BANNER-ALTO2
A+ A A-

Ecco le “truffe” della Despar. Amantea compresa.

Vota questo articolo
(10 Voti)

Un lavoratore della Despar scrive a Iacchitè a seguente lettera:

 

“Vi spiego la truffa ai lavoratori dei supermercati Despar”.

Salve, mi chiamo Francesco Calabrò e vi scrivo da Corigliano Calabro (CS) per denunciare la seguente truffa.

 

Io sono un ex lavoratore (Direttore) di un noto supermercato della zona a marchio Despar, che aveva un contratto a tempo indeterminato e ben 13 anni di anzianità aziendale.

Con il mio ex datore di lavoro non v’erano e non vi sono mai stati problemi di nessuna natura; e tra l’altro, anche quando il pagamento dello stipendio non avveniva con la cadenza consueta, ma a volte anche dopo diversi mesi, non ho mai pensato di alzare la voce o di protestare o di rivendicare mai qualcosa.

Ad Agosto 2014 però, succede quello che non mi sarei mai aspettato, ed a me, come a tutti gli altri miei colleghi, comunicano che il supermercato, causa ristrutturazione, e solo per un determinato periodo di tempo, dovrà effettuare una chiusura; finita la quale però, tutto il vecchio personale sarebbe stato interamente ripreso.

 

Ed è partito quindi il licenziamento collettivo con la conseguente messa in mobilità di tutti i lavoratori del suddetto supermercato. In virtù di queste garanzie quindi, il mio ex “bravo” datore di lavoro mi fa firmare (e ci fa firmare) un verbale di conciliazione in cui oltre a riconoscermi quanto ancora come stipendio mi doveva, mi impegnavo a prestare acquiescenza al licenziamento ed a rinunciare (testuali parole) “ad ogni e qualsiasi pretesa promossa e/o promovenda azione in sede sindacale, amministrativa e/o giudiziale”: vera e propria clausola vessatoria.

Arriviamo ai giorni nostri però, e al motivo perché ho intitolato questo articolo “chiudo e riapro, e cosa ti faccio?: non ti riprendo”, questa è la risposta.

Giorno 29-04-2015 ha riaperto infatti il mio ex supermercato e del precedente organico ovviamente nemmeno l’ombra, tutta gente nuova. Stesso tragico destino è toccato anche ai supermercati di Castrovillari, Bisignano, Amantea e Rossano: “non vi preoccupate che tanto riapriremo e vi riassumeremo”.

Ditemi Voi se non è una truffa bella e buona questa, un piano studiato da tempo e nei minimi particolari. Ed è per questo motivo quindi che vi chiedo aiuto, proprio per denunciare e rendere pubblica questa losca vicenda.

 

Sapete che c’è poi? Il fatto che lo stato continua a pagarmi la mobilità ed io continuo ad essere un peso/costo per la collettività e loro invece cosa fanno? Riaprono e riassumono ad esclusivo loro piacimento senza nessun obbligo verso i precedenti lavoratori. D’altronde che ci vuole: basta cambiare una virgola alla nuova ragione sociale ed il gioco è fatto.

Peccato però che l’insegna è rimasta la stessa, che la dirigenza è rimasta la stessa, che chi era raccomandato è stato riassunto, e che per nasconderlo è stato spostato a pochi chilometri di distanza rispetto a prima, che la nuova società è composta da due ex lavoratori della dismessa società, e via discorrendo.

Avrei accettato qualsiasi offerta pur di lavorare, anche una riduzione dello stipendio, anche uno spostamento territoriale, ma nulla di tutto questo è avvenuto, senza dimenticare che non avrei avuto bisogno di nessuna formazione per riprendere a lavorare (d’altronde dopo tredici anni di esperienza da Responsabile…). Se avessi intuito la puzza della truffa che c’era in aria avrei sicuramente contrastato in tutti i modi questo licenziamento ammantato di finto buonismo, attraverso scioperi individuali e collettivi, coinvolgimento delle istituzioni ecc., ma ciò avrebbe causato ovviamente un rallentamento dei loro loschi piani.

Purtroppo mi sono fidato e ne ho pagato le conseguenze. Ho moglie e due figli a mio esclusivo carico (il primo di quasi quattro anni ed il secondo di nove mesi) mutuo e finanziamenti accesi, e tantissima rabbia credetemi, perché nessuno dovrebbe permettersi il lusso di giocare con la vita delle persone e dei lavoratori.           Distinti saluti, Francesco Calabrò.

 

Ci domandiamo, ma è legittimo questo comportamento? E se non lo è, a chi deve chiedere aiuto questo ( e gli altri) lavoratore con moglie e figli a carico? Ad un avvocato, ad un investigatore delle Forze pubbliche, ad un procuratore della repubblica,alla mafia, al Signore?

Ultima modifica il Lunedì, 16 Maggio 2016 14:26
Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

5 commenti

  • Francesco Calabrò

    Ringrazio tutti gli autori dei commenti per la loro solidarietà oltre che per la loro utilità in termini di suggerimenti da adottare. Esiste già una denuncia per truffa, non posta in essere dal sottoscritto però, di cui si è purtroppo persa traccia. La mia invece non riesco purtroppo più a dimostrarla.
    Distinti saluti, Francesco Calabrò.

    Rapporto Francesco Calabrò Mercoledì, 18 Maggio 2016 23:51 Link al commento
  • lilla

    Quando le leggi del parlamento vengono approvate per trasformare diritti e doveri molte volte acquisiti da tempo in modo antidemocratico e dittatoriale succede questo.Non andare da nessuna parte , subiresti danno su danno.Si deve avere la forza di agire sul momento.Meglio perdere il posto di lavoro ribellandoti che perderlo per la paura di questi ricattatori dell'ultima ora.Se sei nel giusto il Signore che hai tustesso nominato ti dara una mmano.Forza e indignato ma in pace con te stesso cerca un nuovo lavoro.

    Rapporto lilla Mercoledì, 18 Maggio 2016 11:20 Link al commento
  • salvatore nocella

    >L'unica è farsi giustizia da sè... purtroppo qui in Calabria abbiamo perso la fiducia nella giustizia (che parola pesante)........ andate dai capi tutti gli operai insieme e fatevi dare il dovuto fino all'ultimo centesimo.... altrimenti provvedete.... queste sono solo delle merde.... e vanno gettate nella fogna.

    Rapporto salvatore nocella Martedì, 17 Maggio 2016 19:21 Link al commento
  • Floriano

    Io penso che tu debba andare da un avvocato oppure alla camera del lavoro alla CGIL questi è tanti altri devono pagare per queste malefatte non possono passare liscia la loro illegalità ci metterete un po' di tempo ma avrete tutti i soldi con gli interessi e vi pagheranno anche i danni morali oltre che a pagare una bella multa. Io sono del nord e qui in Calabria vedo ogni giorno qualsiasi tipo di sfruttamento dalle finte assunzioni alla pga in busta paga regolare e poi se vuoi lavorare devi accettare la metà dei soldi e l'altra metà se la intascato loro e inoltre pagano quando vogliono loro oppure per niente. Deve cambiare la vostra cultura di non accettare compromessi con i datori del lavoro questi se la devono smettere di prendere in giro le persone. Svegliatevi ragazzi é ora che vi date una mossa per il futuro è il rispetto dei vostri figli. Ribellati! Trovate vi un buon avvocato la bilancia della giustizia pende dalla vostra parte.

    Rapporto Floriano Lunedì, 16 Maggio 2016 18:09 Link al commento
  • Angelo

    Bisogna fare subito un esposto alla autorità giudiziarie,con una querela per truffa sia ai danni dei lavoratori e sia contro lo stato sicuramente questo giochetto ha causato un approvigionamento indebito della cossiddetta decontribuzione cioè 8000 euro a dipendente quindi si tratta di trasformazione di rapporto e non nuovo posto di lavoro l'unica è una querela per truffa....

    Rapporto Angelo Lunedì, 16 Maggio 2016 16:56 Link al commento

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy