BANNER-ALTO2
A+ A A-

Vi dico la mia sull’asta boschiva di “Cozzo Cervello” in agro di Paola, di cui si sta parlando tanto sui social in queste ore. Al bando possono partecipare solo le ditte forestali con abilitazione valida al taglio boschivo.

 

 

L’asta prevede la vendita di circa 131 ettari di terreni boschivi da “Cozzo Cervello” a “Croce di Paola o di Montalto”, di cui circa 22 destinati ad essere rasi al suolo.

Ebbene, dopo accurata ricerca e confronto delle fonti, ho appurato che:

1) Il sito risulta essere un “uso civico” e pertanto non può essere alienato perché appartiene alla comunità di Paola. Chi lo dovesse alienare ne risponderà penalmente di fronte alla legge e il contratto di compravendita è dichiarato nullo.

2) Nella parte di montagna con altitudine superiore ai 1.200 metri s.l.m. (p.e. Cozzo Cervello) esiste automaticamente un vicolo paesaggistico ex d.lgs. 2004/42 art. 142, per cui si ipotizza l’emanazione del bando in difetto di propedeutico nullaosta paesaggistico.

Il Ministero dei Beni Culturali può intervenire per far rispettare il vincolo paesaggistico tramite le Soprintendenze locali, se qualcuno lo avvisa per tempo!

Altro vincolo esistente per la parte di boschi (inferiori ai 1.200 metri s.l.m) se iscritti negli albi regionali.

Non ho modo di verificare tale informazione, ma se qualcuno può fare, lo faccia.

Conoscendo l’andazzo della Regione Calabria, c’è il forte sospetto che quei boschi non siano mai stati iscritti negli albi regionali.

3) Su una ulteriore parte dei suoli ci sono già segnalate problematiche di ordine idrogeologico per via delle pendenze pari o vicine al 35%, e quindi va da sé che un eventuale taglio andrebbe preceduto da un piano di gestione forestale approfondito e regolarmente approvato, vista la elevata probabilità di creare dissesto idrogeologico.

Dubito che un qualsiasi nullaosta possa essere concesso da una perizia firmata da un professionista serio e coscienzioso.

4) L’area è ricchissima di torrenti e corsi d’acqua che, dopo un giro tortuoso, finiscono per la maggior parte nel Torrente Annea e quindi nel Fiume Crati nel Comune di Montalto Uffugo.

Radere al suolo un bosco altera i processi di fotosintesi clorofilliana e quindi il normale ciclo aria-acqua-suoli, con relativi impatti ambientali negativi che non vengono contemplati nel bando in questione.

In sintesi: abbiamo anche a che fare con un bando truffaldino, per il quale o dovrà intervenire la magistratura, o il Ministero dei Beni Culturali oppure la Regione Calabria per bloccare tutto. Sempre che il Comune di Paola non ci ripensi e ritiri in autotutela il bando.

Da Iacchite - 1 Luglio 2019

Leggi tutto... 0

Ecco il comunicato stampa del consigliere regionale della Calabria e segretario federale dell'Italia del Meridione Orlandino Greco, in replica a Di Natale.

Le celebrazioni per S.Francesco di Paola verranno finanziate dalla Regione

La Regione Calabria non farà mancare il proprio contributo economico per le celebrazioni di S. Francesco di Paola.

Il presidente Oliverio aveva già concordato con il sindaco Roberto Perrotta e l'amministrazione comunale un evento da tenersi a luglio a Paola assumendo l’impegno di sostenere con un contributo economico le celebrazioni per il santo patrono della Calabria.

Personalmente sono sempre stato vicino alla comunità di Paola e sono intervenuto più volte su sollecitazione dell’assessore Francesco De Cesare, del consigliere Francesco Aloia e di tutto il gruppo dell’Italia del Meridione di Paola, attraverso mozioni e interpellanze per sostenere le iniziative volte a promuovere la figura del santo protettore della Calabria in Italia e nel mondo. Oltre a tranquillizzare il presidente del consiglio di Paola Graziano Di Natale, tengo a precisare che questa amministrazione regionale ha dimostrato sempre grande attenzione e sensibilità nei confronti della figura di San Francesco di Paola, tanto da intitolargli la piazza antistante la cittadella regionale, patrimonio di tutti i calabresi.

Il santuario di San Francesco di Paola rappresenta un luogo di straordinaria importanza non solo da un punto di vista religioso, ma anche quale punto di riferimento sociale e culturale della comunità calabrese in Italia e nel mondo.

Ho avuto la possibilità di assistere alle celebrazioni per San Francesco di Paola negli Stati Uniti, in Australia e in Canada e ovunque ho riscontrato una grande attenzione verso la figura del santo protettore calabrese e verso la città di Paola quale meta di pellegrinaggi religiosi.

Per tutte queste ragioni il governo regionale guidato dal presidente Oliverio interverrà per finanziare le celebrazioni per il santo protettore dei calabresi.

Cordialmente

Orlandino Greco

Leggi tutto... 0

Il Tribunale di Catanzaro, sezione misure di prevenzione, ha accolto l’istanza di controllo giudiziario presentata dalla Società E-LOG, sospendendo quindi gli effetti dell’informazione interdittiva antimafia, emessa dalla Prefettura di Cosenza

 

all’indomani dell’operazione "Merlino" condotta dalla Procura della Repubblica di Paola, nei confronti della società E-LOG, che svolge il servizio di raccolta dei rifiuti nel Comune di Fuscaldo (il cui affidamento è stato oggetto di contestazione da parte della Procura) ed in altri comuni della Calabria e della Sicilia.

All’esito dei provvedimenti emessi dal Tribunale del Riesame di Catanzaro e dalla Suprema Corte di Cassazione, che hanno annullato le misure cautelari applicate dal GIP di Paola, la società E-LOG, tramite i propri difensori avv.ti Giuseppe Carratelli e Nicola Carratelli del Foro di Cosenza, dopo aver proposto ricorso al TAR avverso l’interdittiva antimafia, ha chiesto al Tribunale di Catanzaro di essere ammessa al controllo giudiziario, al fine di far verificare, alla stessa autorità giudiziaria, l’insussistenza di infiltrazioni mafiose all’interno della società.

Il Tribunale di Catanzaro ha quindi evidenziato che: “Con riferimento alla gestione dei servizi di raccolta rifiuti del Comune di Fuscaldo, non possono non essere considerati i provvedimenti giurisdizionali di annullamento, in sede cautelare, dai quali non emerge un comportamento suscettibile di essere valutato quale reato-spia di un possibile condizionamento mafioso.

Sotto il profilo della valutazione dinamica della proficuità del controllo giudiziario, si ritiene che la richiesta della società sia coerente con le finalità di carattere esplorativo ed investigativo che la misura del controllo giudiziario esplica, avendo la società deciso di sottoporsi al controllo al fine di eliminare in radice il pericolo di infiltrazioni di organizzazioni criminali.

Del resto, è notorio che la criminalità organizzata rivolga i propri interessi all’importante settore della raccolta dei rifiuti, nella quale la società opera.

Di talché, la sottoposizione alla misura di prevenzione richiesta consentirebbe un effettivo monitoraggio della realtà imprenditoriale.

Alla luce delle superiori considerazioni, il Collegio ritiene di poter accogliere la richiesta della società E-LOG s.r.l. di sottoposizione al controllo giudiziario”.

In virtù del provvedimento del Tribunale di Catanzaro la società E-LOG potrà quindi tornare ad operare regolarmente nel settore dei rifiuti.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy