente iniziare con le parole “ Amantea da Amare” può far apparire tutto chiaro al nostro lettore, ma poiché per noi questa affermazione più che importante, è vitale, ci sforzeremo di spiegarci ancora meglio.

Ci sono cose che ben sappiamo ma che sottovalutiamo fino a dimenticare.

Per esempio la frase che “Bisogna conoscere la guerra per amare la pace” è di una straordinaria ovvietà, ma la guerra è così lontana che pochi la rammentano a se stessi ed agli altri per evitare tutte le guerre, anche quelle personali.

Ed ancora ci sono cose che abbiamo dentro di noi ma alle quali facciamo poca attenzione.

Noi sappiamo che l’Amore è per natura attivo e che si manifesta nell’aver cura, premura, responsabilità, nell’essere all’altezza, cioè, di rispondere al bisogno dell’altro. Chiunque egli sia.

Ma se amare una persona è in qualche modo facile, amare un territorio, un paese, con la stessa intensità con la quale si possono amare le persone, è difficile.

Ne abbiamo percezione, seppur indistinta, quando cogliamo il piacere e la gioia dei nostri emigranti che ritornano per rivedere le loro vecchie case, i panorami mai dimenticati, i vecchi amici, le feste tradizionali.

Ne abbiamo percezione quando per qualche ragione non riusciamo a cogliere l’ultimo raggio di sole al tramonto sul mare, incantati dalla vista dello Stromboli e dal rosso del domani migliore .

Un tramonto che per noi amanteani è parte di noi stessi, parte della nostra crescita. Come lo erano le piccole luci delle lampare che di notte illuminavano il mare.

Ma parte di noi stessi, della nostra crescita, sono tante altre cose come la rocca del castello punteggiata dai ruderi del maniero, dalla torre civica, dai ruderi della chiesa di San Francesco e dalle case del centro storico addormentato al sole dei caldi pomeriggi amanteani. Un centro storico insieme anche abbandonato.

Per capirlo occorre conoscerlo, visitarlo, viverlo fino ad amarlo

Ed ancora più parte di noi stessi è la storia di questo territorio, di questa comunità, delle sue genti; una storia talmente intensa che è indispensabile conoscere al meglio, perché come il centro storico se la si conosce, lo si ama.

Ed è questo il nostro primo obiettivo. Concorrere a far conoscere storie, fatti, monumenti, paesaggi ed uomini di Amantea, perché riteniamo che solo conoscendo sempre più intimamente la nostra storia si può capire meglio il nostro territorio e la sua gente, si può amare e rispettare Amantea e chi vive la nostra città.

Il nostro secondo obiettivo è Vivere Amantea da protagonisti. Ma di questo parleremo più avanti.

Per ora apriamo questa nuova pagina di cultura locale presentandovi man mano contributi per la migliore conoscenza della nostra città, del suo territorio, della sua storia.

Una pagina alla quale potrete apportare eventuali vostri contributi transitando per l’Associazione Lo Scaffale che si propone come tramite ed alla quale potrete afferire i vs lavori, le vs ricerche, ma anche attingere per avere quanto da essa detenuto.

Cominceremo domani con “Il sigillo di Pietro” di Francesco M. Amato

Giemme

Dopo il comunicato stampa pubblicato ieri, continuano le dichiarazioni circa la partecipazione ad un progetto comune chiamato appunto "Amantea - Bene Comune" ed dopo la presa di distanza di Biagio Miraglia, cofondatore de "La Nuova Primavera" arrivano altri 3 secchi NO, quelli di Angelisi, Ianni e Sicoli, ma anche la prima apertura, il primo SI, quello di Salvatore Basso "sono onorato"

La proposta di Amantea Bene Comune ha indotto notevoli riflessioni e sollevato una sorta di vespaio.

Biagio Miraglia ha detto la sua.

Salvatore Basso si dice onorato della indicazione fatta della sua persona per le sue qualità personali di amministratore alternativo a chi finora ha gestito il potere ad Amantea lasciandola nella drammatica condizione attuale.


Paolo Ianni
scrive:

"Andrea buonasera! Ti prego di farmi l'urgente gentilezza di inserire sul tuo sito questa mia breve nota riguardo la questione AMANTEA BENE COMUNE Ecco il messaggio Mi dissocio nella maniera più assoluta dal comunicato inviato dal fantomatico gruppo Amantea Bene Comune nel quale compare il mio nome. Non sono mai stato interpellato da questa associazione fantasma per la creazione di qualsiasi soggetto politico e trovo puerile e sciocco il loro comportamento. Il sottoscritto non è impegnato in alcun gruppo o associazione politica e ne lo sarà per la prossima competizione elettorale. Quanto sopra per affermare che il mio nome non è politicamente spendibile. Mi riservo di compiere ulteriori azioni al fine di tutelare la mia persona."


Fabio Sicoli
scrive:

“Vi prego di pubblicare il mio msg postato nella bacheca di Amantea Bene Comune, che recita: "Per mia forma mentis sono stato abituato a spendere il mio nome e cognome in calce ad ogni iniziativa sociale, economica o politica che sia. Vedere "Sicoli f.",con una contemporanea richiesta di amicizia fatta al sottoscritto dall'anonimo gruppo, mi ha fatto sorridere e far riflettere sui metodi adottati da alcuni personaggi che, più che il bene comune della nostra cittadina, pensano al loro tornaconto personale in termini elettorali. Un messaggio a tutti i lettori: non mi identifico affatto in questo simbolo perché per me spendersi per un fine nobile significa metterci la faccia e la firma, da subito. Un saluto a tutti."


Sonia Angelisi scrive:

“Salve, chiedo gentilmente se è possibile pubblicare la seguente nota sul vostro sito d'informazione: "La presente per esprimere pubblicamente la mia estraneità al progetto denominato “Amantea Bene Comune”. Tralasciando la penosa giustificazione sulla privacy avanzata da questi anonimi finti paladini del bene comune, se il nominativo Angelisi S. che figura nella lista dei 25 corrisponde al mio nome, ci tengo pubblicamente a dissociarmi da tale iniziativa. Il mio interesse per la attuale situazione politica e amministrativa di Amantea è vivo e lo condivido con persone che nulla hanno a che vedere con i fautori di questa pagina facebook “Amantea Bene Comune”. Qualsiasi azione politica intraprenderò e qualsiasi mia appartenenza sarà palesata dalla sottoscritta mettendoci nome e faccia. " Cordialmente, Sonia Angelisi

NdR Potrebbe non finire qui!

 

Ultimo aggiornamento 10.30 del 13/03

Pubblicato in Politica

Il comunicato messo online nella giornata di ieri e che elencava una serie di nomi, 25 per l'esattezza, di persone tra Amantea e Campora San Giovanni, al fine di "ridare slancio al territorio" presentava anche il nome di MIRAGLIA BIAGIO.
Miraglia che oggi stesso prende le distanze dal simbolo e dal gruppo di "Amantea - Bene Comune. Siamo sicuri che altre mail arriveranno in merito all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Biagio Miraglia ci scrive quanto segue:

“Egregio Signor Giuseppe Marchese, in riferimento all'articolo apparso sul sito di informazione da lei gestito ci tengo a fare una gentile e cortese comunicazione al fine di tranquillizzare i tanti Cittadini di Amantea e Campora San Giovanni che ripongono in me tanta fiducia e speranza.

Con la presente le comunico che la mia persona non è per nulla accostabile al simbolo AMANTEA - BENE COMUNE.

Ho letto su internet che l'autore di questo movimento ha espresso la volontà di restare nell'anonimato e ciò è la conferma che la mia persona non può essere parte di questo progetto in quanto le scelte da me intraprese sono di senso opposto.

E' risaputo da tempo, che in vista delle prossime elezioni comunali, sono impegnato nella costruzione di un progetto politico denominato " LA NUOVA PRIMAVERA " che con passione e spirito di servizio sto portando avanti insieme a tanti amici ed a Gianfranco Suriano, Pasquale Ruggiero, Giovanni Aloe e Mario Pizzino.

Spero che questo movimento trovi la forza di uscire allo scoperto, come fatto da noi circa 3 mesi addietro con la conferenza stampa svoltasi a Campora San Giovanni, in modo da aprire un confronto serio per il bene della Città e dei Cittadini. Altrimenti dovrò desumere, ahimè, che tale iniziativa politica è attivata con i soliti vecchi metodi che io ed i miei amici stiamo cercando di combattere per il bene di Amantea e Campora San Giovanni .

Con stima la saluto e la ringrazio.

BIAGIO MIRAGLIA - COFONDATORE DELLA LISTA "LA NUOVA PRIMAVERA"

Allegato al comunicato anche questo messaggio di Amantea Bene Comune tratto da Facebook

“Chiarimento del buongiorno - Non siamo una lista elettorale, non lo saremo alle prossime amministrative e ne mai... Vogliamo solo attivare un dibattito ad Amantea e Campora, che vada oltre i soliti nomi e riconosca a persone di valore, che quotidianamente dimostrano di avere buone idee e capacità i propri meriti. Ci piacerebbe che il dibattito non fosse su chi siamo noi che abbiamo lanciato questa provocazione, ma sul cosa hanno da dire quelle persone e cosa potrebbero fare quelle 25, così come tante altre, per invertire la rotta del nostro comprensorio con proposte, idee e progetti concreti. Vorremmo che si dimostrasse che Amantea ha un'altra politica, basta tirarla fuori. Rinnoviamo la stima alle persone indicate... E a chi parla di querele e denunce, punto primo non abbiamo indicato i dati per esteso... Punto secondo, mai nessuno è stato querelato perché ha scritto il nome di una persona dicendogli bravo, tu puoi fare qualcosa per migliorare il nostro paese. Inoltre, vogliamo rompere uno schema, quello del "io sono il più bravo", no ci sono persone anche più brave e capaci di noi e bisogna riconoscere questi meriti apertamente e senza timore..

Ndr. Una sola domanda ad Amantea Bene Comune. Le idee camminano sula gambe degli uomini ed è assolutamente normale che si giudichino oltre le idee anche i loro portatori, la loro storia, la loro cultura, i loro comportamenti sociali. Non si tratta di diffidenza, né, e tantomeno, di paura o di prudenza. Sapere con ci si stia parlando è un fatto ASSOLUTAMENTE NORMALE. Piuttosto è ANORMALE nascondersi dietro una sigla o un acronimo. E che ci sia qualcosa che non convince( almeno fin quando non spiegato),lo si rileva dalla “pre valutazione”, confermata nella nota , che non si possa parlare di “querele e denunce” perché:

-primo punto non abbiamo indicato i dati per esteso;

- secondo punto mai nessuno è stato querelato perché ha scritto il nome di una persona dicendogli bravo, tu puoi fare qualcosa per migliorare il nostro paese.

Qualcuno sostiene infatti, che dietro il Logo “Amantea Bene Comune” ci sia uno dei 25 eccellenti che abbia inteso darsi da solo( o da sola) un bravo per essere chiamato ( o chiamata) grazie a questa assunta credibilità politica. Non lo riteniamo, ma non possiamo nemmeno escluderlo.

Cordialmente.

Pubblicato in Cronaca

Presentate 297 instanze per mantenere aperti gli uffici del giudice di pace, solo 285 quelli che il Ministro della Giustizia on. Andrea Orlando tiejne in vita con la firma sul decreto di riforma delle circoscrizioni giudiziari.
Tra gli uffici del Giudice di Pace "salvati" in Calabria anche quelli appartenenti a comuni di dimensioni decisamente più ridotte di Amantea. di seguito l'elenco completo. 

Il Ministro della Giustizia on. Andrea Orlando ha firmato il decreto che dispone il mantenimento di 285 uffici del giudice di pace a seguito della recente riforma delle circoscrizioni giudiziarie. Sono state dunque accolte quasi integralmente le 297 istanze formulate dagli enti locali che si impegnano a mantenere a loro cura e spese gli uffici giudiziari di prossimità nei loro territori.

Si tratta di un'ulteriore razionalizzazione collegata all’attuazione della nuova geografia giudiziaria.

Lo dice soddisfatta l’on Enza Bruno Bossio nel suo comunicato con il quale conclude che “Sono state fugate, pertanto, le preoccupazioni per la chiusura di questi uffici che invece continueranno a funzionare”.

Amantea quindi chiude!!

Ma ecco gli uffici dei Giudici di pace che si salveranno in provincia di Cosenza

Acri,

Campana, 1936 abitanti

Cariati,

Cassano allo Ionio,

Corigliano,

Lungro,

Montalto,

Oriolo, 2318 abitanti

San Sosti, 2105 abitanti

Spezzano Albanese,

Trebisacce, 8.756 abitanti

Rogliano, 5718 abitanti

San Giovanni in Fiore,

San Marco Argentano,

Spezzano della Sila, 4679 abitanti

Belvedere Marittimo

Scalea”.

E questi, invece, sono gli altri uffici di Giudici di pace che si salveranno in Calabria

Badolato

Borgia

Chiaravalle centrale

Squillace

Cirò

Petilia Policastro

Nicotera

Serra San bruno

Caulonia

Stilo

Cinquefrondi

Laureana di Borello

Oppido mamertina

Sinopoli

Taurianova

Ora una sola domanda. Possibile che comuni piccolissimi come Campana, Oriolo, San Sosti conservino l’unico presidio di giustizia operante sul loro territorio e la nobile Amantea perda anche questo ultimo ufficio pubblico?

Chi dobbiamo ringraziare?

Beh, basta dare una occhiata alla bandiera strappata ed a mezz’asta perché caduta ed all’ingresso in multistrato marino per capire quanta attenzione il comune ha avuto per l’ufficio del Giudice di Pace .

Auguri Amantea, ancora più profonde le acque nelle quali ti stai inabissando sempre più!

BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy