BANNER-ALTO2
A+ A A-

E’ indispensabile avere conoscenza del seguente avviso pubblico emanato dall’Ufficio Tributi del comune di Amantea.

“Riguardo alla recente fattura delle lampade votive 2007/08/09, indirizzata a quanti risultano non aver pagato tali anni, si segnala che durante la procedura di fusione delle tre annualità, così come ha riferito lo Studio che fa da “service” all’ufficio per la elaborazione e la stampa degli avvisi, erroneamente la spesa di notifica è stata riportata per tre volte.

Il disguido si è verificato perchè il carico originario da riscuotere era predisposto per singoli anni, ma in seguito alla decisone di gestire in una unica soluzione l’intero triennio, nel generare tale fusione, inavvertitamente è stata riportata per tre volte la spesa di notifica

Naturalmente , coloro che hanno già pagato la fattura per come l’anno ricevuta, possono esigere il rimborso oppure, ove non abbiano pagato le annualità successive al 2009, la compensazione, rivolgendosi direttamente presso gli uffici, via fax, via e mail ovvero telefonicamente ai numeri 0982 429236 -429216

Quanti, invece, non hanno ancora pagato possono versare stornando dall’importo la somma eccedente richiedendo il nuovo bollettino postale all’ufficio utilizzando i canali di cui sopra

Nel domandare scusa, si precisa che l’ufficio è estraneo a quanto accaduto e tanto meno non vi sono responsabilità dell’amministrazione comunale o di amministratori in particolare”

L’avviso chiude, pertanto, le voci che si sono rincorse per la cittadina sull’errore, come dichiarato, occorso per un errore dello Studio incaricato e senza alcuna responsabilità dell’ ufficio o degli amministratori.

Un ulteriore “strumento” della politica sarà certamente la TARES, la tassa sui servizi comunali. Diversamente dalla TARSU, cioè dalla Tassa sui rifiuti( come era facilmente intesa dalla cittadinanza) o dalla TIA (che era l’altra modalità di esazione del servizio rifiuti, oggi la TARES comprenderà anche la pubblica illuminazione , la manutenzione delle strade.

E’ l’ennesimo regalo del Governo che peraltro accogliendo la stupida richiesta di taluni italiani arrabbiati perché tutte le tasse arrivavano a dicembre e spolpavano la tredicesima( con la quale si era per un anno pensato di are soluzione ai tanti debiti e problemi familiari), accogliendo( si fa per dire) la richiesta ne esige il pagamento in 4 rate

Gennaio

Aprile

Giugno

Dicembre

(la rata di gennaio non può essere pagata perché tra l’altro il comune non ha approvato il regolamento della TARES e viene rinviata ad Aprile)

Non solo quindi la tassa sarà chiesta ANTICIPATAMENTE

Ma si presentano altri due aspetti rilevanti:

Il primo è che l’ingiustizia sarà continuata: la tassa, infatti, sarà correlata alla grandezza dell’immobile e non alla quantità di rifiuti prodotta. Si tratta di una vergogna ulteriore che peraltro contrasta con la norma europea della diretta relazione tra produzione di rifiuti e tassa da pagare ( CHI INQUINA PAGA!) e che pertanto induce a produrre vista la indifferenza della tassa.

E così potrete sentire chi dichiara “Chi me lo fa fare di perdere tempo a differenziare i rifiuti se poi, anche nelle città più virtuose MONTI farà pagare in modo indifferenziato!”. Come dargli torto?

Il secondo è che la tassa sarà aumentata di 30 centesimi a metro quadrato( che potrà essere innalzato dai Comuni fino a 40 centesimi) per il pagamento dell’illuminazione pubblica e della manutenzione delle strade pubbliche. Sono effettivamente servizi di cui beneficiamo tutti, ma per i quali non si può quantificare il maggiore o minore beneficio tra un cittadino ed un altro e pertanto è palesemente illegittimo che sia pagata in relazione ai metri quadrati di immobile

Sta per trovare ( forse ) soluzione il bailamme nel quale versa un problema importante come il Dimensionamento scolastico, in Italia, e tanto più in Calabria.

Quella Calabria, dove, forse per la forte distanza km dai luoghi di potere, se non per la scarsa capacità di imporsi verso i poteri ai quali si è accondiscendenti, od addirittura per la preoccupazione delle prossime elezioni, dove-si diceva- si sfugge alle responsabilità con balletti in tutù che spesso scendono anche i sala coinvolgendo anche gli spettatori, pur interessati

Peraltro come dare colpe a questi ultimi visto che è difficile per non dire impossibile sapere lo stato delle cose.

Il problema, come sempre, alla fine scoppia!!

Il 21 gennaio 2013, infatti, partiranno le iscrizioni per il prossimo anno scolastico 2013-14 e le scelte da parte dei genitori risulteranno congelate alle scuole attualmente esistenti. Inaccettabile!!!

Peraltro ci sono regioni come il Veneto che con delibera della Giunta n. 2893 del 28/12/2012 ha approvato il “Dimensionamento della rete scolastica per l’Anno Scolastico 2013-2014”.

E poi ci sono regioni come la Toscana che hanno contestato il silenzio del ministro delle finanze che non si è pronunciato pur dopo l’accordo con il MIUR di un “ anno di riflessione e transizione” ma puntando, comunque, per il futuro alla assegnazione di un dirigente ogni 900 studenti (media regionale), ma lasciando al contesto regionale le scelte di assegnazione del personale dirigente, indipendentemente dalla numerosità degli istituti.

E poi ci sono regioni e province “piratesche” che giocano a “sperghjiri” non potendo dire la verità fino alle prossime elezioni.

Ora tutto si chiarisce perché con una nota del 28 dicembre 2012 il Dipartimento Istruzione del MIUR ha dato indicazione agli Uffici scolastici regionali di procedere al dimensionamento su base di 900 alunni per istituto e sulla base della persistenza dell'applicazione del concetto di scuola sottodimensionata (comma 5 art 19 legge 111/2011).

A tal punto le perplessità e le reazioni. Ed allora il MIUR ha indetto la convocazione delle parti sociali per il 14 gennaio 2013.

Ancora pochi giorni e verrà fuori il tutto.

Pubblicato in Primo Piano

Il presidente del consesso prof Monica Sabatino ha indetto la Convocazione del Consiglio comunale per lunedì 14 gennaio, alle ore 17.30.

Come sempre l’assemblea si terrà presso la sala consiliare del Municipio.

Tre i punti all’ordine del giorno: approvazione.

Regolamento dei controlli interni;

La modifica Regolamento Contabilità;

La presa d’atto delle prescrizioni imposte dalla Provincia di Cosenza in merito al Piano Spiaggia.

Sono tre punti importantissimi.

Circa il Regolamento sui controlli interni vale richiamare che il dl n. 174/2012, per come convertito dalla legge 213, ha significativamente accresciuto i controlli interni negli enti locali ed ha imposto che entro il 10 gennaio i consigli comunali, provinciali, delle unioni dei comuni e delle superstiti comunità montane dovessero approvare il regolamento consiliare sotto pena della diffida del prefetto e dello scioglimento in caso di mancata adozione entro due mesi.

Dopo 12 anni dalla legge costituzionale n. 3/2001 di riforma del titolo V della Costituzione, la fine del Comitati Regionali di Controllo (Co.re.co) e della loro attività di monitoraggio a presidio della legittimità degli atti e dopo la Bassanini che soppresse il parere preventivo di legittimità del segretario comunale, spinti dai recenti scandali politici di sperpero di denaro pubblico per il finanziamento ai partiti ( ed altro) si è ricorsi ad una organica revisione della materia.

Il tutto al fine di por mano in gran fretta a una situazione emergenziale, considerati per l'appunto gli esempi deplorevoli di spreco di risorse pubbliche e fenomeni di diffusa corruzione ai vari livelli istituzionali di governo.

Circa la modifica del Regolamento Contabilità, è evidente che si tratta di atto connesso alla legge 213/2012;

Infine circa il Piano Spiaggia finalmente un po’ di chiarezza. Il punto prevede la presa d’atto delle prescrizioni imposte dalla Provincia di Cosenza in merito al Piano Spiaggia. Sembra cioè che la presa d’atto sia di natura e carattere obbligatorio e che nessuna eccezione possa essere proposta. C’è chi ritiene giunto a traguardo il Piano spiaggia da cui si vorrebbero far sortire miracolistici effetti sulla drammatica situazione economica cittadina. !!

Pubblicato in Politica

Parliamo di web!
Se entrate nel sito istituzionale del comune di Amantea, sul lato sinistro, e scorrendo verso il basso, dopo “Menù principale” troverete “Albo Pretorio” online, di seguito “Trasparenza” e successivamente “Conosci la città”.
Arriva, infine, la parte denominata “Uffici distaccati” che anticipa tre link Polizia Municipale, Protezione Civile e Porto turistico.
Cliccando su Polizia Municipale si entra in una pagina che appare notevolmente datata.
Infatti, riporta, ancora, quale comandante il dr Mario Aloe.

Successivamente dopo l’elenco dei vigili
Istr. Giacomo BAZZARELLI
Istr. Antonio BRUSCO (è in pensione da tempo)
Istr. Gilberto PROVENZANO
Istr.Franca ALOE
Istr. Aldo PERNA
Istr. Emilio OSSO
Istr. Franco POLICICCHIO.

Viene evidenziato che “Il Comando di polizia urbana ha un proprio sito dove è possibile consultare la documentazione fotografica PHOTORED”.

Ed invita a cliccare su

Visualizza Verbale Photored

Se però lo fate vi invia su http://www.poliziamunicipaleamantea.it/photored.php che non riesce in alcun modo ad adempiere a quanto promesso.

Infatti se effettuate le distinte operazioni che vi invita a fare vi esce la scritta

ATTENZIONE
nessun riferimento trovato con i dati inseriti

Tanti a leggere la scritta hanno pensato che la contravvenzione loro notificata fosse frutto di un errore da parte del Comando

Purtroppo non è così. Un errore c’è ma è quello del sito istituzionale che non è aggiornato

Per verificare le foto delle contravvenzioni, infatti, dovete andare su http://amantea.web-red.it/photored2.php.

Pubblicato in Primo Piano

Il “Provided by Funeral Directors & Families” di Antonio Tony Munno, secondo un’avveduta usanza tutta americana, sullo Star-Ledger del New Jersey del 12 agosto 2010 -hanno annunciato la morte di Toni Munno:

Antonio "Tony" Munno, 62, passed away at his residence in Belleville on Monday, Aug. 9, 2010.
-hanno avvertito che i funerali si sarebbero svolti il 13 agosto alle ore 11.00 presso la St. Peter's R.C. Church, Belleville
A Funeral Mass will be offered at St. Peter's R.C. Church, Belleville, on Friday morning, Aug. 13, at 11 o'clock. For those who wish to attend the funeral may gather at the funeral home at 10 o'clock. Entombment will be in Glendale Cemetery, Bloomfield. Guests will be received at the Irvine-Cozzarelli Memorial Home, P.A., 276 Washington Ave., Belleville, www.irvinecozzarelli.com or 973.759.1114, on Thursday afternoon and evening from 2 to 4 and 7 to 9 o'clock. Complimentary valet parking is available at the funeral home.

-ed hanno pubblicato il seguente necrologio:
Antonio was born in Amantea, Cosenza, Italy, and immigrated to the U.S. in 1971, settling in Corona, Queens, N.Y. He later lived in Huntington, N.Y., prior to returning to Amantea, Italy. In 1997 Tony returned to the U.S. and established a permanent residence in Belleville, where he remained with his family for the rest of his lifetime. Antonio was an internationally recognized women's clothing designer, an assistant in the employ of Oscar de la Renta, New York City, for 14 years, retiring in 2007. During his celebrated career he created clothing for two U.S. presidential first ladies, Mrs. Laura Bush and Mrs. Hillary Clinton. It was not uncommon for Tony to travel to the White House for fitting appointments with the first lady. Over the years Tony and his family were invited guests of the first family, attending White House Christmas holiday functions during the Bush and Clinton administrations. Tony continued to make clothing for Hillary Clinton as she transitioned to Senator Clinton. Antonio's client portfolio was an international index of "Who's Who." A sampling of his devotees were Mrs. Kissenger, Sarah Jessica Parker, Candice Bergen, and heads of state worldwide. In addition, he created runway clothing for Oscar de la Renta Fashion Shows. Antonio possessed an inexhaustible passion in his professional pursuit of creative perfection in the assembling of women's fashion designs. Tony was unequivocally established as a devoted soccer enthusiast, right to the end of his life. Notwithstanding the acclaim he achieved, Tony was a genuinely modest and humble gentleman whose focus was his family first. He unconditionally loved his precious wife, his beautiful children and grandchildren. Home was a place were he felt complete and his heart was satisfied. Tony is the beloved husband of Rosa Maria; the devoted father of Felicia Muia and her husband, Giorgio; Natalie and Anthony Munno; the cherished grandfather of two grandchildren; the treasured son of Mrs. Anna Munno of Italy and the late Oreste Munno and the loving brother of two sisters and a brother, all residing in Italy.

La traduzione:
Antonio Munno, detto Tony, nasce ad Amantea – provincia di Cosenza – ed emigra negli Stati Uniti nel 1971, stabilendosi a Corona, contea di Queens, stato di New York. Successivamente Munno si trasferisce ad Huntington (NY), per poi far ritorno in patria e nella sua città natale.
Nel 1997, tuttavia, Munno torna negli States e si stabilisce a Belleville, contea di Essex, stato del New Jersey, nell’area metropolitana di New York. Qui trascorrerà il resto della sua vita con la propria famiglia.
Antonio fa il designer di moda femminile. A livelli “alti”, molto alti. Diventa assistente di Oscar De La Renta, compito che svolgerà per 14 anni, fino alla pensione. E questo gli apre le porte della Casa Bianca: Munno veste le first ladies Laura Bush e Hillary Clinton. E’ ovvio che, dovendo svolgere il proprio lavoro, Tony si reca molto spesso alla Casa Bianca. Inoltre, la famiglia Munno viene anche invitata – durante gli anni di servizio del capofamiglia – a pranzi e cene alla White House, soprattutto durante le vacanze natalizie.
Tony, dunque, veste le first ladies per tutto il periodo delle amministrazioni dei mariti: Bill Clinton e George Bush junior. Dopo la fine dell’amministrazione Clinton, comunque, Munno continua a vestire Hillary Clinton nel momento in cui la first lady diventa senatrice, nel 2001.
Il portafoglio di clienti vip del sarto calabrese, però, non si ferma alla Casa Bianca. Munno veste la signora Kissinger, Sarah Jessica Parker, Candice Bergen e molti capi di Stato. Inoltre, organizza svariate sfilate di moda per Oscar De La Renta.
Nonostante la fama, Munno – da vero calabrese – conserva una dote inestimabile: l’umiltà. La sua famiglia rimane sempre al primo posto. Ama devotamente la moglie Rosa Maria, i figli Felicia Muia, Natalie e Antonio.
Li ama tutti fino alla fine. Tony si spegne il 9 agosto 2010 nella sua residenza a Belleville. Viene sepolto a Bloomfield nel cimitero di Glendale.
E’ lì che oggi riposa il calabrese che vestiva le donne della Casa Bianca. E non solo.

Pubblicato in Cronaca

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato del PD.

Il Circolo del Partito Democratico di Amantea esprime grande soddisfazione per le consultazioni primarie del 29 dicembre scorso per la scelta dei candidati al Parlamento per le prossime elezioni politiche di febbraio In totale, nei 3 seggi presenti tra Amantea e Campora San Giovanni, hanno votato piú di 500 elettori. Un risultato positivo che testimonia la volontà dei cittadini di essere partecipi ai processi decisionali che coinvolgono il partito .
Il circolo PD di Amantea è da tempo impegnato a dialogare con i cittadini, a renderli partecipi tentando di contrastare la disaffezione dilagante verso la politica. In questa logica è da salutare con grande positività la adesione al progetto dei tanti cittadini che si sono recati ai seggi per esprimere il loro voto democratico.
La piú votata in città è stata Stefania Covello con 244 preferenze (quasi il 50% dei suffragi) seguita dal sindaco di Diamante Ernesto Magorno che ha raggiunto quota 156. Hanno avuto preferenze anche Laratta 136, Valeria Capalbo 96, Enza Bruno Bossio 93, Bruno Villella 68, Mario Maiolo 68, Luigi Gugliemelli e Giovanni Manoccio 15.
È stata data ai cittadini la opportunità di esprimersi e lo hanno fatto con grande maturità. I "nominati" sono stati bocciati, anche sulla scorta di un giudizio evidentemente negativo sul loro operato in Parlamento. Il Circolo del Pd di Amantea saluta con favore anche la bocciatura in città di chi, abusando della "nomina a parlamentare", era venuto tempo addietro ad Amantea a manifestare in piazza contro il partito e contro gli iscritti. Le primarie hanno finalmente decretato che gli elettori cosentini vogliono in parlamento nuovi rappresentanti che saranno sicuramente più attenti alle istanze provenienti dal territorio. Ora si rispetti il risultato della democratica partecipazione e si lavori a fare vincere il centrosinistra guidato da Bersani contro i conservatori delle destre.

Un doveroso ringraziamento va ai presidenti di seggio, ai segretari, agli scrutatori e a tutti i volontari che, togliendo tempo prezioso alle proprie famiglie, hanno consentito un regolare e democratico svolgimento delle operazioni elettorali. L'attività del circolo riprenderà subito dopo l'Epifania con la riunione del direttivo cittadino già convocato per il prossimo venerdí. La campagna elettorale per le elezioni politiche di febbraio e la difficile situazione in cui versa il nostro comune sono i temi scottanti da affrontare.

Pubblicato in Politica

Si vota dalle 08.00 alle ore 20.00 negli stessi seggi del 25 novembre. Si allega la delibera del Coordinamento nazionale, riunitosi il 26 novembre 2012, “ Il Coordinamento nazionale preso atto della proclamazione del risultato elettorale così come comunicato dal Collegio dei Garanti; delibera: per il ballottaggio si vota domenica 2 dicembre dalle h. 08.00 alle h. 20.00 negli stessi seggi in cui si è votato il 25 novembre. Sono ammessi al voto gli elettori in possesso del Certificato di elettore del Centro sinistra rilasciato per il primo turno, completo del cedolino relativo alla giornata del 2 dicembre, in mancanza del quale non è possibile essere ammessi al voto. Per gli iscritti on-line che non abbiano completato la registrazione entro la data del 25 novembre alle ore 20.00, è possibile recarsi presso gli addetti a questa operazione del proprio seggio, versare il contributo di almeno due euro e ritirare il Certificato di elettore del centro sinistra, quindi votare. Possono altresì richiedere la registrazione coloro che, nei giorni 29 e 30 novembre presso il Coordinamento provinciale, dichiarino di essersi trovati, per cause indipendenti dalla propria volontà, nell’impossibilità di registrarsi all’ Albo degli elettori entro il 25 novembre. Spetta al Coordinamento provinciale valutare la consistenza o meno delle cause, indipendenti dalla volontà dell’elettore, che ne hanno impedito l’ iscrizione all’Albo degli elettori entro il 25 novembre, ovvero la preiscrizione on-line. Il Coordinamento provinciale, con voto unanime, decide se ammettere o meno la registrazione all’Albo degli elettori. E’ compito altresì del Coordinamento provinciale provvedere a: a) finalizzare la registrazione per quegli elettori che preregistratisi on line non siano in possesso di stampa di registrazione; b) reinserire nei propri seggi di residenza quegli elettori che ne facciano richiesta dopo aver votato al primo turno come fuori sede, e quanti, di converso, facciano richiesta di esprimere il proprio voto in una regione diversa da quella di residenza. E’ compito degli addetti del seggio a questa operazione duplicare il certificato di elettore del centrosinistra, per quegli elettori che, pur risultando nell’Albo degli elettori, ne dichiarino lo smarrimento o comunque la perdita. E’ compito dei Coordinamenti provinciali fornire ai seggi il relativo elenco dei registrati all’Albo degli elettori. L’albo dei votanti e i certificati di elettore del centrosinistra devono essere sono custoditi sotto la personale responsabilità dai coordinamenti provinciali, come da regolamento. La scheda per il ballottaggio comprende il nome e il cognome dei candidati ammessi al voto, così come deliberati dal Collegio dei Garanti , scritto entro apposito rettangolo. Il Coordinamento nazionale vigila, come da regolamento, sul rispetto delle suddette disposizioni.”
Pubblicato in Politica

Il prof Vannini sarà sicuramente contento di sapere che dal suo interesse alla Amantea araba è nato il progetto di recupero e valorizzazione dei ruderi della antica chiesa di san Francesco d’Assisi che ora si avvia a completamento. Il progetto di Completamento delle opere di conservazione e valorizzazione della chiesa i San Francesco e dell’arte di pertinenza – zona del castello è stato inserito dalla regione nel piano generale del PISR “Grandi attrattori religiosi della Calabria”. Sciolte le riserve e rimodulato il progetto a fine anno la giunta, su proposta proprio dell’assessore Sante Mazzei, con delibera n 231 del 29 dicembre 2012, ha approvato il progetto esecutivo di completamento dei lavori di recupero dei ruderi della chiesa francescana e nel contempo ( forse è la prima volta) della realizzazione del percorso della conoscenza, un insieme di opere immateriali che permetteranno la visita della antica fabbrica e dei luoghi sui quali insiste e la loro conoscenza. Come ben noto agli amanteani ed agli amanti delle grandi opere religiose stiamo parlando di una fabbrica alquanto misteriosa ad iniziare da quanto precedette la costruzione trecentesca. È certo infatti che la chiesa francescana sia stata impiantata su una chiesa molto più antica, probabilmente greca, sull’area nella quale abitarono monaci basiliani. Di particolare valore le tombe rupestri ancora presenti in uno alle grotte rupestri nelle quali abitarono i monaci fuggiti alle persecuzioni della lotta iconoclasta conseguente all’editto dell'imperatore bizantino Leone III Isaurico del 726. Fu allora che i Basiliani, per scampare alle persecuzioni, furono costretti a nascondersi in luoghi solitari come grotte sulle pendici delle colline, che divennero luogo d'alloggio e di preghiera. Ovvio che a tal proposito ci permetteremo di ricordare all’assessore Sante Mazzei la opportunità di invitare alle manifestazioni di inaugurazione dei lavori il professor Vannini e gli altri esperti dalla cui presenza ed interesse per l’area del castello e la storia della presenza araba derivarono il primo finanziamento dei lavori della chiesa di San Francesco ed oggi il secondo di completamento. Pochi come lui portano il merito di questi lavori che stanno per mostrare agli amanteani ed al mondo intero una parte sconosciuta della antica chiesa medievale sulla rupe del castello di Amantea
Pubblicato in Primo Piano

Il Corpo Forestale di Cosenza ha effettuato nelle ultime settimane intensi controlli in diversi esercizi commerciali di diversi comuni del cosentino. Si tratta di controlli finalizzati ad accertare il rispetto della vigente normativa sui prodotti di qualità certificata (Dop & Igp), sulla corretta etichettatura degli alimenti, sulla normativa igienico sanitaria Haccp , nel settore vitivinicolo, sulle produzioni biologiche e sui funghi e la loro commercializzazione. Sono stati eseguiti 51 accessi ad esercizi commerciali: I comuni interessati sono stati Amantea, Castrovillari, Fuscaldo, Montalto, Paola e San Marco Argentano. Rilevate infrazioni che hanno comportato sanzioni per 25 mila euro. Accertate irregolarità nella conservazione dei cibi e nel'etichettatura dei prodotti. Trovati anche 4 quintali di alimenti scaduti che sono stati sottoposti a sequestro. Si tratta di prodotti destinati al commercio ed alla preparazione di prodotti dolciari. Maggiori dettagli si attendono da comunicato del Corpo Forestale
Pubblicato in Primo Piano
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy