BANNER-ALTO2
A+ A A-

napoleone
di Ferruccio Policicchio

 

La vita di Napoleone Buonaparte ha sempre esercitato un grande fascino su biografi, storici, studiosi di tattiche e problemi militari e soprattutto per l’ascesa che portò l’oscuro ufficiale di artiglieria corso da Comandante l’Armata d’Italia a Primo Console e via via ad Imperatore. Perciò è difficile racchiudere qui, in poche righe, una biografia tanto intensa dalle origini ad una adolescenza burrascosa, dall’avventura in Francia alle prime campagne d’Italia, dal paese dei Faraoni al colpo di Stato fino alla campagna di Russia e al tramonto dell’astro.

 

Hitler visitando la sua imponente tomba di porfido rosso, in un mattino del giugno 1940, si tolse il cappello.

Ad Ajaccio, principale città della Corsica, nasceva il 15 agosto 1769, quartogenito di Carlo Maria, avvocato, e Letizia Ramolino. A nove anni entrava in un mondo nuovo, il passaggio dalla vita di famiglia a quella di un collegio militare che lo scosse profondamente. Con disciplina dovette affrontare gli urti della vita in un mondo fanciullesco dove la sua posizione era tutt’altro che privilegiata, mantenuto a distanza anche se di famiglia aristocratica ma squattrinata.

 

Durante il Decennio 1806/15, prima attraverso il fratello Giuseppe e il cognato Gioacchino Murat poi, il suo potere giunse fino in questi luoghi. Creando una monarchia amministrativa rivoltò il regno di Napoli abolendo la feudalità, sopprimendo alcuni ordini monastici e, affiancando alle preesistenti provincie, con la loro creazione, istituì i comuni, i circondari ed i distretti. Elevò la città di Amantea a sede di distretto (due anni dopo passato a Paola). Furono creati, per amministrare i comuni, i Decurionati e, a partire dal 1.1.1809, l’ufficio dello Stato Civile in ognuno di essi.

 

Biografie, aneddoti, memorie e vite romanzate dal giorno della sua morte si sono moltiplicate e sono cresciute a dismisura.

 

Alla notizia della sua morte (5 maggio 1821 nell’isola di S. Elena), Manzoni scrisse l’ode «Il cinque maggio» fra il 17 e il 20 luglio 1821. Nel grande condottiero il poeta ricerca l’uomo e il suo travaglio interiore, collocandone la vicenda terrena nella riflessione più vasta dell’intimo rapporto tra l’anima e l’eterno. La sfera religiosa è infatti centrale nel componimento.

 

Leggi tutto... 0

natale2020Come dare un tocco personalizzato al proprio presepe

Un presepe è un'ottima aggiunta alle decorazioni natalizie della tua casa per ricordare alla tua famiglia il motivo del Natale.  Qualunque sia la dimensione o lo stile del presepe, ecco alcune idee su come decorare il tuo presepe.Molte persone espongono i presepi nel periodo natalizio poiché il Natale è la celebrazione della nascita di Gesù. Alcuni presepi sono piccoli e umili raffiguranti solo Maria, Giuseppe e Gesù, mentre altri sono molto elaborati con molte figure aggiuntive di angeli, pastori, uomini saggi e animali.Gesù nacque in un luogo per ospitare animali, che molto probabilmente era un granaio o una grotta. Puoi decorare pertanto con statuine presepe appropriati per quell'ambiente. Molte persone aggiungono al presepe una struttura semplice che può essere in legno (magari con il tetto ricoperto di muschio o verde) oppure si può usare una scatola di cartone decorata. Considera anche di usare la paglia sul terreno: il Bambino Gesù è stato messo in una mangiatoia, che è una mangiatoia per animali, quindi puoi aggiungerlo anche alle tue decorazioni.

Presepe, definizione e personaggi da aggiungere

“Un presepe è un'esibizione del bambino Gesù con i suoi genitori Maria e Giuseppe raffigurante la sua nascita”. 

Molte persone aggiungono altre figure al loro presepe, pertanto puoi aggiungere:

  • animali,
  • angeli,
  • saggi
  • pastori, secondo il tuo gusto personale.

Una decisione molto importante è la dimensione delle statue. Giuseppe è la figura di partenza in quanto le altre figure della stessa serie sono scolpite in relazione a questo personaggio. Si consideri ad esempio un presepe di 10 cm che contiene bambini, pastori inginocchiati o animali che sono effettivamente più bassi di Giuseppe, ma proporzionali a lui, che invece misura 10 cm. Quindi, se scegli un presepe da 10 cm, devi scegliere anche il Gesù bambino da 10 cm, anche se in realtà sarà molto più piccolo. La dimensione specificata si riferisce all'intero presepe, non ai singoli personaggi. Ma qual è la dimensione adatta del presepe? Dopotutto, questa scelta dipende dallo spazio disponibile. Se avessi solo un piccolo angolo per il presepe, dovresti scegliere figure più piccole, ad esempio 7 - 9 cm; se hai molto spazio puoi scegliere figure più grandi o allestire più figure presepe.

Il presepe, occhio allo stile

La prima caratteristica che richiama l'attenzione dell'osservatore è sicuramente lo stile delle figure del presepe. Come preferisci le figure? Molto semplice e moderno? Classico e con tanti dettagli? Vestito con abiti di stoffa? O magari in uno stile originale e unico, quasi giocoso? Lo stile moderno è molto semplice ed essenziale. Le statue non mostrano molti dettagli, al contrario. I pastori e gli animali sono semplici. Lo stile moderno è uno stile giovane che di solito è adatto ad appartamenti moderni e giovani famiglie, ma non solo. Al contrario, lo stile classico è senza tempo, adatto a qualsiasi ambiente e interno. Le figure del presepe hanno forme rotonde e dettagli elaborati, gli abiti ondulati trasmettono l'idea che le figure si muovano.

Lo stile orientale è solitamente molto semplice, le caratteristiche principali di questo stile sono elementi come l'abbigliamento dei personaggi, i loro turbanti e accessori, che ricordano la cultura orientale. Lo stile orientale delle figure del presepe è evidenziato anche dall'architettura della scuderia, che spesso presenta alte mura, ampi paesaggi, colonne, archi e palme.

Infine, lo stile rustico o rurale che ricorda i contadini delle regioni alpine. Le figure del presepe indossano grembiuli, abiti tradizionali tirolesi e cappelli. Le stalle sembrano le tipiche stalle delle mucche fatte di pietra e muri di legno, come le conosciamo su tutto l'arco alpino.

Leggi tutto... 0

corriere-espressoAl giorno d’oggi è sempre più frequente acquistare ogni tipo di prodotto online, quindi, ha molta importanza il sistema di spedizione che garantisce agli acquirenti una consegna il più rapida e sicura possibile.

Questa velocità si può garantire solo grazie al corriere espresso, che offre un sistema di trasporto di “lusso”, e che è diventato ormai fondamentale per tutti i settori merceologici. Per la maggior parte delle aziende è molto importante offrire alla clientela una consegna veloce e sicura, ciò aiuta a dare un’immagine ancor più professionale e seria all’azienda, invogliando gli utenti a procedere sempre con nuovi acquisti.

Cos’è e come funziona il corriere espresso?

Spedire con corriere espresso, significa garantire un sistema di trasporto rapido, che può essere sia nazionale che internazionale.Con l’incremento degli acquisti online, il sistema espresso è diventato un elemento che fa la differenza e che accresce maggiormente l’importanza di un’azienda.

Le modalità di trasporto dei corrieri espressi sono svariate, i prodotti possono viaggiare su camion, treni, aerei, a seconda delle distanze più o meno brevi da percorrere.A differenza dei metodi di consegna classici, quelli del corriere espresso non impongono nessuna limitazione su dimensione e peso del pacco da trasportare, ovviamente in base a questi elementi verrà calcolato anche il costo della spedizione.

La maggior parte dei corrieri espressi, inoltre, offre la possibilità di controllare il tracking del pacco, per restare sempre aggiornati sugli spostamenti effettivi prima che avvenga la consegna.

Perché è così importante spedire con corriere espresso?

Per moltissimi siti e-commerce è fondamentale affidarsi a un buon sistema di spedizione veloce, ci sono inoltre, alcune categorie di merci per le quali è ancora più conveniente spedire con corriere espresso.

Solitamente, infatti, questa modalità di consegna si adatta perfettamente alle aziende che producono o commerciano prodotti di piccole dimensioni e con un ingombro minimo.

Spedire con corriere espresso è la soluzione migliore sia per i prodotti e le merci meno delicate, sia per quelle più fragili, che vengono adeguatamente imballate e trasportate con estrema sicurezza.

In qualunque caso, affidarsi ad una consegna rapida e veloce è sempre un’ottima scelta, poiché offre un trasporto efficace in massimo 24 ore.

Un altro elemento di notevole importanza, che emerge da alcuni dati recenti, è quello relativo allo sviluppo del commercio Made in Italy. Soprattutto per i trasporti all’estero, infatti, scegliere di spedire con corriere espresso significa ampliare il commercio nazionale, garantendo un buon prezzo e un’ottima velocità di consegna.

Il servizio che offre il sistema espresso, risulta essere oggi il miglior metodo di consegna, quello che la maggior parte degli utenti preferisce scegliere. Inizialmente, si preferiva optare per corrieri più economici, che ovviamente, non potevano sempre rispettare i tempi di consegna prestabiliti, ma dovevano fare i conti con eventuali ritardi in fase di trasporto.

Oggi invece, spedire con corriere espresso è la soluzione scelta da tantissime aziende che, riescono in questo modo, a garantire alla propria clientela tempi di consegna rapidi e sicuri.

Possiamo affermare, quindi, che il sistema espresso incide positivamente sull’economia della maggior parte delle aziende, nazionali ed internazionali.

 

 

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy