BANNER-ALTO2
A+ A A-

sequestro impianto 2COSENZA 5 novembre 2019 – Un impianto di calcestruzzo e lavaggio inerti è stato posto sotto sequestro dai militari della Stazione Carabinieri Forestale a Scala Coeli in località “Iaretto” nell’alveo del Torrente Nicà. Il sequestro è avvenuto a seguito di un controllo, unitamente alla Stazione Carabinieri di Scala Coeli, di vecchi impianti di lavaggio inerti oramai non più a norma lungo i fiumi e torrenti fluviali ma ugualmente utilizzati. L’impianto abusivo, non dotato di sistema per la raccolta delle acque industriali di lavorazione e di prima pioggia e delle relative vasche a tenuta del rifiuto da smaltire successivamente, è realizzato su una area demaniale. Oltre all’impianto funzionante da tempo, è stata occupata una area demaniale per la coltivazione di un impianto di uliveto con piante di varie età e dimensioni per una superfice complessiva di oltre 13mila metri quadri. All’interno del cantiere vi è anche un impianto di lavaggio inerti realizzato su una area comunale. Le attività, sono state estese anche all’esterno del cantiere recintato, su di una superfice di un ettaro dove si è accertato la presenza di reiterati prelievi di materiale. Si è pertanto proceduto al sequestro di una superfice complessiva di 28880 metri quadri tra demanio fluviale, impianto di ulivi, superfice demaniale del Comune di Scala Coeli e area sfruttata all’interno del greto del fiume Nicà. Il proprietario dell’impianto, un imprenditore di Cariati non era in possesso di nessuna autorizzazione e nessuna concessione per ciò che attiene a quanto accertato e dovrà rispondere dei reati di occupazione abusiva di area demaniale, violazione urbanistica e paesaggistica, e distruzione e deturpamento bellezze naturali in area vincolata.

Leggi tutto... 0

Il Tribunale deposita le motivazioni della sentenza con la quale il 6 giugno ha assolto 14 imputati per non aver commesso il fatto.

Nessun abusivismo edilizio, cadono le contestazioni della polizia municipale

Sono state depositate dal Tribunale di Vibo Valentia, presieduto dal giudice Rosa Maria Luppino, le motivazioni della sentenza con la quale il 6 giugno scorso sono stati assolti “perché il fatto non sussiste” 14 imputati, quasi tutti vibonesi, titolari, amministratori e rappresentanti di società attive nel settore pubblicitario. “Dall’esame della documentazione prodotta dalla difesa – scrive il giudice in sentenza – è emersa l’insussistenza del fatto reato contestato”. Il Tribunale ha quindi ribadito che per l’installazione degli impianti pubblicitari non è necessario il permesso a costruire e nel caso di specie ci si trova dinanzi a manufatti che, “anche se installati lungo la carreggiata”, per carattere costruttivo “non sono da considerarsi manufatti edilizi” e quindi assentibili con il solo permesso a costruire. Per tale motivo, ad avviso del giudice, “non può ritenersi integrata la fattispecie criminosa contestata”, anche perché sul punto si è pronunciato pure il Consiglio di Stato. Come ricorda il Tribunale di Vibo in sentenza, i giudici amministrativi di secondo grado sulla materia hanno stabilito che: “l’attività pubblicitaria è regolamentata dall’articolo 23 del Codice della Strada il quale prevede che la collocazione di cartelli e di altri mezzi pubblicitari lungo le strade sia soggetta in ogni caso ad autorizzazione da parte dell’ente proprietario della strada. All’interno del perimetro dei centri urbani – spiegano ancora i giudici amministrativi – la competenza al rilascio dell’autorizzazione è in tutti i casi dei Comuni, fatto salvo il preventivo nulla-osta dell’ente proprietario nei soli casi in cui la strada appartenga al demanio statale regionale o provinciale”. In altre parole, in tutti i casi in cui i terreni lungo le strade appartengono ai privati, non vi è neppure bisogno di alcun preventivo nulla-osta né da parte della Regione, né della Provincia nei casi di installazione degli impianti pubblicitari.

Il Tribunale di Vibo, richiamando il Consiglio di Stato, specifica poi che “l’autorizzazione all’installazione degli impianti pubblicitari rilasciata dai Comuni in base alla disciplina speciale, segnatamente in base all’articolo 23 del Codice della Strada, nel rispetto dei vincoli e criteri fissati nell’apposito regolamento comunale e nel Piano generale degli impianti pubblicitari, ha anche una valenza edilizia urbanistica ed assolve alle esigenze di tutela sottese al rilascio di un ulteriore titolo abilitativo”. Di conseguenza, il giudice sostiene in sentenza che “prescrivere in aggiunta all’autorizzazione di settore anche il rilascio del permesso a costruire si tradurrebbe in una duplicazione del sistema autorizzatorio e sanzionatorio che risulterebbe sproporzionata poiché non giustificata dall’esigenza, già salvaguardata in base alla disciplina speciale, di tutelare l’interesse al corretto assetto del territorio”.

I cartelloni pubblicitari – come quelli installati a Vibo e dintorni – per il Tribunale sono così sottratti alla disciplina prevista per le costruzioni di opere in genere e quindi mai avrebbe potuto il Comune abbatterli (come pure ha fatto in piazza Spogliatore a Vibo) contestando l’assenza di un permesso a costruire che per il giudice non è previsto dalla legge, bastando la semplice autorizzazione all’installazione. In tale direzione, il Tribunale di Vibo ricorda anche la pronuncia della Cassazione a Sezione Unite (quindi il massimo organo della giurisdizione italiana) la quale ha stabilito che “il provvedimento con il quale un Comune intima la rimozione coattiva di un impianto pubblicitario non rientra nella categoria degli atti in materia urbanistica ed edilizia” e quindi sono da ritenersi illegittime tutte le rimozioni degli impianti pubblicitari fatte dal Comune di Vibo negli scorsi anni contestando la mancanza del permesso a costruire. Le condotte contestate agli imputati dalla Procura, secondo il giudice “non hanno integrato le violazioni contestate” e da qui l’assoluzione con formula ampia “perché il fatto non sussiste”.

La documentazione prodotta dalla difesa è stata portata all’attenzione del giudice dall’avvocato Vincenzo Cantafio, difensore di: Maduli Domenico, Muscari Pietro, Maduli Francesco, Garofano Egidio Salvatore e Manfrida Domenico. Gli altri imputati assolti da ogni accusa sono: Saeli Teresa Lucia (assistita dall’avvocato Antonella Natale), Alessi Gaspare (difeso dall’avvocato Giuseppe Gerbino), Lico Loredana (difesa dagli avvocati Mauro e Sesto), Francioso Marcello (difeso dall’avvocato Giusi Fanelli), Scuticchio Aldo (difeso dall’avvocato Luca Scaramuzzino), Galati Michele, Russo Orazio, Musumeci Francesco e Facciolà Salvatore (difesi d’ufficio dall’avvocato Giacinto Inzillo).

Da ricordare che la vicenda ha avuto inizio nel 2011, quando la polizia municipale di Vibo Valentia ha inviato alla Procura della Repubblica un elenco e delle fotografie degli impianti pubblicitari esistenti sul territorio comunale, denunciando che – a suo avviso – erano tutti sprovvisti del permesso a costruire. A seguito delle indagini, la Procura aveva emesso un decreto di citazione diretta a giudizio nei confronti di quattordici persone, alle quali ha contestato non solo la violazione di svariate norme del testo unico sull’edilizia, ma anche la normativa paesaggistica. Nonostante l’intervenuta prescrizione dei reati, il giudice monocratico del Tribunale di Vibo Valentia, Maria Rosa Luppino, entrando nel merito della vicenda ha assolto tutti con formula ampia “perché il fatto non sussiste”, ripristinando la verità su una vicenda processuale durata anni. Spetterà ora all’amministrazione comunale di Vibo Valentia regolamentare l’intero settore pubblicitario che ha permesso negli anni al Comune di incassare introiti per cifre considerevoli.

DaIlvibonese

Leggi tutto... 0

Berlusconi ,infatti, pensa di candidare Roberto Occhiuto

In questo modo pensa di superare il no di Salvini a Mario Occhiuto.

Il sindaco di Cosenza non si oppone, la Lega neppure

Ma c’è mal di pancia in Forza Italia

Siccome Salvini ha intenzione di rispettare i patti presi a suo tempo, e cioè che la Calabria tocca a Forza Italia, il leader del Carroccio ha invitato il Cavaliere a trovare una soluzione che possa ricompattare il centrodestra che se si presentasse unito, vista la situazione dalle parti del Pd e dei 5 Stelle, potrebbe ottenere una vittoria a mani basse.

L’unica possibilità è cambiare il candidato.

Esce un Occhiuto ed entra un Occhiuto.

Fuori Mario, dentro Roberto!

E quella di Roberto sembra una soluzione davvero in grado di accontentare non diciamo tutti ma quasi tutti.

Nessun problema per le attese di Antonino Mangialavori che pure era stata un’ipotesi vagliata da Berlusconi, ma ieri ha detto il suo no definitivo motivandolo con la voglia di rispettare il mandato degli elettori.

Forse nemmeno problemi per Sergio Abramo che aveva aperto la convention di Occhiuto a Lamezia e poi si era è chiuso in un ermetico silenzio, lavorando sott’acqua alla sua candidatura

La Lega avrebbe dato già il suo placet all’operazione visto che il profilo del deputato Roberto è cristallino nonostante la sua lunga esperienza politica.

Certo occorrerà ridurre lo strapotere degli Occhiuto

Ma non sarà certo difficile

Tanto più se dopo l’Umbria anche la Calabria passerà al Centro destra

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy