BANNER-ALTO2
A+ A A-

L'ultimo tonfo del M5s e del PD è quello di Lamezia Terme, una delle città più grandi della Calabria che ieri è tornata al voto dopo il commissariamento per infiltrazioni della 'ndrangheta.

Nessun candidato ha raggiunto la maggioranza assoluta dei voti, e dunque il prossimo sindaco verrà scelto attraverso il ballottaggio, che si svolgerà il 24 novembre.

 

A contendersi la guida del Comune saranno l'ex primo cittadino Paolo Mascaro, che ha ottenuto il 38, 89% dei voti grazie all'appoggio di due liste civiche, e il promoter Ruggero Pegna (23%), che era sostenuto da Forza Italia, Fratelli d'Italia e Udc.

Ma i dati più clamorosi riguardano i due partiti che compongono l'attuale governo, entrambi esclusi dal ballottaggio.

Debacle assoluta per il M5S, che ha ottenuto il 4,38 %

Il suo candidato sindaco, Silvio Zizza ha avuto il 4,60%.

Il Pd, il cui aspirante primo cittadino era Eugenio Guarascio (17,63%), ha ottenuto l’11, 68% dei voti.

Anche se si fossero candidati con una lista unitaria, probabilmente non sarebbero andati al ballottaggio.

Per i giallorossi è stata insomma una vera disfatta malgrado avessero deciso di dividere i loro destini elettorali, a differenza che in Umbria.

Deludono soprattutto i pentastellati, che sono riusciti a peggiorare il già misero 7% raggiunto alle elezioni del 27 ottobre.

Un risultato, quello ottenuto in Calabria, che inevitabilmente dà forza a quella frangia interna che, ormai da settimane, chiede il ritiro del Movimento dalle prossime Regionali, al fine di evitare che il probabile massacro elettorale abbia riflessi sul governo Conte.

Lo stesso Luigi Di Maio, in relazione al voto in Emilia Romagna, stamattina ha detto chiaramente che i 5 stelle potrebbero anche stare fermi un giro: “Dove siamo pronti ci dobbiamo presentare, dove abbiamo difficoltà non c'è nessun problema a dirlo ai cittadini”.

Il capo politico ha voluto ricordare che “il Movimento è entrato nelle istituzioni regionali e nazionali da sei anni, non di più.

Siamo una forza politica giovane, per cui in alcuni territori possiamo avere qualche difficoltà".

Possibile che i cinque stelle non comprendano che devono scendere dal pulpito ed andare fra la gente, con la gente, in mezzo alla gente, per la gente?

Leggi tutto... 0

Ringrazio vivamente la senatrice Margherita Corrado per la spontanea attenzione che ha avuto per la delibera di Giunta n 147 del 30 ottobre 2019, da me proposta e dalla giunta intera approvata, con la quale si è dato indirizzo all'ufficio tecnico comunale di avviare la procedura espropriativa dell'area in località "La Principessa" sotto la quale ( e non solo) dorme da oltre 2000 anni l'antica Temesa.

 

 

Ringrazio anche la senatrice Corrado per aver precisato che l’esproprio sarà fatto con i fondi della tassa di soggiorno da me fortemente voluta a dispetto di quanti mi osteggiavano e la osteggiavano.

Ed erano tanti.

E molti di loro sono oggi pronti come iene a fagocitarla.

Ho già ringraziato la senatrice che incontrerò a breve .

Le chiederò attenzioni finanziarie da parte dello Stato da sempre dimentico della fortissima importanza della storia di Temesa per Amantea, per la Calabria, per l’Italia.

E ricorderò a tutti che la senatrice Margherita Corrado è stata, almeno fino ad ora, l’unica politica che si è interessata a fatti vitali per Amantea, per il turismo amanteano, per la cultura amanteana.

Anzi speriamo che da questa prima attenzione politica ne nascano altre.

Mi impegno da ora a dare tempestiva comunicazione alla cittadinanza di ogni atto che farò e proporrò , consapevole che resta ingiustificato che gli amanteani debbano sapere quello che si fa, da dagli “altri” per carenza di un addetto alla promozione di Amantea, del turismo, della cultura.

Nella foto l’assessore Concetta Veltri sui luoghi di Temesa

Leggi tutto... 0

I carabinieri della Stazione di Aiello Calabro hanno condotto un servizio coordinato di controllo del territorio a largo raggio, avente come riferimento i centri urbani di Aiello Calabro e Cleto.

Forte impulso è stato dato alle attività di repressione dei reati contro il patrimonio.

In tale contesto i militari hanno arrestato un 60enne del posto: l’accusa è di furto aggravato di energia elettrica.

 

Le attività di controllo, condotte dai militari con l’ausilio di personale accertatore della Società Enel Energia, hanno consentito di cristallizzare la presenza di un’anomalia sulla linea elettrica servente un magazzino, ubicato nel centro cittadino di Aiello Calabro, nella disponibilità dell’uomo ed al cui interno erano stati installati alcuni macchinari professionali per la lavorazione del ferro.

Il tutto attraverso il materiale innesto di un by-pass sulle cablature di connessione al contatore stesso.

L’estensione delle attività di verifica anche all’abitazione di residenza del 60enne ha consentito di accertare che, anche in quel caso, era stato installato un altro bypass per l’approvvigionamento di corrente elettrica da un diverso contatore.

Il personale della Società di erogazione, constatando la pericolosità dei dispositivi installati, sta procedendo a quantificare il valore del patrimonio energetico illecitamente sottratto.

L’uomo, terminate le formalità di rito, su disposizione del Sostituto procuratore di turno presso la Procura della Repubblica di Paola, Esposito è stato posto in libertà in attesa del giudizio di convalida dell’arresto.

L’arresto è stato convalidato dal Gip Elia.

Aiello Calabro.31 ott. 19

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy