BANNER-ALTO2
A+ A A-

Ecco la dichiarazione di Pino Aieta, sindaco di Cetraro.

“Alla luce legge - di quanto si è consumato ai danni dell'Istituto di Istruzione Superiore "Silvio Lopiano", si ritiene di dover assumere una iniziativa istituzionale forte al fine di denunciare pubblicamente quanto riportato nella nota che di seguito si allega.

Giugno 2014: organico di diritto alunni 404 più 13 alunni di una classe prima dell'ITA di Belvedere, non concessa nell'organico di diritto, per cui l' Ufficio Scolastico Regionale (USR) certifica l'Autonomia per i Licei di Cetraro essendo scuola di montagna e quindi con limite minimo 400 alunni.

L' autonomia prevede il Dirigente scolastico titolare, Il Dirigente di Segreteria fisso e più personale amministrativo. Giugno 2014, agli scrutini bocciano 7 alunni di cui 5 nella Terza Agraria e 2 nella Prima.

L'Istituto di Cetraro comprende l'Agrario di Belvedere (ITA). Luglio 2014. L' USR pubblica, in virtù dell'organico di diritto, Cetraro come scuola autonoma.

La Dirigente scolastica, con strana celerità, invia comunicazione all'USR con cui informa che gli alunni iscritti in virtù dei bocciati scende a 397, palesando eventuali danni erariali.

L' USR prende atto della missiva e con successivo atto decreta Cetraro non più autonoma.

Sta di fatto che la dirigente, però, omette di comunicare che nel sistema vi erano ancora iscritti i 13 alunni alla classe prima dell'ITA e che tra i bocciati ve ne erano 2 in prima che non hanno mai chiesto nulla osta di trasferimento e che all'inizio di luglio hanno riconfermato l''iscrizione.

Pertanto, con i 13 e questi ultimi 2, la classe poteva essere autorizzata salvaguardando l'autonomia. E' stata cura del Sindaco, e non di chi era deputato a farlo, comunicare all'USP di Cosenza che gli alunni erano 15 e non 13.

Per cui, preso atto dei numeri, il dott. Penta autorizzava la classe prima agrario di Belvedere ( Scuola accorpata ai Licei di Cetraro) certificando di fatto che Cetraro doveva ridiventare autonoma. Tale ufficializzazione doveva essere decretata dall'USR di Catanzaro.

E qui si consumano le omissioni!

Perché a tutt'oggi, con una serie inspiegabile di raggiri, l'autonomia dei Licei non viene decretata rimanendo di fatto in reggenza.

Reggenza che a nome di tutti i Sindaci e di tutte le organizzazioni Sindacali, allo stato dell'esperienze fatte, risulta un male da evitare per un buon funzionamento del l'istituzione scolastica.

Il Sindaco e la Giunta, preso atto di questo vero e proprio imbroglio conferivano incarico ad un legale di fiducia per perseguire omissioni, abusi e quant'altro l'autorità giudiziarie volesse riscontrare.

Nel frattempo, però, si è deciso di mettere in campo azioni eclatanti a tutela degli studenti e della città per cui lunedì sarà occupata la Scuola.

Pertanto – scrive infine Aieta - chiedo alle SS.LL. di convocare un Consiglio comunale aperto e straordinario permanente per martedì, ore 9.30, fino a quando non sarà ripristinata la legalità”

Ci permetta una domanda sindaco. “Perché non ricorre al TAR come ebbero a fare le mamme di Campora SG?”

Nella foto la recente inaugurazione del Liceo Lopiano avvenuta il 31.1.2013 presenti Giuseppe Aieta (sindaco di Cetraro), Maria Grazia Cianciulli(dirigente scolastico), Nicola Penta (dirigente C.S.A. Provincia di Cosenza), Maria Francesca Corigliano (ass. Pubblica Istruzione Provincia di Cosenza), Gerardo Mario Oliverio (Presidente Provincia di Cosenza).

Leggi tutto... 0

Dopo Venezia anche Cetraro!

Oggi è partito il servizio di Barcavelox.

Dopo gli autovelox , ecco i barcavelox!. E chissà che domani non si parta con gli aerovelox!

E’ vero che si tratta di un servizio sperimentale, ma è pur sempre un barcavelox, cioè un rilevamento laser che consentirà di monitorare  la velocità tenuta dalle unità da diporto in ingresso ed uscita dal Porto.

L’apparecchio elettronico è stato messo gentilmente a disposizione della Guardia Costiera dalla Polizia Stradale di Cosenza.

Il laser è stato posizionato sul pontile più esterno della darsena

Rileverà la velocità delle unità navali che, in base al vigente regolamento portuale, non può essere superiore ai tre nodi (circa sei Km orari).

L’obiettivo è quello di evitare il moto ondoso provocato dalle imbarcazioni ,moto che potrebbe creare danni alle unità ormeggiate.

Ovviamente l’assunto è sempre quello che una velocità contenuta riduce al minimo le potenzialità di rischio connesse al traffico navale che si registra in prossimità dell’imboccatura portuale.

Siamo curiosi di sapere se il barcavelox sarà usato anche per le imbarcazioni della stessa Guardia Costiera in entrata ed in uscita, visto che anche il moto ondoso dalle medesime prodotto può determinare i danni alle imbarcazioni ormeggiate.

L’altra curiosità è quella di conoscere il sistema di rilevazione delle sanzioni: il barcavelox spara foto come un qualsiasi autovelox?

Infine ci chiediamo se anche per il barcavelox verrà usato il sistema delle sanzioni postume, senza la immediata contestazione, così che verrà meno la logica educativa della sanzione e la stessa responsabilità per danni a terzi di coloro che eccedono i limiti massimi di velocità.

Leggi tutto... 0

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota del Corpo Forestale dello Stato:

“Nei giorni scorsi nell’ambito dei controlli sulla contraffazione e sicurezza agroalimentare predisposti dalla Prefettura di Cosenza, il Nipaf, Nucleo Investigativo del Corpo Forestale dello Stato di Cosenza, ha sottoposto a sequestro in un esercizio commerciale di Guardia Piemontese (CS) 4800 bottiglie di acqua e oltre 500 bottiglie di bibite gassate e succhi di frutta detenuti in cattive condizioni di conservazione.

In particolare le bottiglie erano conservate in un gazebo in materiale plastico posizionato all’aperto sotto il sole cocente di questi giorni di agosto.

All’interno del gazebo la temperatura raggiungeva valori elevatissimi.

Le bottiglie di plastica (PET) contenenti le bibite erano conservate senza osservare le dovute precauzioni igienico-sanitarie dirette ad evitare che il prodotto potesse subire un’alterazione che ne compromettesse la genuinità o la commestibilità e il pericolo di contaminazione con le sostanze tossiche rilasciate dalla plastica sottoposta a stress termico.

A seguito del controlli Il titolare dell’esercizio commerciale è stato deferito all’Autorità Giudiziaria. Il sequestro del materiale è stato convalidato dalla Procura della Repubblica di Paola.  

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy