BANNER-ALTO2
A+ A A-

Esattamente un mese fa, il 27 dicembre 2016 , erano le 5 di stamattina quando il giovane Mario Gallo venne accoltellato davanti al "Green Park" di Cetraro Marina.

 

Il ragazzo venneo portato al pronto soccorso dell’ospedale di Cetraro, dove i medici accertarono che era stato raggiunto da tre coltellate: due ai glutei ed una all’addome. Il referto parlò di“trauma pneumotoracico da arma da taglio”.

Mario Gallo venne stabilizzato e subito dopo fu stato trasportato all’ospedale dell’Annunziata di Cosenza dove venne stato operato.

 

Il ragazzo, comunque, non corse pericolo di vita.

Si trattò del figlio del messo notificatore del Tribunale di Paola e legato da vincoli di parentela con il consigliere regionale del PD Giuseppe Aieta.

Le indagini dei carabinieri portarono al fermo di un giovane, che si presunse fosse l’aggressore.

 

Si trattava di Matteo Iorio.

Vennero ascoltati alcuni ragazzi che erano presenti al momento della lite, sembra provocata da motivi passionali.

La colluttazione sarebbe iniziata con l’assalto di Iorio a Gallo, che si trovava in auto con una ragazza.

Iorio iniziò provocando danni all’auto con un corpo contundente, poi pretese che Gallo uscisse ed è iniziò la colluttazione, al culmine della quale l’ accoltellamento.

 

Oggi nel pomeriggio i militari della Stazione di Cetraro hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per tentato omicidio, emessa dalla Procura della Repubblica di Paola.

Le indagini, condotte dai militari della locale Stazione, hanno consentito di individuare come autore dell’accoltellamento Iorio.Matteo, 20enne incensurato di Cetraro. L'indagato è stato tradotto alla casa circondariale di Paola su disposizione dell'autorità giudiziaria.

Leggi tutto... 0

Nella regione Calabria non si è mai visto nessuno che non sia stato stabilizzato!.

Era la frase con la quale si soleva rispondere a chi chiedeva quali garanzie ci fossero per sè o per il figliolo che entrava in un progetto regionale .

Già negli elenchi c’erano anche parenti di giudici.

Ma ora sembra che stia succedendo un rivoluzione morale prima ancora che giuridica.

Leggiamo che qualcosa sia cambiato presso la Procura dio Cosenza dopo l’arrivo di Spagnuolo.

La Procura, coordinata dal procuratore capo Mario Spagnuolo e dall'aggiunto Marisa Manzini, ha infatti iscritto sul registro degli indagati 142 persone per le quali aveva chiesto varie misure interdittive.

Tra gli indagati ci sono quasi tutti gli assunti, quelli dell'elenco trasmesso dall'Asp al dipartimento Lavoro a ridosso delle regionali del 2014.

E poi una serie di dirigenti e funzionari della Regione (l'ex dg del dipartimento Politiche sociali Vincenzo Caserta e il suo collega Pasquale Capicotto, responsabile dei lavoratori lsu-lpu) e dell'Azienda sanitaria (l'ex dg Gianfranco Scarpelli, l'ex direttore amministrativo Luigi Palumbo e il direttore del distretto di Rogliano Antonio Perri, responsabile del procedimento che ha portato alle chiamate dei lavoratori).

La posizione più grave, al momento, appare quella del sindacalista Franco Mazza, posto agli arresti domiciliari.

Alla base dell'indagine c'è l'ipotesi che tutti, abbiano «intenzionalmente procurato ai 133 soggetti, tutti assegnati all'Asp di Cosenza (i precari, ovviamente, ndr), l'ingiusto vantaggio patrimoniale, costituito dal diritto ai "benefici di cui all'articolo 2 della legge regionale numero 15/2008" e il corrispondente danno ingiusto, di rilevante gravità, dell'amministrazione, Regione Calabria, che si obbligava alla corresponsione dei predetti benefici in favore di soggetti sforniti dei requisiti contemplati dalla norma».

Questo l'elenco delle persone sotto inchiesta:

CASERTA VINCENZO - SAN COSTANTINO CALABRO
SCARPELLI GIANFRANCO - COSENZA
PERRI ANTONIO - SAN LORENZO DEL VALLO
CAPICOTTO PASQUALE GIUSEPPE - PIANOPOLI
PALUMBO LUIGI - LUNGRO
CANTISANI FRANCA – MORMANNO
CIANCIO CARMELA – COSENZA
BRUNETTI GIOVANNI – CETRARO
SCHITTINI ROSINA – CIVITA
FORTE GIUSEPPE – MORMANNO
GAGLIANONE STEFANIA – MAIERA’
BIONDI GIOVANNA – BUONVICINO
FORESTIERO GABRIELE – CETRARO
LEPROTTI EMANUELA – CETRARO
CASTIGLIA FRANCESCO – CETRARO
CASELLA MARIAROSARIA – DIAMANTE
ROTONDARO PIETRO – MORMANNO
TRIPICCHIO MAURO – CETRARO
OCCHIUZZI FRANCESCO – CETRARO
ACCURSO FRANCO – MORMANNO
PUNZO PAOLA – TORTORA
GRAZIOLI GIUSEPPE – CASTROVILLARI
PERRONE DEBORA – MORMANNO
SAMMARCO VINCENZO – CASTROVILLARI
SBARRA ALESSANDRO – CETRARO
D’ANDREA FABIO – COSENZA
LEONE ANNINA – LUZZI
BIANCO UMBERTINO – CETRARO
TUFO CARMINE – VERBICARO
ANTONUCCI LUANA – CETRARO
GUAGLIANONE ADELE – CETRARO
PIGNATARO OTTAVIO – MAIERA’
MARCHETTI GIUSEPPE – CETRARO
CARUSO GIUSEPPE – CETRARO
DE MARCO ANNA – MAIERA’
ACETI PASQUALE – MORMANNO
CRUSCO LUCIA – MAIERA’
SPIZZIRRI MARIA – COSENZA
PORCO MICHELE – COSENZA
DODARO FRANCESCO – COSENZA
BRUNETTI FRANCESCO – CETRARO
OCCHIUZZO DANIELA – CETRARO
DI MINCO VINCENZO – CIVITA
FABIANO GAETANO – COSENZA
VIOLA TERESA – COSENZA
FORESTA SANTINO – CETRARO
SPINICCI NELLO – CASTROVILLARI
FREGA ANTONIO – ACQUAFORMOSA
ONORATO ADELINA – CETRARO
NOVELLO VINCENZO – CETRARO
MANDOLITO ROSAMARIA – CASTROLIBERO
IOZZI PASQUALE – CETRARO
PIGNATARO IVANA – VERBICARO
SERVIDIO MARIA – CETRARO
ZUCCARELLI MARICA – COSENZA
LOSARDO ADELINA – CETRARO
NICOLETTI DOMENICO – CASSANO
TRIPICCHIO NANDINA – CETRARO
AVOLIO LUCIA – CETRARO
CALABRO’ GUERINO – ROSSANO
DI MINCO FRANCESCO – CIVITA
FORTUNATO AMALIA – MORMANNO
CIAMPA MARIANNA – COSENZA
FERRARI VINCENZO – FRASCINETO
BRUNO MARIA – MORANO
BELTRANO GIUSEPPINA – COSENZA
REGINA NICOLETTA – MORMANNO
LISERRE ROBERTO – MAYERA’
SPANO’ ROSANNA – CETRARO
SANDOLO PABLITO – MAIERA’
BUFANIO GIUSEPPE – CETRARO
PANDO GIULIO – GUARDIA PIEMONTESE
COSENZA TERESA – MORMANNO
LOTITO MARIO – ACQUAFORMOSA
QUINTIERI MARIA – FAGNANO
SERIO CARMELA – ROSSANO
ESPOSITO ROSSELLA – CETRARO
RIZZO SAMOA – CASTROVILLARI
DONADIO CONCETTA – COSENZA
CRUSCO MARIO – MAIERA’
LO TUFO MARIA – CASTROVILLARI
CENNAMO GIOVANNI - CETRARO
BOTZARI COSTANTINO – PAPASIDERO
MORANO GRAZIELLA – SAN LORENZO DEL VALLO
PUNTILLO PATRIZIA – CETRARO
CUCUNATO DANIELA – MONTALTO
RIZZUTI LAURA – COSENZA
DE ANGELIS PASQUALE – ACQUAFORMOSA
TUNDIS MARIA – CETRARO
EPIFANIO FABRIZIO – ACQUAFORMOSA
CIAMPA CANDIDO – COSENZA
CIANCIO MONICA – SAN FILI
CAIRO ERMANNA – SAN MARCO ARGENTANO
LA COSTA MARCELLA – CETRARO
SCAGLIONE GIANLUCA – CERISANO
CAPPARELLI DOMENICO – ACQUAFORMOSA
TUNDIS CARMINE – CETRARO
RITONDALE GIANCARLO – MAIERA’
MUGLIA CARMELA – SAN MARCO ARGENTANO
CALDIERO GIOVANNA – CETRARO
SERRA ITALIA – SAN MARCO ARGENTANO
BIANCO CONCETTINA – CETRARO
D’AGNI FRANCESCO – COSENZA
BIANCO EMANUELA – CETRARO
TRICARICO DOMENICO – CASTROVILLARI
GRANDINETTI SILVIO – SANTO STEFANO DI ROGLIANO
ALTOMARE ANTONELLA – COSENZA
D’AGNI FABRIZIA – COSENZA
PICARELLI LUCIANA – CETRARO
OCCHIUZZI ANGELICA – ACQUAPPESA
PICARELLI ALDO – CETRARO
IOZZI GIULIANO – CETRARO
LUCCHETTA STEFANIA – MONTALTO
GATTO GIUSY – FUSCALDO
PERTICARO LUCIANO – SAN SOSTI
MORELLI ESTER – CASTROVILLARI
POSTERARO PAOLA – GUARDIA PIEMONTESE
TREVISO MILVA – GUARDIA PIEMONTESE
PORCO ANNA MARIA – COSENZA
LEPROTTI FRANCESCO – CETRARO
DE MARCO LUCREZIA – SAN DONATO DI NINEA
PLASTINA BLANDINA – FUSCALDO
MOLLO GIULIA – SAN MARCO ARGENTANO
PESCATORE DANIELE – MENDICINO
MUOIO ANNALISA – RENDE
BUONO ELISABETH – ACQUAFORMOSA
CANDIA ADELE – MAIERA’
CARNEVALE MADDALENA – FUSCALDO
MALTESE MASSIMO – CETRARO
PELLEGRINI DEBORA – CETRARO
TURCO VALENTINA – CELLARA
OPPIDO ROBERTA – ROSSANO
VERTA ALESSIO – CETRARO
PARISE ANTONIO – SAN MARCO ARGENTANO
BALZAMA’ COSIMO – CORIGLIANO
TURCO DAVIDE – ROSSANO
NOCITO SEBASTIAN - BELVEDERE
MAZZA MARIA - CETRARO
VAIA GIANNI - BRESCIA
MUTO GIOVANNA - COSENZA
BRUNO EMILIO - CASTROVILLARI
MAZZA FRANCESCO – MAIERA.

Ora non resta che chiedere agli indagati il politico che li ha segnalato al fine di accertare se esista il voto di scambio che in tanti supponiamo.

E chiedere anche se hanno pagato, quanto ed a chi.

E chiedere perché un terzo dei precari sono di Cetraro.

E chiedere infine a dirigenti e funzionari della regione e dell’Asp il nome dei politici che li hanno indotti ad assumere 133 persone non solo senza concorso ma anche senza titoli.

Ma davvero la Procura di Cosenza andrà fino in fondo?

Ed infine chi interverrà adesso magari per evitare che gli imputati parlino?

A proposito perchè non c'è nessuno di PAOLA E DI AMANTEA

Leggi tutto... 0

Tensione ieri nelle acque al largo delle coste calabresi per la presenza di una motonave.

 

 

La protesta dei pescatori calabresi per l'attività di ricerca scientifica in mare svolta da “Minerva uno", motonave i cui movimenti in mare sono autorizzati dalla Guardia Costiera della Capitaneria di Porto.

I pescherecci avrebbero provato ad avvicinarla, anche con toni minacciosi, ma, come si vede dalle immagini diffuse su Facebook nel gruppo "Pescatori A Tavola", l'equipaggio del natante ha evitato il confronto ed è scappato.

 

Si tratterebbe della “Minerva uno”, imbarcazione utilizzata nell’ambito della campagna oceanografica “Pasc” (finalizzata al monitoraggio ambientale ed alla acquisizione di dati geologici e geofisici del Mar . Mediterraneo) nella zona del Mar Tirreno e del Mar Jonio, come si legge nell’ordinanza firmata dalla Capitaneria di Porto e dalla Guardia Costiera locale.

La protesta dei pescatori

 

In questa situazione, il personale dei pescherecci contesta l'impatto sulla fauna marittima: l’attività di Minerva Uno, a loro dire, comporterebbe l'allontanamento dei pesci, oltre che danni all'ecosistema e alla pesca stessa.

Tanto che dopo l’avvistamento della barca, un gruppo di pescatori si è riunito per protestare davanti agli uffici della Capitaneria di porto di Crotone. "Non possiamo lavorare – ha detto uno dei presenti a YouReporter – , ci sarà una moria di pesci, il danno non si quantifica solo oggi, ma è quantificato da tre o quattro mesi.

Vi è un affievolimento di pesca, non solo da oggi.

 

Questa ricerca ha contribuito al danno ecologico.

C'è gente che vive con il mare e combatte con il mare.

Per i pescatori è uno schiaffo alla povertà. Nessuna tutela per i pescatori".

La tecnica dell'Airgun.

 

In particolare, sotto accusa ci sarebbe l’utilizzo da parte della nave della tecnica dell’Airgun, che consiste nell'utilizzo di un cannone sottomarino che emana onde sismiche artificiali (qualcuno le chiama ‘bombe d'aria') per scandagliare il sottosuolo.

Secondo Legambiente, l’Airgun provocherebbe danni alla fauna marina anche a chilometri di distanza.

Una tecnica disapprovata dalla comunità scientifica, da molte comunità locali e da cittadini che si sono espressamente dichiarati contrari alle attività esplorative condotte dalle compagnie petrolifere nei mari italiani, sottoscrivendo in più di 75mila la petizione #StopOilAirgun, come evidenzia Greenme.it.

La nave è autorizzata dal Ministero

Allo stesso tempo va detto che l’attività di Minerva Uno è autorizzata, come detto, dal Corpo delle capitanerie di porto e della Guardia costiera. Entrambi fanno capo al Ministero. L’attività quindi è del tutto legalizzata. E’ probabile piuttosto che la decisione dell’equipaggio di allontanarsi sia stata dettata proprio dal comportamento ostile dei pescatori “perché non c’è il pesce”. Il dubbio comunque rimane.

 

Cosa fa Minerva Uno

Sul sito sopromar.it si può leggere che “la nuova nave da ricerca Minerva Uno (ex Universitatis), progettata e costruita in A.T.I. dalla SO.PRO.MAR. S.p.A., è stata acquisita nel maggio 2010 dalla So.Pro,Mar. Spa a seguito di aggiudicazione d’asta indetta dal primo proprietario CoNISMa (Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare) e si colloca per dimensioni tra le principali imbarcazioni da ricerca europee operanti nel Mar Mediterraneo.

La versatilità, assicurata dalla dotazione nautiche e dalle apparecchiature scientifiche, atte a condurre indagini dei vari ambiti tematici delle scienze del mare, è basata sull’adozione di un sistema modulare di diversi laboratori mobili che integrano quelli fissi. La nave è inoltre progettata per campagne di pesca scientifica, caratteristica innovativa nel panorama delle imbarcazioni da ricerca oceanografiche italiane. La presenza a bordo di un’imbarcazione ausiliaria, permette di operare dalla battigia fino al mare aperto”

 

Secondo il personale dei pescherecci, però, farebbe uso della famigerata tecnica dell'Airgun.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy