BANNER-ALTO2
A+ A A-

VedutaIeri 29 maggio alcuni Professori della Università della Calabria hanno esaminato il voto dei calabresi nell’ultima consultazione elettorale di domenica scorsa. Sono arrivati a questa conclusione sconcertante:- I calabresi sin dal 2014 hanno sempre rincorso e premiato il nuovo-. E così è stato anche quest’anno. Il Prof. Antonio Costabile, ordinario di Sociologia Politica ha parlato di voto di scambio, di voto di appartenenza, di voto d’opinione, però anche di un voto che i sociologi definiscono a razionalità limitata. In questo Seminario dove c’era un folto e attento pubblico, tra cui il Presidente della Provincia di Cosenza Iacucci, candidato al Parlamento Europeo nelle ultime consultazioni, dove ha ottenuto un ottimo risultato, si è parlato anche di San Pietro in Amantea, piccolo Comune del Basso Tirreno cosentino, dove la Lega di Matteo Salvini ha ottenuto 132 voti cioè il 60% dei voti ed è risultato il Comune più leghista di Calabria. Congratulazioni. Davvero un bel primato e tutti ne siamo davvero orgogliosi. Come mai si sono chiesti i relatori che i cittadini del borgo abbiano votato in massa la Lega di Salvini? Nella lista leghista non c’era nessun candidato locale, eppure la Lega ottiene uno strepitoso successo. Il motivo? Io vi confesso francamente lo ignoravo. Ho appreso soltanto ieri sera che il Sindaco del mio paese Gioacchino Lorelli, che si era presentato nell’ultima competizione comunale con una lista civica, ha cambiato schieramento politico. E’ passato alla Lega di Salvini. Non commento. Non mi interessa. Ognuno è libero di fare ciò che meglio crede. Il Prof De Luca così ha detto:- Se un Sindaco ha tanta influenza, dobbiamo forse pensare che in molti non sappiano chi votare-. E’ la prima volta che capita, purtroppo, che i miei cari paesani non abbiano saputo chi votare. Da sempre San Pietro in Amantea è stato un feudo della Democrazia Cristiana (anno 1948 un plebiscito per l’On. Benedetto Carratelli, oltre 800 voti di preferenza) e poi dagli anni sessanta in poi con l’avvento del centro sinistra metà dei voti andavano alla Democrazia Cristiana e l’altra metà al glorioso Partito Socialista di Nenni e di Giacomo Mancini, di cui io, modestamente, facevo parte e ricoprivo la carica di Vice Sindaco. San Pietro in Amantea è stato sempre coerente ai suoi ideali e mai ha premiato il nuovo che avanza o è salito sul carro del vincitore o ha rincorso la novità del momento.

Pubblicato in Politica

tempestaLe elezioni europee sono appena terminate ma lo scontro Lega Movimento 5 Stelle continua. Il Ministro Salvini, forte del risultato eccellente ottenuto, tenta di riscrivere l’agenda del Governo. Tra le priorità c’è l’introduzione della flat tax, il decreto di sicurezza bis, la realizzazione della TAV, l’autonomia regionale, lo sblocca cantieri. Ma a quanto pare il M5S, l’alleato di Governo, sta facendo l’orecchio da mercante, non ha nessuna intenzione di cedere alle richieste di Salvini per non perdere la faccia e ulteriore consenso elettorale. Salvini ha vinto le elezioni e tutti questa volta sono perfettamente d’accordo. Gli sconfitti non hanno trovato alibi, solo Di Maio ha attribuito la sconfitta del suo movimento alla astensione. Ma l’astensione tanto temuta non c’è stata anche se agli italiani piace molto di più fare la coda agli stadi per assistere ad un incontro di calcio della squadra del cuore che fare la fila ai seggi elettorali per esprimere il loro diritto di voto. Ma se gli italiani preferiscono le code degli stadi un motivo c’è, eccome. Molti sono convinti che il loro voto non conta poi tanto. Vedi Salvini. Nelle elezioni del marzo dello scorso anno si presenta con il centro destra, ad elezioni avvenute fa un governo col Movimento 5 Stelle, acerrimo avversario di Berlusconi e di Giorgia Meloni. Ora litigano e di brutto. L’On. Giorgetti si interroga:- Ci sarà stabilità nel Governo? E’ giusto proseguire l’alleanza Lega M5S o sarebbe il caso interrompere la collaborazione?-. Le urne del 26 maggio hanno parlato chiaro. Il Movimento grillino non ha più la fiducia degli italiani. Ha perso in un anno circa 6 milioni di voti. Il 26 maggio è venuta giù la pioggia e la grandine e ha spazzato via ogni dubbio. Salvini esulta e sta dicendo un sacco di fesserie. Si sente già Primo Ministro e si comporta come tale. Con quella bocca può dire ciò che vuole, può fare la voce grossa, può battere i pugni sul tavolo, può minacciare sfracelli, ma alla fine dovrà cedere perché non conta nulla, conta come il due di picche perché nel Parlamento non ha la maggioranza. Ha calato le brache col caso Siri. Qualcuno dirà, però, prima delle elezioni europee. Calerà le brache col caso Rixi perché non ha nessun interesse di rompere col Movimento grillino. Non intende far cadere il Governo, non vuole o forse non può far valere fino in fondo il suo trionfo elettorale. Per Toninelli il voto del 26 maggio non ha cambiato nulla e questa sua presa di posizione dimostra che il M5S non ha alcuna intenzione di fare retromarcia. Di Maio è in crisi ed è messo in discussione da Deputati e Senatori grillini. Sembra un pugile suonato che si aggrappa alle corde del ring. Ma alle richieste della Lega dovrà dare una risposta al più presto. Se sarà negativa Salvini aprirà una crisi di Governo e poi spetterà al Presidente della Repubblica decidere. Darà un incarico esplorativo al Presidente del Senato o scioglierà il Parlamento? Dal Colle fanno trapelare che il voto di domenica era per il Parlamento Europeo, quindi non dovrebbe avere ripercussioni sulla politica italiana. Sono sicuro che ci saranno ripercussioni, polemiche, dibattiti, accuse e contro accuse. Prepariamoci, dunque, ad una nuova e massacrante campagna elettorale sotto gli ombrelloni.

Pubblicato in Italia

maioOggi, cari amici, ho ascoltato alla radio la canzone di Mario Merola “Torna” e mi ha spinto a scrivere questa letterina a Matteo Salvini. Trascrivo alcuni versi: Te voglio n’ata vota int’a stì braccia / Torna/ Sta casa aspetta a te/ Torna/ che smanie’e te vedè/ Torna/ ca si ce tuorni tu/ nun ce lassammu chiù.

Caro Salvini, stia attento, il vento sta cambiando, i sondaggi in suo favore sono in calo ( ha perso quasi 6 punti in due settimane) e gli elettori sono stufi delle sue sparate, dei selfie con le felpe delle Forze dell’ordine e con il mitra in mano. L’effetto Siri è solo in parte la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Sono i conflitti giornalieri e le polemiche con i suoi alleati che hanno lasciato il segno. Ma anche le inchieste giudiziarie stanno minando la sua figura di leader. Le sparate sulla chiusura dei cannabis shop, sui grembiulini degli alunni nella scuola elementare, sui porti chiusi, sulla Tav, sul reddito di cittadinanza, su quota cento, sul decreto sicurezza hanno stancato gli elettori e alcuni le hanno già voltato le spalle. Molti elettori leghisti della prima ora non hanno gradito il suo allontanamento dal centro destra e da Berlusconi in particolare. Ancora è in tempo. Chieda scusa agli italiani e come il figliol prodigo ritorna a casa, il papà che lo ha foraggiato per tanti anni, che ha dato alla Lega poltrone in tanti Comuni e in tantissime Regioni, l’aspetta a braccia aperta. Torna e come dice la canzone: Nun ce lassammu chiù. Le scelte che ha fatto da un anno in qua sono state tutte sbagliate, si è troppo fidato di ragazzi che si sono improvvisati politici e ora, visti i risultati raggiunti, non le resta che mollare i compagni di viaggio che stanno facendo di tutto per affossarla. Tutto quello che lei ha fatto non ha prodotto risultati positivi. Alle polemiche talvolta accanite non sono seguiti i fatti. Gli elettori hanno avuto la sensazione che si è fatto tanto rumore per nulla. Sappia, caro Sig. Ministro, che gli italiani non sono poi tanto fessi, non amano la conflittualità politica permanente, scoccia, annoia, tantomeno se si alimenta tra due forze politiche, anche se diverse, che avevano dichiarato di voler cambiare il mondo e che partecipano al Governo. Le due forze politiche che ci governano hanno sempre litigato e non sono d’accordo su nulla. Per questo i suoi elettori sono preoccupati e hanno ingoiato il rospo del caso Siri a malavoglia. Romano Prodi non le dice niente? Romano Prodi era Presidente del Consiglio e il suo Governo era retto da due forze politiche e da due personaggi in conflitto giornaliero: Rifondazione Comunista e l’Udeur, Bertinotti e Mastella. Quel Governo improvvisamente cadde. La stessa cosa può capitare a lei oggi o domani. Tra due settimane andremo al voto e ci saranno i verdetti veri e definitivi. Sono sicuro che l’esecutivo giallo verde dal 27 maggio in poi si trasformerà da Governo del cambiamento e del contratto a quello dei separati in casa. Oggi, domenica 12 maggio,ci sono i ballottaggi in Sicilia e i riflettori sono puntati su alcune città siciliane che dovranno eleggere i sindaci. Ci sarà lo scambio di voti tra Lega e Movimento 5 Stelle? Io penso di sì, perché vi state comportando come i ladri di Pisa. Facevano finta di litigare di giorno, ma poi la notte insieme andavano a rubare.

Pubblicato in Italia

gagliardiSì, tutto come previsto. Salvini ha calato le brache e il Sottosegretario Siri indagato per corruzione dal Consiglio dei Ministri di stamattina è stato disarcionato.

Come dunque previsto tanto tuonò che non piovve. La pioggia tanto attesa da diversi giorni non si è verificata. Ci sono stati tuoni e lampi ben mirati, ma la pioggia, purtroppo, non è arrivata. Come previsto la resa dei conti non c’è stata, tutto è stato rinviato a dopo le elezioni europee del 26 maggio p.v. Ma la guerra tra i due maggiori contendenti Luigi Di Maio e Matteo Salvini continua. Così disse pure Badoglio in quel lontano 25 luglio del 1943 per non tradire gli alleati tedeschi. E così dice oggi Salvini, la guerra continua, ma rimane fedele alla parola data ai grillini di Di Maio. Se fosse ancora in vita Luigi Pirandello chissà cosa avrebbe scritto. Nei nostri articoli di giorni precedenti abbiamo sempre scritto che il Governo giallo verde non sarebbe crollato. Salvini e Di Maio assolutamente non vogliono la crisi di Governo. Anche loro hanno famiglia e alle poltrone ministeriali sono abbarbicati come l’edera. Salvini ora può dire ciò che vuole, non è credibile. Non può più prendere in giro gli italiani. Non siamo fessi. Perché non dice la verità? E’ stato costretto da Conte e da Di Maio ad ingoiare un bel rospo. I grillini hanno ardentemente voluto l’allontanamento di un sottosegretario leghista indagato per corruzione, senza uno straccio di prova, e allontanamento c’è stato. Va bene, i grillini se ne prenderanno le responsabilità, ma se ne prenderanno pure tutti i vantaggi. Già esultano e cantano vittoria. Infatti l’unico che si è presentato in conferenza stampa dopo il Consiglio dei Ministri è stato Luigi Di Maio. E Salvini? Desaparecido. Ha vinto Di Maio. Salvini ha perso. E’ lui lo sconfitto di stamattina. Però sta preparando una controffensiva. Il redde rationem ci sarà dopo il voto. Oggi, però, dobbiamo registrare una sua sonora sconfitta che lascerà il segno e avrà sicuramente degli strascichi durante la campagna elettorale. E intanto i sondaggi danno la Lega in calo. Gli elettori leghisti e i simpatizzanti evidentemente non hanno gradito il suo passo indietro. Ma lo ha fatto per il bene del paese. Balle! Lo ha fatto perché non vuole andare a casa e lasciare la poltrona ministeriale che occupa. Fino a quando? Ci sono tante altre cose da fare, certo. Ma Salvini, checché dica, ha subito una sonora sconfitta di immagine e politica. E gli scontri e le invettive di queste ultime settimane? Quali scontri, quali invettive! Tutto è filato liscio come l’olio. Oggi non c’è stata nessuna conta. Allora è vero quello che abbiamo pensato e scritto: i litigi tra Di Maio e Salvini sono finti, sono ben orchestrati per prendere per i fondelli gli italiani. Ma noi abbiamo in mano una matita copiativa e con un bel segno di croce sulla scheda elettorale possiamo mandarli tutte due a casa definitivamente senza fare troppo rumore.

Pubblicato in Italia

ZUCCHEROAmici, anche le bustine da zucchero fanno scoppiare un finimondo nel nostro bel paese. Parlo delle normali confezioni che usiamo quando in un bar decidiamo di sorbirci una bella tazzulilla e cafè. Addirittura è stata coinvolta una nota e storica azienda bolognese ed è intervenuta nientepopodimeno che il Presidente dell’Anpi (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), Carla Nespolo. E’ scoppiata la guerra e i partigiani hanno preso i fucili e si sono rifugiati in montagna? Niente di tutto questo. Ma cosa è davvero successo che è intervenuto il Partito Democratico e si è scomodato finanche il Sindaco di Bologna? Cose che succedono soltanto in Italia per colpa di un esercente di un Bar, Bar Nerini, lungo gli Stradelli Guelfi, appena fuori Bologna. Il titolare del locale, sui tavoli e sul bancone, oltre alle normali e comuni bustine di zucchero, metteva altri tipi di bustine che aveva comprato a Predappio come souvenir con il volto di Mussolini e con gli slogan che ci facevano recitare a memoria finanche nelle scuole durante il periodo fascista e che trovavamo scritte sui libri di testo e nei muri delle case con indelebile inchiostro di china: “Molti nemici molto onore”, “Libro e moschetto fascista perfetto”, “E’ l’aratro che traccia il solco ma è la spada che lo difende”, “Credere, obbedire e combattere”. Il caso, dopo che è stato segnalato dalla stampa locale e addirittura dal giornale nazionale “la Repubblica”, ha costretto la nota azienda di caffè Filicori Zecchini di dissociarsi nettamente annunciando la volontà di troncare ogni rapporto commerciale con il locale. Ma il fascismo è morto e seppellito da 70 anni. Possibile che una bustina di zucchero possa far risvegliare rigurgiti fascisti? E’ stata una furbizia del titolare del bar per attirare evidentemente qualche avventore. Apologia del fascismo hanno chiamato questa furbizia commerciale! Ma per favore, scherciamoci sopra, beviamoci un bel caffè e se non vogliamo usare la bustina di zucchero con l’effige del Duce usiamo le altre bustine che sono sul bancone. Purtroppo alcuni clienti quelle bustine di zucchero con i tristi slogan fascisti non le hanno gradite. Una giovane signora è entrata nel locale per prendere un caffè e quando ha visto quelle bustine con la faccia del Duce ha scosso la testa ed è andata via. Il Proprietario del bar si difende:- La mia è stata soltanto una goliardata. Non faccio propaganda. Il mio lavoro è soltanto fare caffè -.

Pubblicato in Italia

indagine climaAmici, è vero, non c’è pace tra gli ulivi. Ma oggi, però, non vi parlerò di un noto film degli anni 50 con la bravissima Lucia Bosè, ma vi parlerò di una bufera politico giudiziaria che questa mattina ha sconvolto tutta la Calabria e che ha già preso il posto nelle prime pagine dei giornali: -Appalti in Calabria, trema il Pd: il Presidente Oliverio è nei guai-.- Appalti truccati e corruzione per le grandi opere. Bufera sulla Regione e sul Comune di Cosenza-. Così il televideo della RAI:- Calabria, 20 indagati per appalti pubblici-. E il televideo di Mediaset:-Appalti Calabria, indagato Oliverio. Nei guai anche il Sindaco di Cosenza -. Tutti hanno ricevuto un avviso di garanzia dalla Procura di Catanzaro. E torna a far discutere il disarcionamento del Sindaco Mario Occhiuto nel lontano 2016. Tutti ancora ricordano come finì la prima avventura di Mario Occhiuto alla guida del Comune di Cosenza. Pochi mesi prima che il suo mandato di Sindaco terminasse i consiglieri di minoranza e alcuni consiglieri di maggioranza davanti ad un notaio firmarono le proprie dimissioni dalla carica di consiglieri comunali per far cadere il Sindaco. E il Sindaco cadde, il Prefetto nominò un Commissario Prefettizio e poi si andò a nuove elezioni. Stravinse nuovamente Mario Occhiuto. Sbaragliò gli avversari che ancora si leccano le ferite. Tutto finito. Macché. Ora, a distanza di tre anni, i Magistrati della DDA di Catanzaro hanno indagato a fondo e sono venuti alla conclusione che dietro quella decisione non c’era nulla di politico. E l’artefice principale, secondo l’accusa, è Luigi Incarnato, all’epoca Consigliere e Assessore Regionale della Regione Calabria. Per questa triste e insolita vicenda sono indagati diverse persone tra cui l’attuale Governatore della Calabria On. Mario Oliverio e l’ex Consigliere Regionale On. Nicola Adamo. Nel mirino dell’inchiesta oltre al complotto ai danni del Sindaco di Cosenza in particolare ci sono due opere pubbliche: la metropolitana leggera che dovrebbe collegare Cosenza con Rende e l’erigente nuovo ospedale di Cosenza nonché il Museo di Alarico. Molte sono le accuse contestate, tra le altre quella che ha destato molto scalpore, è l’associazione a delinquere. Cos’è l’associazione a delinquere? E’ un delitto contro l’ordine pubblico previsto dall’Art.416 del codice penale italiano. Per la Treccani l’associazione per delinquere è un “ organismo plurisoggettivo composto da tre o più persone capace di realizzare un programma criminoso”. Tra i reati ipotizzati c’è la turbativa d’asta, frode in pubbliche forniture, corruzione. Tutti, però, si difendono e si dichiarano estranei ai fatti. Sono accuse infamanti, risibili e infondate e chiedono di essere sentiti al più presto dai Magistrati per chiarire la vicenda. Comunque la bufera politico giudiziaria di questa mattina ha già lasciato il segno e avrà certamente strascichi non solo nella consultazione elettorale per il rinnovo del Consiglio Regionale Calabrese ma anche nelle scelte dei candidati a Presidente della Regione. Oliverio chiede la riconferma e Occhiuto è il candidato unico in pectore del centro destra.

Pubblicato in Italia

conte dimaio salvini fgSe l’Italia fosse un paese normale a quest’ora il Governo sarebbe caduto e il Presidente della Repubblica avrebbe già sciolto il Parlamento e indette nuove elezioni politiche anticipate. Ma l’Italia è l’Italia, e quindi il Governo continua a mal governare. Ma è già in gravi crisi, però. Chi lo farà cadere? Chi aprirà per primo la crisi? Conte, Di Maio o Salvini? Il Governo si scioglierà come neve al sole? Il caso del sottosegretario leghista Armando Siri accusato di corruzione per aver favorito un imprenditore in cambio di una presunta tangente di 30 mila euro ha catalizzato l’attenzione dell’opinione pubblica e tutti i giornali nazionali hanno raccontato alcuni retroscena. Il Premier Conte ha chiesto le sue dimissioni e il caso Siri sarà discusso al prossimo Consiglio dei Ministri. Con voto o senza voto? Se Siri si dimetterà spontaneamente non ci sarà nessun voto altrimenti sarà il Consiglio dei Ministri a prendere la decisione finale a maggioranza. E il M5S ha la maggioranza nel Consiglio. E Salvini cosa farà? Abbandonerà per protesta il Consiglio dei Ministri per non assecondare la revoca del suo rappresentante nel Governo oppure aprirà la crisi di Governo per difenderlo? Le prime pagine dei giornali sono tutte dedicate al caso Siri e ai retroscena politici. “Conte sfida Salvini”. “Salvini si arrende”. “Governo è in crisi”. “Schiaffo di Conte alla Lega”. “Di Maio pressa e Conte licenzia”. Matteo Salvini dissimula tranquillità ma è furibondo. Non sa che pesci prendere. L’aut aut di Conte lo ha messo in imbarazzo:- Conte è un carnefice, non ha più la mia fiducia. Con il M5S è finita. Di Maio è il mandante, Conte esegue. Vogliono davvero la crisi in piena campagna elettorale?-. Risponde Di Maio:- La Lega ha pianificato di far saltare tutto dopo il voto. E tutto questo per cosa? Per una poltrona? Per non mollare un loro indagato per corruzione?- Litigano giorno e notte come i ladri di Pisa, non si telefonano più, non si incontrano più .Litigano finanche sui grembiulini degli alunni delle scuole elementari. Però nessuno vuole davvero aprire una crisi di Governo, ne uscirebbero con le ossa rotte. Almeno per ora, forse dopo le elezioni europee del prossimo 26 maggio. Per il momento anche il premier Conte rassicura gli italiani che non ci sarà nessuna crisi, non ci sarà nessuna conta al Consiglio dei Ministri. Per il M5S e per la Lega il Governo deve andare avanti. Salvini incalza:- Io penso a lavorare. Il Governo durerà, e questo lo ripete da sempre come un mantra, altri 4 anni e agli italiani frega niente di quello che titolano i giornali e i telegiornali che ricorrono polemiche inutili. E’ per questo che vendono sempre meno e i dibattiti Tv perdono ascolto-. Accusa i giornali e i telegiornali che alimentano polemiche, che diffondono, secondo lui, false notizie e false dichiarazioni. Non sanno più cosa dire e cosa fare e se la prendono con i giornalisti che riportano esattamente le loro dichiarazioni. Cadrà il Governo? No. Perché sia Salvini, che Conte e Di Maio sono abbarbicati alle poltrone ministeriali come l’edera. Fingono di litigare, si prendono a pesci in faccia, ma poi, per il bene del paese, dicono loro, andiamo avanti. Peccato, avevo sperato ad una crisi di Governo prima delle elezioni di maggio. In ogni caso questo Governo così com’è non potrà continuare a lungo, perché sta facendo danni enormi al paese, ha perso credibilità, e la gente è stanca, non ha più fiducia in loro. Non si vive di solo quota cento o di reddito di cittadinanza. Per un buon Governo ci vuole dell’altro. I dilettanti allo sbaraglio vanno benissimo alla Corrida, ma alla Camera, al Senato e soprattutto al Governo ci vogliono persone serie, equilibrate, preparate. E il clima di guerra fredda tra gli alleati di Governo continua e Di Maio e Salvini addebitano alla stampa i loro insuccessi e le loro sconfitte.

Pubblicato in Italia

Giorgia-Meloni-a-Reggio-CalabriaDomenica 28 aprile alle ore 18 in Piazza Duomo a Reggio Calabria Giorgia Meloni in vista delle elezioni europee del prossimo 26 maggio ha aperto la campagna elettorale per il suo partito, Fratelli d’Italia. Ha chiesto, naturalmente e come era prevedibile, più voti per il suo partito perché Fratelli d’Italia insieme a Forza Italia e Lega vuole costruire un’alternativa all’attuale Governo giallo verde. Fin qui nulla di nuovo. Poi, però, Giorgia Meloni ha rilanciato la candidatura di Wanda Ferro a Governatore della Regione Calabria. E’ legittimo, ci mancherebbe, che il Presidente di un partito politico avanzi la candidatura alla Regione Calabria di un suo iscritto e di un esponente che già ricopre una carica istituzionale al Parlamento Italiano. Ma quanti voti ha in Calabria il partito di Giorgia Meloni? Non abbastanza per avere un suo candidato. E allora mi viene in mente un antico proverbio calabrese che calza a proposito:- Puru i pulici tenano a tussa-., che vuol dire, senza offesa per nessuno, che anche gli individui più piccoli, più insignificanti spesso e volentieri vogliono dire la loro. Il Partito di Giorgia Meloni fa parte della coalizione del centro destra, però non può chiedere tanto e poi in una piazza dove erano radunati soltanto gli iscritti e i simpatizzanti del suo partito. Questi accordi si discutono in segreto attorno ad un tavolo dove sono radunati tutti gli esponenti della coalizione. Ma Fratelli d’Italia, se non vado errato, ha già ottenuto un suo candidato, Marco Marsilio, nelle ultime elezioni regionali che si sono svolte in Abruzzo. Secondo lei, però, qui in Calabria, non ci sono ancora gli accordi e la candidatura a Governatore della Calabria da parte del Sindaco di Cosenza Occhiuto ancora non è sicura. C’è da discutere, a differenza di quello che si dice. Ne vorrebbe discutere ancora, ecco perché ha fatto il nome di Wanda Ferro, presente anche lei sul palco nella manifestazione elettorale di Reggio. Wanda Ferro ha guidato nelle passate elezioni regionali calabresi la coalizione di centro destra ed è stata sonoramente sconfitta dal centro sinistra guidato da Mario Oliverio attualmente in carica. Sarebbe il caso di dare la possibilità e l’opportunità ad altri candidati, forse più spendibili, di guidare la coalizione di centro destra che potrebbero vincere più facilmente le elezioni che si annunciano molto agguerrite.

Pubblicato in Calabria

lankaPassata la Pasqua dove tutti ci siamo scambiati gli auguri, le colombe e le uova di cioccolato, risuonano nelle mie orecchie gli scoppi delle bombe che hanno distrutto le chiese cristiane in una nazione molto lontana dalla nostra dove gente comune si era radunata per celebrare un giorno di festa, la risurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo. Erano lì radunati per pregare, vi hanno trovato la morte. Lo confesso, non riesco a togliermi dagli occhi le immagini di quei poveri corpi straziati, dilaniati, delle statue dei Santi e della Vergine frantumati e sparsi per terra e la statua di Cristo tutta impregnata del sangue dei fedeli. Ma cosa è davvero accaduto? Durante le celebrazioni di Pasqua nello Stato dello Sri Lanka i terroristi islamici hanno fatto esplodere chiese e hotel causando oltre 359 morti e oltre 500 feriti. Un massacro, il più grave mai compiuto dai jihadisti dopo le tremila vittime dell’11 settembre in America. I terroristi hanno voluto vendicare gli attentati contro le moschee in Nuova Zelanda che il 15 marzo scorso hanno fatto 50 vittime fra i fedeli musulmani in preghiera.

Le stragi dei cristiani, ormai si susseguono senza sosta e sorprende che nei paesi occidentali ci possono essere personaggi che si rifiutano di ammettere che le stragi sono opera del terrorismo islamico. Siamo rimasti addolorati per le fiamme che hanno quasi distrutto la cattedrale di Notre Dame a Parigi, mentre per le altre chiese bruciate, vandalizzate, profanate silenzio assoluto. Solo Barbara Palombelli ha postato così su Facebook:- La strage dei cristiani e di turisti occidentali nel giorno di Pasqua interessa meno del tetto di Notre Dame…incomprensibile indifferenza-.

Ora io mi chiedo, è pronto il Santo Padre a inchinarsi e baciare i piedi, come fece Gesù con gli Apostoli, ai potenti della terra? Dove sono gli intellettuali sempre pronti ad indignarsi, a firmare appelli, se qualche migrante muore annegato in mare perché Salvini ha chiuso i porti italiani? Per uno che muore annegato un fiume di inchiostro, per 360 persone fatte saltare in aria nelle chiese mentre pregavano un silenzio assordante. Tacciono. Dove sono i maestri della indignazione? Si tace addirittura il nome dei carnefici, si tace il nome delle vittime. Ma sono sicuro che tutti incominceranno a parlarne quando anche le chiese italiane saranno colpite prima o poi. Allora scriveranno che le stragi hanno una matrice islamica e pure Obama e Hillary Clinton diranno che i morti sono cristiani e non “santificatori della Pasqua, Easter worshipper”.

Vogliamo davvero porre termine alla guerra di religione che è in atto? Rimoviamo le cause che fanno dell’Occidente un “Satana”, un nemico agli occhi dei popoli islamici. Convertiamoci all’Islam. Rinunciamo alla nostra religione. Trasformiamo le nostre chiese in bordelli. Introduciamo nelle nostre scuole il Corano e togliamo dalle aule il Crocifisso. Prendiamo pure noi 4 o 5 mogli. Autorizziamo gli ospedali pubblici a praticare la l’infabulazione. Proibiamo alle nostre figlie di indossare pantaloni e minigonne. Buttiamo dai balconi le televisioni. Chiudiamo i cinema ed i teatri. Introduciamo il chador e bandiamo i vestiti griffati. Spogliamoci dei nostri beni, della nostra identità culturale ed etica. Distruggiamo lo Stato d’Israele e mettiamo nei forni crematori tutti gli ebrei sparsi nel mondo. Ora le cause sono rimosse. Ora niente più guerre di religione, niente più stragi, niente più attentati, ora possiamo vivere tutti in pace felici e contenti perché Allah ci guiderà e ci proteggerà!

Pubblicato in Italia

giovanni-toti-biografia-forza-italiaIl mondo è cambiato e Forza Italia, secondo il Governatore della Liguria Giovanni Toti non vuole cambiare, non sa rinnovarsi. Infatti, per questo motivo, è pronto a lasciare il partito che lo ha eletto a Governatore della Liguria per salire sul carro del vincitore che al momento pare sia Salvini e la sua Lega. E’ un illuso, è un voltagabbana come gli altri che per un piatto di lenticchie hanno tradito gli amici e il partito che li aveva portati a Montecitorio e Palazzo Madama senza avere alcun merito. Si pentirà amaramente. Se ne accorgerà quando scadrà il suo mandato da Governatore e tutti gli volteranno le spalle e lo manderanno a quel paese. La Stampa di Torino già lo ha definito il “Killer” di Forza Italia. Ci sono stati altri killer, se non vado errato, e sono tutti scomparsi. Forza Italia ancora è viva e vegeta, non prende i voti di alcuni anni fa, però ancora potrebbe essere l’ago della bilancia di un futuro governo. Sin dal 1994 ci sono stati tanti politici che hanno cercato di uccidere Berlusconi e il suo partito, ma alla fine ha vinto sempre lui. Gli attentatori hanno avuto una gloria effimera in televisione e sulla stampa, poi sono scomparsi dalla scena politica italiana. E sono convinto che Toti farà la stessa fine. La stessa sorte toccherà a questo signore, fallito come giornalista e come politico, che si è molto ingrassato mangiando alla mangiatoia di Forza Italia. Berlusconi l’ha capito e ha finalmente detto:- La pazienza è finita-. Era ora. Finalmente lo ha guardato in faccia e avrà pensato:- Come mai mi sono fidato di lui. Come mai non mi sono accorto prima della faccia da pacioccone broccolato di Toti? Caro Berlusconi, hai sbagliato ancora una volta, non hai saputo scegliere i tuoi collaboratori. Ti sei circondato da utili idioti, capaci di pensare solamente alla propria pagnotta e al proprio potere, pronti a tradirti, a sputare nel piatto dove hanno lautamente mangiato, felicissimi a salire sul carro del vincitore per conservare il posto e i privilegi. Così va la vita, purtroppo, e noi la dobbiamo accettare così com’è. Il guaio è che le persone valide, capaci, intelligenti, preparate, sono state sempre messe da parte e i furbi, gli intrallazzatori, i faccendieri, i quaquaraqua l’hanno avuta sempre vinta. Anche Toti ora? Sì, anche lui. Ma la storia di Berlusconi, come abbiamo visto, è costellata di amorose voltate di spalle. Ci hanno provato Casini, Fini, Bocchino (ricordate il suo intervento alla Camera dei Deputati?), Alfano e poi Verdini. Sappiamo tutti che fine hanno fatto. Casini addirittura per essere eletto è stato costretto nella sua Bologna a presentarsi nelle file del famoso Partito Comunista Italiano, lui, vecchio esponente della Democrazia Cristiana, finto cattolico, apostolico romano, che a parole lo ha sempre lottato. Ora è il momento di Toti. Vuole mettersi in proprio, convinto dei sondaggi di popolarità che lo premiano come ultimo delfino del Cavaliere. Non c’è da meravigliarsi poi tanto. L’Italia è la patria del tradimento. Abbiamo tradito i nostri alleati nella prima e nella seconda guerra mondiale. Non abbiamo mai terminato una guerra incominciata con i nostri alleati. Siamo la patria del Gran Consiglio del Fascismo, dell’ordine del giorno Grandi, del 25 luglio, dell’8 settembre, della congiura degli Idi di marzo. Al confronto il tradimento di Toti è una bazzecola. E’ stato tradito e poi ucciso a pugnalate Giulio Cesare dal figlio Bruto, è stato tradito e poi venduto per trenta denari Gesù da uno degli apostoli che amava tanto! Tutte e due si pentirono amaramente. Giuda, dopo aver tradito il suo Signore, rinunciò al denaro e andò ad impiccarsi. Nelle lotte di potere che seguirono la morte di Cesare i congiurati perirono uno dopo l’altro e Bruto fu costretto a togliersi la vita. Dante Alighieri li mette all’Inferno, Canto XXXIV, Lucifero e i traditori dei benefattori,nella parte più profonda, tra le fauci di Lucifero:- Quell’anima là su c’ha maggior pena è Giuda Scariotto/ che ‘l capo ha dentro e fuor le gambe mena./ De li altri due c’hanno il capo di sotto/ quel che pende del nero ceffo è Bruto:/ vedi come si torce e non fa motto.

Non dico a Toti di andarsi ad impiccare, però, dopo aver tradito il suo benefattore, lo invito a rinunciare al suo mandato di Governatore della Liguria. Non ha tradito soltanto il Cavaliere ma tutti gli elettori di centro destra che lo hanno votato e sono tanti. Anche lui quando morrà andrà sicuramente all’inferno. Lucifero lo sta aspettando

Pubblicato in Italia
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy