BANNER-ALTO2
A+ A A-

Elezioni comunali a Lamezia, corsa a 6 per il sindaco. La Lega dice no a Pegna e si ritira

LAMEZIA TERME (CATANZARO – «Mi corre l’obbligo di comunicare che, d’intesa con il segretario nazionale, On. Matteo Salvini e con il commissarcio regionale del partito, l’On. Cristian Invernizzi, la Lega, in esito anche ad una doverosa e democratica fase di confronto apertasi al suo interno, ha assunto la decisione di non partecipare con una propria compagine elettorale al turno amministrativo che interesserà la città di Lamezia Terme nel prossimo mese di novembre».

E’ l’intervento del deputato della Lega, Domenico Furgiuele, che spiega: «Le ragioni alla base di tale determinazione sono ascrivibili all’accelerazione impressa al processo di scelta del candidato a sindaco del centrodestra culminato con una indicazione che non ha superato l’approfondito e successivo vaglio politico condotto dagli organismi di direzione regionale e nazionale del partito.

Di qui, la decisione di non correre con una nostra lista cui la Lega di Lamezia, in ossequio ai valori della disciplina di partito e di fedeltà ai suoi ideali, si conforma con la lealtà di sempre. Rassicuro, quindi, militanti, alleati, opinione pubblica e operatori dell’informazione sul fatto che l’assunzione di questa scelta, presa ovviamente non senza rammarico e travaglio interiore, è il frutto di un confronto tutto interno alla Lega».

La candidatura di Ruggero Pegna, ormai ufficiale da diversi giorni e “condivisa” all’inizio da tutti i partiti alleati (tranne la posizione di incertezza mantenuta dal Nuovo Cdu) è stata messa in discussione dall’area leghista dopo le dichiarazioni di Vincenzo Sofo: «Credo che la Lega calabrese debba rivedere la decisione di sostenere Ruggero Pegna a candidato sindaco di Lamezia».

Oggetto del contendere presunte divergenze con il candidato a sindaco Ruggero Pegna sulle politiche dell’immigrazione leghiste. Ecco le precisazioni di Pegna giunte prima delle comunicazioni di Furgiuele: «Su ong, migranti, Riace e passato di antimeridionalismo ci sono ben note diversità di vedute, qui superate però dalla condivisione del progetto Lamezia”. Pegna definisce “strano” l’atteggiamento “di un partito che si dissocia da una candidatura locale per temi di carattere umanitario e di livello internazionale». E aggiunge: «Nel partito lametino, nonostante le mie perplessità derivanti dalle diverse visioni su tali argomenti, ho trovato molti giovani entusiasti della mia candidatura, pronti a dare il massimo per questa città».

Pegna definisce quelle in corso «beghe fuori luogo e queste, sì, calate dall’alto e, probabilmente, per altre ragioni interne al loro partito».

Non mancano le considerazioni di Pegna sul sostegno annunciato dal Nuovo Cdu a Paolo Mascaro: «Ho letto la nota del Cdu con cui precisano di non sostenere la mia candidatura in quanto calata dall’alto. In realtà, mi risulta che la posizione del Nuovo Cdu di sostenere il mio amico Paolo Mascaro fosse ben nota da sempre, cioè da prima che gli altri partiti convergessero sul mio nome, indipendentemente da ogni altra considerazione. Cercare di trovare altre spiegazioni, nello specifico già ufficialmente smentite da tutti i partiti della coalizione, appare pertanto ridicolo e con l’esclusivo scopo di generare perplessità campanilistiche sulla mia candidatura. A questa visione paesana e sterile della politica, peraltro maldestra, non c’è altro da replicare».

La scadenza del termine per la presentazione delle liste è ormai prossima. Il 12 ottobre si conosceranno definitivamente le liste dei candidati a sindaco e al consiglio comunale. In ogni caso hanno già annunciato la loro candidatura oltre a

-Ruggero Pegna,

-Paolo Mascaro, sostenuto tra tre liste civiche,

-Massimo Cristiano, supportato da due liste civiche,

-Eugenio Guarascio, sostenuto dal Pd e parte dell’area civica, e

-Rosario Piccioni.

Si attende solo la conferma ufficiale di

-Silvio Zizza,

scelto dal meetup di Lamezia, che sarà il candidato sindaco del movimento cinque stelle.

IlQuotidianodelsud

Leggi tutto... 0

Eugenio Guarascio presidente di Ecologia Oggi scende in politica

Eugenio Guarascio titolare della società Ecologia Oggi e patron del Cosenza Calcio scende in politica.

E lo fa per la propria città di Lamezia terme le cui elezioni lametine sono state fissate per il prossimo 10 novembre.

Della coalizione che ha deciso di candidare Eugenio Guarascio alla carica di primo cittadino del Comune di Lamezia Terme fanno parte:

 

 

- il PD (che ieri ha partecipato ad una riunione con i dirigenti Giovanni Puccio, Gianluca Cuda e Antonio Sirianni),

- il Polo Civico,

-Lamezia Viva (Milena Liotta) e

-Grandinetti per Lamezia (Francesco Grandinetti).

Solo ieri l’altro aveva dichiarato che"Su sollecitazione di molti esponenti della società civile di Lamezia Terme, del mondo imprenditoriale, così come di quello cattolico, di pezzi importanti della città, ho deciso di verificare se esistono le condizioni per una mia candidatura a Sindaco per la coalizione di centrosinistra".

E poi aveva proseguito affermando: "Sono davvero colpito ed onorato per l’attenzione che in queste ore viene rivolta alla mia persona.

Non è più tempo che ci si nasconda o si deleghi ogni scelta, né è tempo di posizioni che puntano alla singola rappresentazione, che non aiutano certo il formarsi di un vasto e partecipato movimento che sia in grado di sconfiggere forze e partiti che hanno portato Lamezia allo stato in cui oggi versa”.

Ed aveva concluso dichiarando "Non è neanche il momento di puntare ad una conta singola ma a lavorare tutti uniti affinchè si possa ridare alla città un governo adeguato, un’immagine confacente alle sue tante potenzialità in tutti i campi.

Per questo progetto alto e condiviso io ci sono e correrò come candidato civico, senza più spazio a personalismi ma a progetti condivisi alti e forti". 

Leggi tutto... 0

Il 29 maggio u.s. ho partecipato ad un seminario presso l’Università della Calabria dove si è parlato del voto nelle elezioni europee.

I professori intervenuti hanno esaminato il voto dei calabresi e sono arrivati a questa conclusione sconcertante:-

 

I calabresi sin dal 2014 hanno sempre rincorso e premiato il nuovo-.

In questo seminario si è parlato anche del mio paese natale, San Pietro in Amantea, piccolo comune del Basso Tirreno Cosentino, dove la Lega di Matteo Salvini ha ottenuto 132 voti, cioè il 60% dei voti ed è risultato il Comune più leghista della Calabria.

Davvero un bel primato. Come mai si sono chiesti i relatori che i cittadini del borgo abbiano votato in massa la Lega di Salvini?

Il motivo io lo ignoravo.

Ho appreso soltanto allora che il Sindaco del mio paese Lorelli Gioacchino aveva cambiato schieramento politico. Era passato alla Lega.

Il Prof. De Luca così disse:- Se un Sindaco ha tanta influenza dobbiamo forse pensare che in molti non sappiano chi votare-.

Leggendo i giornali di ieri ho appreso, con meraviglia, che il Sindaco Gioacchino Lorelli ha gettato la spugna, ha cambiato nuovamente casacca, abbandonando la Lega di Salvini.

Notizia bomba, che mi ha gettato nello sconforto.

Per quali motivi dopo pochi mesi il Sindaco ha fatto marcia indietro?

Per lui era pronta e sicura una candidatura nelle prossime elezioni regionali calabresi nella lista leghista con ottime probabilità di essere eletto.

Non sono riuscito a dormire. Che peccato! San Pietro in Amantea poteva avere per la prima volta nella sua storia un consigliere regionale.

La Lega e l’antico borgo hanno avuto una grave perdita.

Ma per noi cittadini di San Pietro in Amantea la decisione forse anche sofferta presa dal Sindaco Lorelli non cambia assolutamente nulla.

Il Sindaco, la Giunta e il Consiglio Comunale restano al loro posto.

Ci sono altre cose più importanti a cui pensare.

Comunque voglio dire bravo al Sindaco Lorelli.

Finalmente ha capito, con ritardo però, che non basta stare sui social con tantissimi “like” al giorno per cambiare l’Italia.

L’abbandono della Lega , voglio augurarmi che sia stata una sua scelta personale di valore politico.

Che rispetto e non commento. Voglio solo augurarmi che sia stata una decisione presa dopo una attenta riflessione.

Ha lasciato, però, nello sconforto e nella disperazione alcuni nostri emigrati in terre lontane che amano ed adorano Salvini e quei 132 elettori che lo hanno seguito nel votare Lega nelle scorse elezioni europee.

Ora chi vive lontano dal paese natio non scriverà più:- Bravo il nostro Sindaco!-.

E i 132 elettori a chi daranno il loro voto?

Cambieranno anche loro casacca?

Avrà il Sindaco Lorelli ancora molta influenza nell’elettorato deluso e preso per i fondelli?

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy