BANNER-ALTO2
A+ A A-

BUON VOTO

 

Oggi che siamo chiamati alle urne dobbiamo essere consapevoli di questo: è il primo voto della nostra epoca con una pandemia in corso.

 

Un primato assoluto.

La famigerata influenza Spagnola del 1920 si consumò in un tempo in cui il suffragio universale era ben di là da venire: nell’ottobre di quell’anno, in Italia, si votò per le amministrative.

 

Ma al seggio potevano andare solo i maschi maggiori di trent’anni d’età.

 

È dunque, quella di oggi, la prima prova democratica segnata da un virus collettivo e globale: invita perciò, tutti noi, a una responsabilità maggiorata, a una riflessione più profonda sull’importanza di ciò che siamo chiamati a fare. 

 

Il nostro appello a tutti i cittadini è quello di esercitare quel diritto di voto.

Non lasciamo che gli astenuti siano la maggioranza.

 

Cerchiamo tutti di rispettare le regole per un voto in sicurezza.

In un periodo di emergenza sanitaria come quello che stiamo vivendo sono comprensibili i timori, specialmente per le persone più fragili, nel recarsi alle urne, ma si potrà votare in assoluta sicurezza.

 

Gli accessi alle varie sezioni elettorali saranno separati, saranno separate le entrate e le uscite.

 

Poche ma semplici regole: non si può accedere al seggio senza mascherina,  si deve mantenere il distanziamento, fuori e dentro la sezione elettorale, si devono evitare assembramenti, all'interno ed all'esterno del seggio. 

 

L'elettore dovrà utilizzare il gel prima e dopo il voto, dovrà seguire la segnaletica e le indicazioni degli addetti al seggio; serviranno inevitabilmente tempi più lunghi dovuti alle varie operazioni previste dal protocollo Covid, nel corso della giornata saranno sospese le operazioni di voto per alcuni minuti per permettere la sanificazione dei locali

 

BUON VOTO A TUTTI

 

 

Leggi tutto... 0

palestra anziano
INRCA, l'Istituto nazionale ricovero e cura anziani e IRCCS l’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di Ancona, con il “Progetto REHABOT” - "il futuro della riabilitazione" diventa realtà.

Il Ministero della Salute ha approvato il finanziamento del progetto REHABOT dell’IRCCS INRCA che prevede la realizzazione, in Calabria, di una palestra tecnologica per la riabilitazione neuromotoria dell’anziano.

 

“Offrire trattamenti riabilitativi personalizzati e avvicinare gli anziani alle nuove tecnologie, sempre più essenziali nel mantenimento della propria indipendenza e qualità della vita”. A dichiararlo, in una nota, è Fabrizia Lattanzio, Direttore Scientifico dell’IRCCS INRCA, a seguito dell’approvazione, da parte del Ministero della Salute, del progetto dell’Istituto Nazionale di Riposo e Cura per Anzianidenominato REHABOT.

 

Il finanziamento - da 337.514 euro - stanziato dal Ministero della Salute, Direzione Generale della Ricerca e dell’Innovazione in Sanità nell’ambito del bando acquisizione attrezzature in conto capitale 2019-2020, sarà destinato alla creazione di un laboratorio di neuro-riabilitazione robotica presso la sede dell’INRCA di Cosenza. L’obiettivo è quello di realizzare uno spazio tecnologico innovativo, finalizzato al trattamento dei deficit funzionali del paziente anzianofragile e il potenziamento della capacità dell’Istituto, diventato un centro di riferimento geriatrico e gerontologico a livello nazionale ed internazionale.

 

“Il progetto nasce dall’esperienza positiva maturata nei Laboratori dei Presidi Ospedalieri di Ricerca di Ancona e Fermo - dichiara laDr.ssa Fabrizia Lattanzio - con la volontà di valorizzare le attività di ricerca e di cura dedicate agli anziani, che caratterizzano il nostro istituto. Il progetto porterà un miglioramento anche della qualità del servizio offerto ai cittadini, favorendo la conoscenza e l’utilizzo di dispositivi riabilitativi anche a casa e offrendo un’esperienza di cura unica. Inoltre l’ingresso dell’INRCA nella Rete IRCCS delle Neuroscienze e Neuroriabilitazione sarà una ulteriore opportunità di crescita”.

 

La realizzazione del laboratorio è coerente con le priorità del Parlamento e del Consiglio Europeo del programma “Salute per la crescita”, che persegue la crescita economica anche grazie al miglioramento dello stato di salute dei cittadini, all’innovazione nell’assistenza sanitaria, al perfezionamento delle competenze e delle informazioni disponibili su patologie specifiche e all’individuazione di buone pratiche per la prevenzione.

 

La disponibilità delle nuove attrezzature consentirà, inoltre, il rafforzamento dell’integrazione e della collaborazione della sede di Cosenza con quelle di Ancona e Fermo, in cui è già attivo un laboratorio di riabilitazione robotica. L’integrazione interregionale e multidisciplinare delle diverse competenze su scala di Istituto favorirà la progettazione di modelli di trattamento innovativi anche per patologie complesse.

 

Per il Dr. Luigi Pranno, Responsabile dell’Unità di Riabilitazione Intensiva:“L’attività scientifica del polo tecnologico di Cosenza sarà stimolata dalla ideazione e progettazione di attività di ricerca per le persone in condizione di fragilità. Le attrezzature rappresenteranno un’innovazione tecnologica, attualmente non disponibile a livello della Regione Calabria, che garantirà la crescita di competenze trasversali anche del personale clinico.”

 

Le nuove tecnologie della riabilitazione

MYRO (Tyromotion) è un tavolo a scopo terapeutico, che utilizzando in modo innovativo oggetti reali ed esercizi fisici, favorisce il ripristino delle abilità motorie e grafiche e delle abilità spaziali-esplorative.

GaitRite (CIR Systems) è un tappeto sensorizzato in grado di acquisire e analizzare il movimento del piede per monitorare e migliorare il cammino.

WALKER VIEW (TecnoBody) è un tapis roulant che attraverso dei sensori valuta gli appoggi del piede, permettendo di correggere la deambulazione in tempo reale.

TYMO (Tyromotion) è una pedana Wireless utilizzata per gli esercizi di equilibrio e di controllo posturale.

PABLO (Tyromotion) è un dispositivo terapeutico per la riabilitazione di pazienti con disfunzionalità motorie nel braccio e nella mano, principalmente utilizzato nella riabilitazione neurologica.

EKSO è l’esoscheletro riabilitativo automatico, rivolto alle persone con disabilità motorie degli arti inferiori, come ad esempio paraplegia, tetraplegia parziale o totale, sclerosi multipla. Grazie ad un complesso sistema di sensori, consente al paziente di camminare passivamente, attivamente oppure assistito.

 

L’IRCCS INRCA

L'Istituto nazionale ricovero e cura anziani (INRCA) è l’unico Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) pubblico riconosciuto in Italia per la specializzazione in ambito geriatrico e gerontologico. Opera per tutelare la salute ed il benessere delle persone anziane, specialmente quelle non autosufficienti. L’Istituto persegue non solo l’eccellenza delle prestazioni assistenziali erogate nelle sue strutture sanitarie, ma anche una ricerca scientifica di alto livello sui meccanismi della longevità, della fragilità dell’anziano e loro cause. Il ruolo e le finalità dell’INRCA fanno riferimento a due ambiti fondamentali e fortemente integrati fra loro: la ricerca traslazionale, nel campo biomedico epidemiologico e clinico a livello nazionale ed internazionale e l’attività assistenziale, con prestazioni di ricovero e cura di alta specialità. L’IRCCS INRCA è l’unico Istituto interregionale con sedi nelle Marche, in Lombardia e in Calabria.

www.inrca.it

Leggi tutto... 0

marcello anastasi

«Porre al centro del dibattito politico i calabresi, affrontare i loro problemi attraverso le proposte concrete e il dialogo. È questa la nostra missione politica e alla luce di ciò è da accogliere con grande soddisfazione l’approvazione all’unanimità della mozione che punta ad azzerare le tasse universitarie dell’Anno Accademico 2020/2021 per gli studenti calabresi fuorisede che decidano di trasferirsi negli Atenei calabresi. Si tratta di un importante risultato conseguito nell’esclusivo interesse della comunità».

 

È quanto dichiara Marcello Anastasi, capogruppo di “Io resto in Calabria” in Consiglio regionale, commentando il voto unanime dell’Assemblea di Palazzo Campanella alla mozione n. 33 da lui presentata.


«La Calabria – ha ribadito Anastasi durante la seduta di Consiglio regionale tenutasi ieri – subisce un grave spopolamento che rischia, in un futuro non molto lontano, di diventare una desertificazione.

 

Proprio attraverso la scuola e l’università è possibile frenare questo fenomeno facendo in modo che i nostri ragazzi rimangano in Calabria a studiare, anche perché l’offerta formativa e la qualità dei servizi dei nostri Atenei sono all’altezza delle migliori Università italiane.

Come hanno già fatto con successo altre regioni del Sud, azzerando le tasse universitarie e promuovendo incentivi adeguati per i fuorisede che decideranno di trasferirsi in Università calabresi, oltre che assicurando misure in favore degli studenti già iscritti agli Atenei nella nostra regione, possiamo incoraggiare i ragazzi calabresi a restare qui a costruire il loro futuro».

 


«Tale iniziativa – ha aggiunto il capogruppo di Io Resto In Calabria – può rappresentare un grosso sostegno non solo per l’economia delle famiglie degli studenti provate dalla crisi post Covid, ma anche un volano di crescita per tutte le attività commerciali coinvolte da un’eventuale maggiore presenza di popolazione universitaria, con benefiche ricadute economiche sul territorio».


«Con l’approvazione della mozione da me presentata il Consiglio regionale ha dunque impegnato la presidente della Regione e la Giunta a ricercare e adottare misure straordinarie che puntino a questi obiettivi.

 

Durante la seduta di ieri ho inoltre suggerito di affrontare il problema del calo demografico offrendo nuovi servizi come le “sezioni primavera” nelle scuole dell’infanzia e prevedendo un bonus per le nuove nascite. Si tratta di proposte concrete – conclude Anastasi – che potrebbero consentire di trasformare la crisi in un’opportunità affinché siano gli stessi calabresi i protagonisti della rinascita della regione».

 
 
Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy