BANNER-ALTO2
A+ A A-

Riccardo Clemente

Collaboratore dal 2009, da tempo ormai realizza insieme alla redazione articoli su Amantea, ma di fondamentale importanza è il ruolo di "informatore".
Splendidamente, infatti, raccoglie informazioni preziose su vicende locali ed in numerose  occasioni ha permesso la realizzazione di veri e propri scoop di cronaca locale realizzati dallo Staff del portale TirrenoNews.Info

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le investigazioni private servono davvero?

Mercoledì, 25 Ottobre 2017 19:06 Pubblicato in Italia

Investigazioni-settore-privato

Le investigazioni private non sono materia di film di spionaggio o di fumetti per ragazzi, ma una realtà molto più diffusa di quel che si potrebbe pensare. Sono tante, infatti, le ragioni che possono spingere una persona comune, ma anche un imprenditore o una società, a rivolgersi a un detective per effettuare indagini che potrebbero avere esiti imprevedibili.

 

Le indagini di carattere commerciale

Le investigazioni private possono essere chiamate in causa, per esempio, per motivi aziendali: magari quando un'azienda ha bisogno di un dossier completo su un cliente o su un'impresa concorrente. Le informazioni patrimoniali che vengono fornite possono riguardare sia persone giuridiche che persone fisiche; si possono richiedere agli investigatori, in modo perfettamente lecito, bilanci societari e visure camerali, ma anche molti altri documenti al cui interno possono essere contenute informazioni di valore. Non mancano, poi, i servizi commerciali che sono correlati con il recupero crediti, così come si può pensare di usufruire di servizi connessi a notizie di carattere economico provenienti dalla stampa: in questo caso vengono monitorati e tenuti sotto controllo i media e numerose testate con lo scopo di verificare i successi o gli insuccessi della concorrenza e rimanere sempre aggiornati sui trend del mercato.

Gli investigatori privati possono essere coinvolti in tantissimi casi, considerata la vasta gamma di specifici servizi che mettono a disposizione: per esempio quelli che hanno a che fare con indagini penali difensive, ma anche quelli relativi alla sicurezza informatica o ai servizi fiduciari. Così, una multinazionale potrebbe decidere di contattare un'agenzia del settore per scoprire se i dispositivi tecnologici in dotazione ai suoi dipendenti sono sicuri o esposti a rischi che potrebbero favorire le azioni di hacker o malintenzionati. Per altro, la sicurezza informatica non è certo un tema che riguardi unicamente le imprese di grandi dimensioni: anche le aziende più piccole sono costrette a farvi fronte, per evitare intrusioni o azioni malevole da parte di criminali informatici che potrebbero causare danni economici davvero consistenti.

 

I servizi di sicurezza privata

Le investigazioni private servono anche a chi ha bisogno di servizi di sicurezza: molte agenzie mettono a disposizione questo tipo di soluzione, sotto forma di stewarding. Vi si ricorre, per esempio, in occasione di fiere, di convegni, di raduni, di manifestazioni sportive e - più in generale - di eventi in grado di attirare un gran numero di persone. Non si possono dimenticare, poi, i servizi di protezione ravvicinata, assicurati da quelle che sono comunemente note come guardie del corpo: si tratta di professionisti che sono adeguatamente formati per garantire una protezione completa alle persone che devono tutelare, evitando e prevenendo qualsiasi tipo di minaccia.

Le aziende non possono escludere a priori la possibilità di fare affidamento su un investigatore privato: anzi, si tratta di una circostanza più frequente di quel che si possa immaginare. Ci sono, per esempio, le imprese che contattano un'agenzia del settore allo scopo di verificare e di monitorare la propria brand reputation, ma anche quelle che intendono tenere sotto controllo i dipendenti che si assentano con una certa frequenza dal posto di lavoro.

Un detective, quindi, può essere chiamato in causa per scoprire se un lavoratore che è a casa in malattia sia effettivamente impossibilitato a recarsi al lavoro oppure sfrutti il proprio permesso retribuito per dedicarsi ad altre attività. Le indagini possono riguardare anche i comportamenti di soci, clienti o fornitori, che potrebbero essere protagonisti di atti relativi alla concorrenza sleale. Vengono stilati, così, dei dossier informativi sui loro comportamenti molto accurati e dettagliati.

Cosa visitare se ti trovi a Firenze

Lunedì, 23 Ottobre 2017 13:01 Pubblicato in Viaggi e Tempo Libero

firenzeSe per le prossime vacanze avete in mente di visitare Firenze, sappiate che è una città ricca di cultura e monumenti da visitare. Pertanto, è bene conoscere il percorso giusto da compiere, al fine di non perdere i posti più belli del capoluogo della Toscana.

La Cupola del Brunelleschi è una delle più alte costruzioni della città: il Campanile fu progettato da Giotto, anche se morì prima che la struttura fosse completa. Il Battistero rappresenta una vera e propria Bibbia per immagini, con le sue magnifiche porte. Proseguiamo, poi, con il Duomo che ha una facciata in marmo bianco e verde che vi stregherà. Proseguiamo, poi, con il Ponte Vecchio, uno dei più ammirati e fotografati al mondo, un tempo luogo di botteghe di verdurai e di macellai e ora strada caratterizzata da negozi di pregiati orafi.

Tappa fondamentale è la Galleria degli Uffizi, dove è possibile ammirare capolavori di ogni epoca storica, passando tra le opere dei grandi maestri dell'arte italiana, da Caravaggio a Raffaello. Per questo motivo, questo supermercato dell'arte è uno dei luoghi più visitati della città, che catalizza gran parte del turismo straniero e non solo. Se la scorpacciata di arte non vi basta, potete visitare anche la Basilica di Santa Croce, nella quale sono ospitate le tombe di Michelangelo e quella di Galileo Galilei, ma anche Vittorio Alfieri, Niccolò Machiavelli, Gioacchino Rossini, Ugo Foscolo e Antonio Canova.

Bella da visitare anche la Basilica di Santa Maria Novella, spesso bistrattata nei percorsi turistici, ma che rappresenta un monumento in stile gotico tra i più importanti in Toscana. Opera di Fra Jacopo Talenti e Leon Battista Alberti, all'interno si possono ammirare capolavori di immenso valore artistico, quali la Trinità di Masaccio, gli affreschi del Ghirlandaio nella Cappella Tornabuoni e il Crocifisso di Giotto.

Passiamo, poi, alla magia dei Giardini Bardini che rappresentano la naturale bellezza della città di Firenze, ricca dal punto di vista monumentale, architettonico e culturale ma anche sul piano strettamente ambientale. Sono giardini nascosti, quasi segreti che offrono al visitatore parchi magnifici dove passare ore in estrema tranquillità tra il verde. Sono posti meno conosciuti, che, però, vale la pena visitare, al pari del Giardino delle Rose e dell'Iris e del Giardino di Boboli.

Per non stancarvi eccessivamente con i mezzi pubblici, potete fittare un'auto o una moto a prezzi vantaggiosi su Offertenoleggioauto.it e vivere una vacanza davvero rilassante.

archivioSono ormai molto numerose le aziende che decidono di integrare nei propri processi di lavoro dei sistemi di archiviazione documentale; questo strumento viene ormai riconosciuto come un elemento di gestione aziendale dalle grandissime possibilità, grazie al quale si possono davvero rilevare riduzioni dei tempi e dei costi e incrementi sensibili dell’efficienza. Non sempre, però, all’interesse corrisponde la conoscenza; l’Italia soffre ancora di una diffusa riluttanza ad acquisire pienamente gli strumenti dell’informatica e perfino i suoi termini, tanto che spesso leggere la brochure di un sistema di gestione documentale – o anche, semplicemente, un articolo sull’argomento in qualche rivista di settore – può far incontrare sigle del tutto indecifrabili. Con l’aiuto di un’azienda tutta Italiana fra le più importanti del settore, la Datasis, abbiamo stilato una lista delle sigle più importanti e utili da conoscere:

OCR

OCR sta, in inglese, per Optical Character Recognition, ossia “Riconoscimento ottico dei caratteri”. Cosa significa? Significa che un sistema OCR è capace di riconoscere, nella scansione di un documento, i simboli alfanumerici, e considerarli appunto come tali e non come immagini. Questo significa che un testo scansito diventa subito digitale, e che quindi il sistema può riconoscerne il contenuto per trarne indici o dati utili. È una delle funzioni più utili ed importanti nell’archiviazione documentale.

WFM

Anche WFM è una sigla inglese, e sta per Workflow Management, che si traduce con “Gestione del flusso di lavoro”. Di che si tratta? È molto raro che in un’azienda un documento sia opera di una sola persona; la maggior parte passa da diverse figure, che lp completano, lo verificano, e magari ne approvano l’utilizzo. Una buona gestione documentale deve necessariamente integrarsi in questo flusso di lavoro, ma deve anche facilitarlo e migliorarlo, sempre senza – e questa è la sfida – diventare intrusiva o ostacolarlo.

EDC

EDC è la sigla che indica Electronic document capture, ossia cattura elettronica dei documenti. Se vogliamo è la base stessa del concetto di archiviazione documentale, dato che questa consiste innanzitutto nella conversione dei documenti da un formato cartaceo a uno digitale. L’EDC consiste sia in questa fase che in tutte quelle che ne derivano, quindi la scansione, il riconoscimento del testo, e ove necessario la conversione delle immagini: in breve tutti i processi che rendono possibile trasformare un intero archivio in file digitali.

EDMS

EDMS è la sigla che sta per Electronic document management system: l’abbiamo posta alla fine perché è quella che riassume un po’ tutte le funzioni di un sistema di archiviazione digitale. Un sistema di questo tipo, infatti, deve poter archiviare i documenti come file digitali in un database elettronico, indicizzarli, e permettere di ricercare all’interno dell’archivio per recuperare in pochi secondi qualsiasi specifico file.

BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy