A+ A A-

sla“Un contributo versato con gusto”. E’ questo lo slogan coniato per la campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi organizzata in occasione della VIII° edizione della Giornata Nazionale sulla Sla (Sclerosi Laterale Amiotrofica) e che si svolgerà in tutta Italia Domenica 20 settembre prossimo.

 

Nella città di Catanzaro il punto Aisla sarà predisposto nel Centro Clinico San Vitaliano in Via Tommaso Campanella che rappresenta l’unico centro calabrese che si occupa della presa in carico di pazienti con tale patologia. Nella giornata di domenica infatti, nei viali esterni della clinica sarà allestito lo stand Aisla dalle 9,30 alle 13,00 e dalle 14,30 alle 18,30 e, con un’offerta di 10€ sarà possibile ricevere una bottiglia di vino Barbera d’Asti DOCG oppure una confezione di taralli napoletani prodotti artigianalmente.

 

Graditi ospiti della giornata saranno i volontari del Gruppo Storico Città di Catanzaro, un'associazione storico culturale senza scopo di lucro, di cui è presidente Mario Mauro e che ha come obiettivo quello di divulgare, principalmente, la cultura sulla storia della città di Catanzaro, attraverso vari eventi.

 

Compagnia d’armi, sbandieratori e musici animeranno una giornata molto particolare che, oltre alla raccolta fondi realizzata per garantire l’assistenza dei malati che in Italia sono oltre 6.000, servirà anche a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla Sclerosi Laterale amiotrofica (Sla) una malattia su cui la ricerca farmacologica non sta producendo alcuna soluzione e la cui cura è quindi affidata a centri specializzati come lo è il Centro Clinico San Vitaliano che diretto dal dott. Giuseppe Mancuso e collegato con il Centro Clinico Nemo dell'Ospedale Niguarda di Milano, dal 2011 rappresenta un'eccellenza per la cura di malattie neuromuscolari e neurodegenerative;  un centro che si è saputo distinguere nel panorama delle strutture sanitarie presenti sul territorio divenendo un privato accreditato di  supporto  alla sanità pubblica regionale.

 

“Per noi del Centro Clinico San Vitaliano – afferma il direttore sanitario Giuseppe Mancuso– la giornata nazionale della Sla è diventata un appuntamento fisso che organizziamo nel migliore dei modi per dare all’Aisla un segno visibile e tangibile della nostra presenza sul territorio e della vicinanza a chi soffre e vive di questa malattia. Attraverso queste iniziative vogliamo anche lanciare il forte messaggio che, anche dentro la malattia si può vivere con grande dignità e che ogni attenzione da parte di chi come noi sta ogni giorno a contatto con gli ammalati, è indispensabile per continuare a dare un senso alla loro vita e combattere con serenità”. “Il Centro clinico San Vitaliano ancora una volta apre le porte della città invitando tutti i cittadini e le istituzioni a condividere insieme a noi la VIII° giornata nazionale della Sla – afferma Alfredo Citrigno Presidente del Centro Clinico -. Vista l’importanza che una giornata come questa ha sia sotto il profilo umano che per quanto riguarda la ricerca, mi auguro che domenica i viali della nostra clinica siano pieni di persone che contribuiranno, attraverso una donazione, a dare una speranza concreta di cura alle persone che sono affette da questa malattia. Per cui vi aspettiamo numerosi”.

foto sla

Pubblicato in Calabria

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa dell’inizio delle attività didattiche dell’Istituto Tecnico Tecnologico di Lamezia Terme.

 

14 Settembre 2015, ore 8:30, eccellente inizio dell’attività scolastica all’ITT di Lamezia Terme in via S. Miceli 400.

Le attività di accoglienza si sono sviluppate a partire dalle ore otto con la presenza di un folto gruppo di insegnanti, assistenti tecnici, collaboratori scolastici e insegnanti tecnico-pratici condotto e coordinato dalla Dirigente Scolastica Dott.ssa Patrizia Costanzo.

L’incontro è avvenuto in aula magna dove ben 150 ragazzi, di cui molti accompagnati dai genitori, hanno potuto prendere posto e ascoltare con grande interesse i saluti di benvenuto della DS e degli insegnanti delle varie classi.

Ribadita l’importanza del rispetto delle regole e della legalità alle quali nessuna scuola può rinunziare si è anche sottolineato che il corpo docente e la scuola in generale devono promuovere non solo la cultura e le varie discipline scolastiche ma anche il benessere fisico ed emotivo dei ragazzi.

 

Si è chiesta la massima collaborazione alle famiglie e si è data la massima disponibilità ad ascoltare ogni problematica.

Dopo le presentazioni dei docenti sono stati proiettati brevi filmati sulle attività scolastiche al fine di far conoscere meglio la scuola.

Successivamente i giovani delle prime, visibilmente emozionati per la nuova esperienza, sono stati accompagnati nelle varie classi dove si è potuto svolgere un breve momento conviviale con dolci e bibite.

Le attività di accoglienza sono state svolte regolarmente, anche in presenza di una assemblea sindacale della quale moltissimi docenti condividono i contenuti, perché il servizio all’utenza è importantissimo ai fini della crescita della scuola.

Si pensa infatti che nessun docente, avendo invitato gli studenti  e le famiglie a scegliere l’ITT, avrebbe mai potuto mancare all’accoglienza degli utenti nel giorno prestabilito.

Pubblicato in Lamezia Terme

Dal Blog dei docenti di ruolo e precari autoconvocati calabresi.

“Inizio anno anomalo per migliaia di studenti e docenti di tutte le scuole di ogni ordine e grado.

 

Forse adesso molti genitori che hanno dovuto occuparsi dei figli anche stamattina non avranno potuto fare a meno di accorgersi, nonostante il silenzio dei media nazionali, che non è stato un inizio anno sereno per la scuola italiana.

Anche gli “Insegnanti calabresi” e il “Comitato per la Scuola della Repubblica di Catanzaro” hanno partecipato all’ assemblea sindacale.

 

Per la provincia di Catanzaro la sede prescelta è stata l’ITC Grimaldi-Pacioli di Catanzaro Lido.

Presenti tutte le sigle sindacali maggiormente rappresentative, FLC CGIL, CiSl, UIL, SNALS, GILDA, che hanno organizzato l’evento cui hanno aderito ben 5 mila docenti. L’affluenza é stata altissima, la sala non era sufficiente a contenere tutti e una buona parte degli insegnanti ha seguito lo svolgimento dell’assemblea da alcuni schermi Giganti collocati in fondo alla sala.

 

Gli interventi dei sindacalisti hanno illustrato la situazione in cui si trova la Riforma sul piano attuativo, la loro opera di contrasto fin qui portata avanti e quella che hanno in programma di effettuare, diramandone le strategie attraverso comunicati che faranno seguito alle varie fasi di attuazione della Riforma,  ai vari appuntamenti ai quali saranno chiamati gli organi collegiali, ai vari compiti a cui saranno chiamati i docenti. Al termine degli interventi dei sindacalisti, la parola è passata ai docenti, molti dei quali hanno chiesto ragione ai Sindacati degli interventi fatti per arrestare il corso della legge, alcuni hanno portato le loro esperienze personali, altri hanno rilevato come i docenti con le loro spaccature interne non hanno consentito all’azione di contrasto di essere più efficace, altri hanno prodotto proposte di nuove azioni di contrasto, quali il blocco dei viaggi d’istruzione o il blocco delle prove invalsi. In questa fase sono intervenute al microfono anche due docenti dei comitati insegnanti di ruolo di Lamezia e Catanzaro, in lotta da diverso tempo sul territorio e fuori regione, Prof.sse Bianca Laura Granato e Gianfranca Bevilacqua,  recentemente reduci dall’incontro dell’11 settembre con l’assessore regionale Federica Roccisano, per portare a conoscenza i convenuti di quanto fin qui é stato fatto da loro, senza esito, per ottenere il ricorso di incostituzionalità ex art. 127 della legge di Riforma scolastica, soprattutto per evidenziare il carattere politico delle risposte ottenute dal Governatore Oliverio.

 

Grande riscontro di interesse  ha avuto questa azione nell’assemblea. I docenti del collettivo hanno raccolto nuove adesioni ai comitati sorti spontanei per estendere le ragioni del contrasto a tutta la cittadinanza calabrese, che sarà profondamente svantaggiata dall’attuazione della legge 107.

La cittadinanza sarà coinvolta oltre che nelle azioni di contrasto anche in quelle di discussione e miglioramento della Legge di Iniziativa Popolare per una vera buona scuola della Repubblica, già depositata 2 volte in Parlamento”

Siamo stati, come sempre, da decenni, del resto, al mercato agricolo di Amantea, là dove, da quasi 50 anni i produttori esitano i loro prodotti agricoli .

Facevano bella mostra di sé , fiammeggianti, i peperoncini “vruscenti” amanteani.

Sia quelli del tipo corniolo che del tipo ciliegino

Sciolti o raccolti in reste di varie dimensioni, quelle che poi fanno bella figura nelle mostre, nei negozi di frutta, nelle cucine dei ristoranti tipici.

“Scarsa la produzione?”. “No. Anche stamattina presto sono venuti da Diamante a comprarne diverse cassette”, mi ha detto l’agricoltrice che li esitava.

“Ma come Diamante, la patria del peperoncino, viene ad Amantea a comprare il nostro prodotto?”

“Da sempre” è stata la risposta del suo vicino di banco.

Poi, oggi, arriva il seguente comunicato stampa :

“La Calabria che produce: riparte da qui l'economia della regione. Il peperoncino rosso simbolo di una terra che vuole farcela.

Una visita sui campi del peperoncino piccante calabrese, oggi, da parte del  capogruppo della Commissione agricoltura della Camera, Nicodemo Oliverio, del deputato e imprenditore piemontese, Giovanni Falcone, anche lui della Commissione agricoltura, e di Franco Laratta, già parlamentare e membro del CdA Ismea, l'Ente economico del Governo che finanzia i progetti in agricoltura.

I campi sono quelli dell'azienda Serra di San Marco Argentano (CS), proprio nel pieno della stagione della raccolta, sotto un sole cocente che illumina la distesa coltivata a peperoncini.

"La coltivazione di peperoncini offre una grande opportunità di investimenti e di lavoro per la Calabria, anche perché è ancora eccessiva la quantità di prodotto importato dall'estero, anche di scarsa qualità e di poca affidabilità",  hanno detto Oliverio, Laratta e Falcone.

La Calabria è sempre più simbolo del peperoncino rosso, ma la produzione è ancora insufficiente.

In Italia, il 70% del peperoncino è di importazione.  In Calabria il 90%!

E da qui che appare evidente che in questo settore ci sono grandi margini di sviluppo e occupazione.

L'impegno delle istituzioni è quello di promuovere e sostenere la filiera del peperoncino, con la nascita di nuove imprese del settore. Anche e soprattutto con il sostegno della Regione Calabria, attenta a investire in questo settore antico ma emergente. Cosenza, 04 settembre 2015”

NdR. Altro che esportazione! La Calabria non importa solo pesci ma anche peperoncino rosso!

Pubblicato in Cronaca

camporaFelicità per come si sono svolte le celebrazioni in onore di San Francesco di Paola, ma anche tempo di bilanci per un’estate che ha visto in prima linea le associazioni e i comitati cittadini.

L’assessore Gianluca Cannata mostra la propria soddisfazione non solo per l’affluenza di gente che ha caratterizzato la tre giorni di festa dedicata al Santo Patrono della Calabria, ma anche l’intera stagione che tra luglio e agosto non ha lesinato di certo emozioni.

«La comunità di Campora San Giovanni – spiega Cannata – ha mostrato nuovamente compattezza e spirito di aggregazione. Le associazioni ed i comitati hanno lavorato fianco a fianco programmando un calendario di eventi complementare a quello del capoluogo che ha completato l’offerta ludica della città. Il plauso più grande va ai volontari dell’Aquilone, della Pro loco di Campora San Giovanni, dell’Aics no limits e di Vivo alternativo. Ognuno di loro non ha soltanto rinunciato ad una parte rilevante del proprio tempo libero, ma ha fatto in modo che le nostre risorse turistiche, gastronomiche e commerciali venissero veicolate al meglio tra la gente e con la gente. L’Aics ha riscosso successo e consenso con lo spettacolo di cabaret degli Arteteca e le performance di Mimmo Cavallaro e Nello Iorio; la Pro loco ha organizzato al meglio il Festival della cipolla rossa, collaborando al meglio con il consorzio che ne tutela la qualità; l’Aquilone ha saputo coinvolgere i collezionisti ed i curiosi con il mercatino settimanale delle pulci; Vivo alternativo, infine, ha proposto la propria edizione della Notte bianca. Ha svolto al meglio la propria funzione sociale la nuova piazza, dedicata proprio a San Francesco, che è stata inaugurata di recente e che ha accolto tutti in un immenso abbraccio. Un ringraziamento particolare va rivolto anche al comitato organizzatore delle celebrazioni religiose di inizio settembre che ha saputo coinvolgere al meglio l’amministrazione comunale, gli esercenti e soprattutto i fedeli».

«La riuscita dell’estate camporese – aggiungono all’unisono i consiglieri Linda Morelli, Elena Arone e Adelmo Mannarino – testimonia quanto sia importante parlarsi e soprattutto ascoltarsi. La buona politica nasce dal confronto. Tutte le associazioni ci hanno prospettato le proprie aspettative ed esigenze e ci siamo adoperati per favorire il più possibile il loro lavoro. Certamente le cose da migliorare non mancano e faremo tesoro dell’esperienza accumulata quest’anno. Ma è importante comprendere il fatto che l’intero esecutivo ed il sindaco Monica Sabatino, è a completa disposizione di tutte le componenti della città

Comunicato comune di Amantea.

Pubblicato in Campora San Giovanni

lungoAmantea - Continua a mietere successi l’estate all’insegna dello sport e del sano divertimento allo Sport Village Amantea. La 24h di beach volley, l’evento amatoriale più atteso dell’estate, si è rivelata un vero successo, capace di attrarre tanti appassionati nonché tantissimi curiosi che hanno seguito soprattutto le fasi serali del torneo 3x3 misto. Al via ben 16 team, 66 amatori partecipanti, 62 match disputati in 24 ore, per un torneo che ha entusiasmato veramente tutti grazie alla formula del tabellone vincenti e perdenti che ha tenuto tutti i team con il fiato sospeso fino a poche ore dal termine dell’evento.

Durante la manifestazione il Centro Federale ha anche sospeso le attività per circa due ore nel ricordo del Maestro Alsonso Perri Altomare, ed alla ripresa delle attività è stato osservato  un minuto di raccoglimento in contemporanea su tutti i cinque campi dello Sport Village, per testimoniare la vicinanza alla famiglia ed all’intera città che ha perso uno dei suoi figli migliori.

In questi giorni a trionfare non è stata una squadra, ma è stato ancora una volta lo sport, in una struttura, il Centro Federale Fipav Sport Village Amantea, che conferma la sua importanza strategica per la stagione estiva amanteana. Una struttura che ospita grandi eventi agonistici, che offre un programma settimanale con attività amatoriali accessibili a tutti, e con attività quotidiane che attraggono tantissimi giovani offrendo anche servizi gratuiti al turista ed al cittadino. Adesso il centro si proietta verso la fase finale della stagione con gli ultimi tornei amatoriali e la premiazione del photocontest sport village Amantea.

curcioSANTA SOFIA d’EPIRO (CS) – Oltre duemila persone hanno gremito giorno 7 agosto la piazza S. Atanasio di Santa Sofia d’Epiro (CS) per assistere al XVIII incontro musicale “Generoso Baffa Scirocco” organizzato dalla banda musicale “V. Bellini” di Santa Sofia d’Epiro.

L’evento ha visto la partecipazione di quattro componenti la banda musicale “Francesco Curcio” di Amantea diretta dal M° Perri Altomare Alfonso, la banda “G. Verdi” di Luzzi e  la banda “S. Leone – R. Diana” di Saracena e la banda di Santa Sofia d’Epiro.

Ogni formazione per oltre mezz’ora ha eseguito brani di musica classica e moderna che hanno coinvolto il folto pubblico presente. Durante la serata, sono stati consegnati i premi  “Una vita per la banda”, riconoscimenti assegnati a personalità che si sono distinte per l’impegno e la dedizione alla crescita professionale e umana delle bande musicali.

Uno dei premi è stato assegnato al compianto maestro amanteano Francesco Curcio, figura carismatica e indimenticato maestro dei tanti cultori amanteani di musica bandistica dell’ultimo trentennio del 900. Il maestro Francesco Curcio nel 1987 iniziava nella sua vita un nuovo capitolo, quello della banda musicale “Achille Longo”, alla quale il maestro trasmetteva la preziosa eredità costituita dall'amore per la musica, la passione per gli autori classici, l'impegno, lo spirito di sacrificio. Uomo di rilevante spessore morale, profonda tolleranza e umiltà, virtù affiancate alla totale dedizione con cui curava la preparazione degli allievi, il maestro riusciva a creare una formazione di indubbio valore artistico che avrebbe visto alternarsi tra le sue fila, nel volgere di pochi anni, due generazioni di musicisti. Nel 1999, a due anni dalla sua scomparsa, la valenza sociale della sua instancabile opera di insegnamento viene definitivamente consacrata con la consegna della medaglia d'oro alla memoria. È autore di varie marce sinfoniche, a carattere prevalentemente didattico, tra le quali Serenità  e Frank & John, caratterizzate da fresca ispirazione, chiarezza e semplicità della linea melodica.

La kermesse si è poi conclusa in  tarda serata con degustazioni di prodotti tipici locali offerti dagli organizzatori.

Comunicato banda Curicio Amantea

curcio01

longobardiRiceviamo e pubblichiamo.

l'associazione Longotherapy di Longobardi (Cs) è lieta di presentare la seconda edizione della LONGOTHERAPY ART FEST 2015.

Il 17 Agosto Longobardi diventa il paese delle meraviglie per un giorno: i capitoli del libro di Lewis Carroll “Alice In Wonderland” prenderanno vita nei vicoli di Longobardi (CS).

L'evento è organizzato dall'associazione culturale Longotherapy ed avrà luogo nel centro storico del paese.

L'iniziativa nasce con l'intento di rivalorizzare le stradine più antiche e periferiche ormai disabitate e abbandonate del borgo, che ne costituiscono ancora oggi la parte più suggestiva anche se dimenticata. Un percorso scelto porterà i visitatori nel cuore del centro storico, trasformato, per l'occasione, nel Paese delle Meraviglie, con scenografie e costumi spettacolari.

 

Lungo il percorso, gli antichi palazzi saranno riaperti e gli spazi esterni, nella loro particolare ed antica conformazione architettonica, saranno luogo di mostre, proiezioni, spettacoli teatrali, readings, dj set e concerti; opiteranno musicisti, artisti di strada, clownerie, writers e iniziative cui protagonista sarà l'arte in ogni sua forma.

All'interno del festival saranno dislocati diversi punti food & beverage, che creeranno un percorso enogastronomico parallelo a quello principale, in cui si potranno gustare piatti prelibati con prodotti a kilometro 0. Le opere di bonifica dei percorsi, concessi dal comune di Longobardi, saranno a cura dell'associazione stessa e degli abitanti del paese: la collaborazione per riscoprire insieme valori come la cooperazione e la solidarietà, entrambi pilastri etici di una società sana e desiderosa di riscatto.

 

Alcuni degli artiti che saliranno sui palchi all'Art Festival 2015:

-Stuart O'Connor: musicista, cantautore dallo stile unico, arriva direttamente da Londra e farà tappa al Longotherapy Art Fest per la sua prima volta in Calabria. http://youtu.be/lKAMXZD-Q_Y

 

- Pasquale Sculco: voce e leader dei Carboidrati http://youtu.be/2GJYU9E656U

 

- Costantino Rizzuti: un musicista capace di creare una atmosfera magica con il suo tocco delicato e i suoi particolari strumenti sonori: http://youtu.be/I4c90XkVCxY

 

- The Menti: Una promettente e giovane jazz band del cosentino, chi ci segue li ha già conosciuti nella prima edizione del Longotherapy Art Fest e non può non ricordarli. http://youtu.be/hvib8nEk8BE

Pubblicato in Longobardi

giggino pellRiceviamo e pubblichiamo la nota di Gigino Pellegrini.

A volte succede che l’eccesso di confidenza del provinciale fa subentrare una particolare consapevolezza, rischiando così di precipitare nel Kitsch oppure nel camp. Il kitsch mira molto in alto, sfarzoso. Nell’ansia di elevarsi prova ad annientare tutto ciò che nella propria persona considera basso, volgare. Nel suo tentativo di essere ciò che non è. Il camp è invece il trash che si fa consapevolezza. In questo affannoso tentativo, si spinge, con un eccesso di confidenza in se stesso al di là e nel farlo, perde la propria spontaneità. Secondo qualche “creativo” il trash si basa su cinque pilastri: libertà di espressione, contaminazione, incongruenza, massimalismo ed emulazione fallita. Infami non sarebbero i prodotti in sè . La tendenza Camp nasce durante i primi del 900, attraversa tutto il secolo fino ad arrivare agli anni duemila. Fenomeno trasversale in quanto letterario e cinematografico; fatto sociale prima ancora che culturale, categoria estetica a partire dagli anni 60, nonché fashion trend. La critica sarebbe il peggior nemico. Per il creativo emergente, si può solo osservare ma non criticare il suo operato o pensiero. Segna il suo territorio estetico-razionale, non orinando, ma ridendo, infastidendosi e dunque “criticando” l’altrui agire/pensiero, alzando una barriera non solo virtuale, dietro la quale si illude di essere al sicuro dalle contaminazioni del ridicolo come in una famosissima canzone dei Nirvana ‘Territorial Pissing’: “ Dai gente sorridete a vostro fratello. Insieme, adesso, provate ad amarvi. …….. Quando ero un alieno le culture non erano un’opinione. Devo trovare un modo. Un modo migliore…….Mai incontrato un uomo saggio. Se è così è una donna. …….Solo perché sei paranoico, non significa che non ti perseguitano……Devo trovare un modo. Trovare una via. Devo trovare un modo, un modo migliore”. “Gotta find a way, find a way, when I'm there. Gotta find a way, a better way, a better way”. Come sosteneva Susan Sontag, non è una sensibilità di tipo naturale, se di tali ne esistono. L'essenza del camp, infatti, consiste nell'amore per ciò che è innaturale: l'amore per l'artificiale e per l'esagerato . Una sensibilità è quasi, ma non del tutto, indescrivibile. Ogni sensibilità che può essere racchiusa nella forma di un sistema, oppure maneggiata con i grezzi mezzi della prova, non è più una sensibilità. Si è concretizzata in un'idea. Chiaramente, l’atteggiamento meno consigliabile è quello “cool”, classic del kitsch, come il tentativo di conversazione della “purezza”. Questo è un approccio assolutamente inqualificabile e utilizzato prevalentemente da imbecilli, di fronte al quale qualsiasi reazione è lecita, dall’insulto verbale Al vomito. Il risultato è la diffusa tendenza a pretendere che siano gli altri a risolvere i propri problemi. In altre parole, il tentativo di vivere alle spalle dell’agire altrui. Questo è l’esatto contrario dell’individualismo, essendo la conseguenza di una cultura tesa ad annientare l’individuo – e, con esso, le responsabilità individuali – . C’è qualcosa in più che rende difficile la coesione sociale oggi. Infatti, molti cittadini sono prigionieri di una mentalità corrosa un individualismo amorale per cui l’interesse comune è visto solo in funzione di un vantaggio individuale. Si è creata di conseguenza, per dirla con il pensatore francese Emile Durkheim, una condizione anomica (carenza di regole), in cui le maggiori libertà dell’individuo si disperdono nei miti angusti e cinici di un individualismo senza compensazioni solidali….e senza dialettica vis à vis, sostituita dalla cancellazione dell’altro con una semplice cancellazione dalla lista degli “amici”(?) su FB.

Gigino A Pellegrini & G el Tarik

Rimborsopoli in Calabria ci sembra il segno della arroganza della politica.

Tra le somme rimborsate agli ex consiglieri regionali della Calabria c'è di tutto.

 

Viaggi all’estero (Mosca, Los Angeles), detersivi, ristorazione e soggiorni di terzi, gratta e vinci, contravvenzioni al codice della strada, bollette della tarsu, utenze di abitazioni private, IPad e Iphone, computer, regali natalizi, materiale edile, santini elettorali, mensole e bulloneria, uno spettacolo di lap dance , noleggi di autobus, servizi hostess, un cadeaux in porcellana, per un totale di 800 euro.

 

Ed ancora l’acquisto di magliette e tute da ginnastica, cappellini, portachiavi.

Qualcuno si è fatto rimborsare pure soggiorni al casinò di Campione d’Italia e un pasto personale a Monaco da 727 euro, cornici per 300 euro, due consumazioni da 29 e 50 euro al bar, le gomme dell’auto per 1500 euro, cento copie di un volumetto di fiabe per mille euro.

Non manca il costo per l'allestimento del sito web personale dell’ ex consigliere regionale Santi Zappalà arrestato in un’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria.

In una sola fattura 520 euro di spese del taxi.

Il senatore Pietro Aiello ha chiesto 1200 euro per un pasto a Soverato

Il consigliere Fedele chiese 727 euro per una lussuosa cena a Montecarlo accompagnata da due preziose bottiglie di champagne del valore di 190 euro ciascuno.

Una penna MontBlanc da 1100 euro acquistata da Bilardi, un’Audi A4 acquistata da De Gaetano (nella foto).

A Guccione viene contestato di essersi fatto pagare il fitto ed il costo dei servizi informatici della sede della sua segreteria politica di Cosenza per 27 mila euro.

Taluni consiglieri regionali calabresi avrebbero duplicato spesso le spese, ottenendo così un doppio rimborso, indifferentemente se si trattava di biglietti aerei od hotel) oppure di pochi euro per un caffè al bar.

Molto spesso si chiedeva l’anticipazione delle spese!

In particolare il senatore Gianni Bilardi al quale vengono contestati i rimborsi chiesti da un suo collaboratore.

Tra questi allegri rimborsi persino un televisore.

Insomma

Le somme contestate sono pari a circa €.2.491.263,00.

E’ stato richiesto il corrispondente sequestro di somme.

Insomma anche la povera Calabria è il paese dei bengodi!

Pubblicato in Calabria
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy