BANNER-ALTO2
A+ A A-

Una storia a lieto fine arriva dal Cosentino dove, nella giornata di ieri, il Comandante dei Carabinieri di Cittadella del Capo, nel Cosentino, ha salvato un uomo che stava annegando in mare.

 

 

 

 

 

La notizia è stata data da Antonio Cappellani Presidente Associazione Nazionale Carabinieri sezione di Belvedere Marittimo (CS), attraverso la pagina Facebook della stessa associazione.

“Una bella notizia giunge oggi per il salvataggio di un Uomo di circa 50 anni F.D.

Il salvataggio è avvenuto grazie al tempestivo intervento del Comandante della Stazione Carabinieri di Cittadella del Capo (CS) Mar.Capo Alfredo Fedele, il quale, libero dal servizio, nelle vicinanze di un lido balneare notava in acqua una persona in grave difficoltà, pertanto, udite le urla di aiuto il Mar.Fedele si lanciava nel mare in tempesta e traeva in salvo lo sventurato.

Giunti sulla battigia il militare grazie alla sua professionalità ha effettuato prontamente un massaggio cardiaco rianimandolo.

In queste giornate di immenso dolore per la perdita del V.B. dell’Arma dei Carabinieri Mario Rega Cerciello questa meravigliosa notizia conferma che L’ARMA DEI CARABINIERI con Tutti i suoi uomini è Sempre al servizio del Popolo Italiano. Grazie Alfredo”.

Cittadella del Capo 29 Luglio 2019

Leggi tutto... 0

La Calabria più bella è quella che offre ai propri ospiti la propria storia, le proprie tradizioni.

Uno degli esempi più belli è certamente “Lo sbarco dei saraceni in Calabria”

Un evento che si terrà in San Lucido il Il 27 e 28 luglio.

Ecco il programma:

27 luglio:

Ore 19.00 Esibizione per le vie del centro storico dei musici del gruppo “Arma Murani”

Ore 21.30. Sbarco dei Saraceni. Battaglia dello scoglio.

Ore 22.30. Rievocazione storica. Battaglia tra Sanlucidani e saraceni.

A eguiore Grande corte per le vie del centro storico

Ore 1.00 Fuochi Pirotecnici

28 luglio Ore 22.30 Concerto di Cosimo Papandrea nella Piazzetta Panoramica

Evento musicale che chiuderà nel migliore dei modi questi due giorni di grande spettacolo ricco di arte e di cultura.

Leggi tutto... 0

«Intervengo anche a nome del senatore calabrese Mangialavori, per sensibilizzare questo Parlamento su un fatto gravissimo accaduto ad una giovane madre.

La morte per emorragia di Santina Adamo deceduta dopo aver partorito il proprio figlio all’ospedale di Cetraro riapre prepotentemente il dibattito sull’emergenza sanitaria in Calabria.

Sulla vicenda sta indagando la Procura della Repubblica per accertare l’esatta dinamica dei fatti e le eventuali responsabilità.

A lei, incolpevole vittima, va il nostro pensiero commosso e straziato ed alla famiglia le più sentite condoglianze.

Dopo che ho chiesto, giorno 18 luglio, l’invio degli ispettori, il ministro ha accolto la richiesta avviando l’ispezione giorno 20, ma adesso si presenti in aula e ci riferisca l’esito dato che dalle notizie stampa sembrerebbero emergere circostanze inquietanti: pare che nella sala operatoria, mentre la giovane spirava, non c’era la possibilità di essere assistita da un chirurgo che probabilmente avrebbe potuto tamponare l’emorragia in corso; da qualche settimana all’ospedale di Cetraro non si può operare più in regime di emergenza e urgenza, nonostante si tratti di  un presidio ospedaliero che ospita un punto nascita con circa 600 parti all’anno; l’ospedale di Cetraro non può contare nemmeno su un centro trasfusionale, che si trova invece all’ospedale di Paola, dove si è deciso di incentrare il polo chirurgico e dal quale non sarebbero giunte in tempo le sacche trasfusionali che forse avrebbero potuto salvare la vita a Santina».

Il senatore azzurro Marco Siclari in aula ha riportato con amarezza e commozione una realtà ai limiti del paradossale per un paese che si definisce civile rimarcando come sia «assolutamente inaccettabile che in Italia si muoia ancora di parto.

La responsabilità, sono certo, è da attribuire sopratutto alla politica perché negli ospedali calabresi mancavano i medici in passato e continueranno a mancare ancora di più con il Decreto Calabria approvato da questo Governo il 3 maggio e che non prevede lo sblocco del turn over il vero problema della nostra sanità.

In Calabria mancano 1410 medici, 2800 infermieri, 1.000 operatori e tecnici sanitari e soprattutto nel periodo feriale estivo ovviamente la situazione peggiora a scapito dell’assistenza sanitaria e della salute dei cittadini.

Chiedo pertanto, tramite la Presidenza dell’Assemblea, che il Ministro venga al più presto a riferire in quest’aula sull’esito dell’ispezione nel nosocomio calabrese: tutti i cittadini italiani ed in special modo quelli che risiedono in Calabria hanno diritto di sapere.

Presidente – continua il Senatore Siclari – quando abbiamo bisogno di cure importanti, andiamo tutti in ospedale, ma da noi, in Calabria, gli ospedali sono senza medici per il blocco del turn over esistente da 10 anni e dovuto ad commissariamento della regione e purtroppo ciò che è più grave è rappresentato, ribadisco, dal Decreto Calabria approvato a Maggio da questo Governo che non potrà dare segni di cambiamento perché non prevede lo Sblocco del turn over.

I medici non possono lavorare in condizioni strazianti e senza strumenti e i calabresi non possono morire perché manca negli ospedali calabresi l’assistenza adeguata. Sarò ripetitivo, stancherò le vostre orecchie, ma tutte le volte che accadrà qualcosa di così grave in Calabria, mi ritroverete in questa aula per sensibilizzare il parlamento ad intervenire.

La Calabria non rimarrà più in silenzio come in passato: la rassegnazione è finita per quanto mi riguarda”, ha concluso il senatore azzurro

16:13 - 24 luglio 2019 CALABRIA, Cosenza

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Paola

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy