BANNER-ALTO2
A+ A A-

palma2
E’ stata purtroppo tagliata la palma della chiesa Matrice, cartolina di migliaia di eventi religiosi, di culto e di devozione della città.

 

In una foto del 1950 la si vede già bella cresciuta, aveva quindi, da fonti autorevoli, una ottantina di anni, ed è caduta sotto i colpi di sega di addetti autorizzati dal Comune di Amantea.

 

“Era oramai compromessa”, ci dicono gli operai autorizzati alla rimozione della cima, aveva superato gli attacchi del Punteruolo Rosso, anche se non del tutto indenne, ma non è sopravvissuta al forte vento di maestrale che ha pesantemente investito la Calabria in questi ultimi giorni.

 

Per la nostra città rimane una ferità al cuore, come in maniera minore lo era stato l’abbattimento delle palme della scuola Manzoni alcuni anni fa.

Il "dado" comunque è tratto, forse la paura che potesse staccarsi e cadere su cose o persone ha accelerato il processo di potatura.

 

Qualcuno in rete ha sollevato dubbi che potesse essere curata e continuare a sopravvivere, non è nelle nostre competenze poterlo affermare, ma l’abbattimento sarà da annoverare come un’altra "sconfitta" in questo anno cosi nefasto.

 

Ora bisognerà piantare una nuova palma che sia immune agli attacchi del punteruolo rosso, certo non ai fenomeni atmosferici eccezionali.

I cittadini Amanteani si aspettano che la piantumazione avvenga rapidamente e con una pianta già di dimensioni considerevoli, per mantenere viva la memoria di quello che nel corso dei decenni è diventato una sorta di simbolo del Centro Storico cittadino e della nostra città.

Nel corso degli ultimi anni, una dopo l’altra, le piante della nostra città sono state abbattute, vuoi dal punteruolo rosso, vuoi da altri eventi.

Invece di curare e di prevenire, però, inspiegabilmente sembra prevalere sempre la scelta di abbattere.

 

 

E’ un vero peccato perché si tratta di piante centenarie e che caratterizzano il panorama Calabrese a memoria d’uomo.

I metodi di prevenzione e cura ci sono i Sindaci di turno, o i Commissari nel nostro ultimo caso, dovrebbero fare maggiore attenzione a tenere sotto controllo anche il Verde Pubblico.

Specie quel “verde” pubblico che per anzianità è divenuto un vero e proprio cittadino di Amantea.

Forse se la palma fosse stata potata a fine estate il vento avrebbe causato meno danni, o forse se la palma avesse avuto "voce" per chiedere aiuto qualcuno forse l'avrebbe ascoltata.

Ma del senno di poi son piene le fosse.

Leggi tutto... 0

Targa-LagoApprendiamo dai nostri emigrati residenti all’estero ,iscritti all’AIRE, che il comune di Lago ,sta inviando i ruoli della TARI (tassa sui rifiuti) 2020,senza applicare la riduzione dei 2/3 per come previsto dall’art.9-bis, comma 1, della legge n. 80/2014. Tale situazione ha messo in allarme tutti i nostri pensionati, che con grandi sacrifici si sono costruiti una casa nel paese d’origine, dando lavoro a molte imprese e lavoratori di Lago. Oggi queste persone si vedono penalizzate da una amministrazione assente, incapace, che sfrutta qualsiasi mezzo per fare cassa e cercare di ripianare i buchi di bilancio che ammontano ad €.1.129.378,67 che è il fondo crediti di dubbia esigibilità, che al 31/12/2019 passa ad €.1.477.650,81,con un maggiore disavanzo di €.348.272,14. Questo maggiore disavanzo, come evidenziato nel rendiconto del 2019, si prevede possa essere coperto con la rinegoziazione dei muti con La Cassa Depositi e Prestiti e dalla diminuzione delle spese dovuta al personale che andrà in pensione. Una risoluzione alquanto contraddittoria e poco efficace perché se da un lato c’è un risparmio sulle spese del personale dovuto ai pensionamenti dall’altro lato c’è l’assunzione di un nuovo ingegnere che rende vano ogni tentativo di risanamento del disavanzo. A tale proposito vogliamo ricordare quanto scritto dal Revisore dei Conti del Comune sul ripiano del maggior disavanzo di amministrazione in merito alla copertura finanziare del debito in data 28/09/2020: “ la quota di personale in quiescenza essendo destinata per il ripiano del disavanzo, costringe l’Ente a non poter utilizzare il turnover per eventuali assunzioni di personale”. Nonostante tale richiamo, l’assunzione è stata fatta. Inoltre ,scrive sempre il revisore , “ L’ente sarà tenuto a stanziare e finanziare altre quote di disavanzo di €. 860.503,68 ed €.108.546.91,che si vanno ad aggiungere al 1.477.650,81€. La cosa strana che,si manda il tecnico in servizio a scavalco al comune di Serra D’aiello e si assume un nuovo tecnico a tempo pieno con concorso. Se c’è molto lavoro da fare, tanto da assumere un altro tecnico, di certo non lo si divide con un altro comune . Come si dice in gergo :” chi lo capisce è bravo”.

Lago è un paese di emigranti che negli anni settanta e ottanta si sono trasferiti all’estero. Spendendo I loro risparmi a Lago per costruirsi una casa, la quale era stata considerata prima abitazione . A partire dal 2015 ,si era introdotta l’esenzione dell’imposta a favore dei cittadini residenti all’estero purchè pensionati. Oltre all’esenzione dall’IMU per i pensionati si era anche, al comma 2, disposto che l’imposta comunale TARI fosse applicata in misura ridotta di due terzi per gli stessi soggetti. A decorrere da quest’anno, la legge di bilancio ha cancellato la possibilità di assimilare un immobile residenziale posseduto in Italia come abitazione principale ,quindi la reintroduzione dell’IMU ,mentre non ha apportato alcuna variazione al regime della TARI(tassa sui rifiuti). L’Amministrazione comunale, nella predisposizione dei ruoli, non tiene conto della riduzione dei due terzi, confondendo, volutamente o non, la reintroduzione dell’IMU anche quella sulla TARI e spedisce le cartelle esattoriali per l’intero importo.

Da qui nasce la protesta dei cittadini , pensionati e residenti all’estero. L’amministrazione comunale, anziché supportarli, li penalizza non applicando la legge che consente loro la riduzione del tributo.

L’altro fatto,che secondo noi è di una gravità inaudita è che, la Corte dei Conti, Sezione regionale di controllo per la Calabria, con delibera n.185/2020, ha diffidato il comune sia per mancati adempimenti, sia per alcune forzature contabili che non poteva fare e che invece ha fatto, sia

per l’anticipazione di liquidità alla Cassa Depositi e Prestiti per pagamento debiti pregressi nell’anno 2020 per un importo di €.531.183,38 con Delibera di Giunta n.53 del 3 luglio 2020, infine per aver riconosciuto un debito fuori bilancio senza la necessaria copertura finanziaria.

Tante altre sono le operazioni contabili contenute nella diffida che qui purtroppo non è possibile riportare.

LAGO Novembre 2020                                  IL GRUPPO DI MINORANZA

                                                                             SOLIDRIETA’ E SVILUPPO

Leggi tutto... 0

asl amantea
Girando per gli uffici dell’Asp di Amantea, abbiamo trovato, letto e copiato una missiva interessante da parte del sindacato Uil di Amantea, a firma della segretaria del Sindacato, Sezione di Amantea, Laura Pagliaro e controfirmata dai Coordinatori del Sindacato RSU Luciano Feraco e Mariolina Fera.

 

La missiva, che vi sottoponiamo per essere condivisa, risulta essere per la nostra redazione molto interessante e pone una serie di riflessioni, oltre che richieste, da avallare anche da parte di tutta la cittadinanza.

La missiva è indirizzata alla Direttrice del distretto tirreno Dott.ssa Riccetti. 

 

La sottoscritta O.S. U.I.L /FPL venuta a conoscenza che alcuni operatori sono risultati positivi al virus SARS COVID -19 e che i suddetti operatori sono stati a stretto contatto con altri dipendenti nei luoghi di lavoro, chiede, se è stata predisposta idonea e necessaria sanificazione degli ambienti e degli uffici e dei mezzi, allo scopo di contrastare la diffusione del contagio.

Chiede, inoltre alla S.V. se è stato predisposto un potenziamento di uomini e mezzi, nell’ambito di un’assistenza multidisciplinare, necessaria, in un momento come quello che stiamo vivendo e constatata la carenza di personale che opera sul territorio, per frontegiare la situazione sanitaria, causata dal virus COVID -19 in linea  con quanto stabilito nel DCA n.103 del 22 luglio 2020 e dal Decreto Legge 30 aprile 2019 n.34.

 

A tale proposito si fa presente che, il Poliambulatorio di Amantea è il più grande presidio territoriale del tirreno dell’Asp di Cosenza, e, in un momento di emergenza come quello che stiamo vivendo, se la Sanita Territoriale fosse adeguatamente organizzata, potrebbe rappresentare un grosso filtro per alleggerire l’intasamento dei Servizi di pronto soccorso, 118 ed Ospedali.

Questa O.S. ha più volte chiesto alla S.V. un incontro per discutere di organizzazione del lavoro, di dotazioni organiche, di mansioni del personale, e di Protocolli per la Sicurezza, afferenti al Poliambulatorio di Amantea, ma purtroppo ad oggi nulla di ciò è avvenuto.

 

Attualmente sono impegnati nell’emergenza Covid-19 i medici del Dipartimento di Prevenzione, con a capo la Dr.ssa Benavoli, che stanno svolgendo un lavoro encomiabile ed a cui va il nostro ringraziamento, noi come sindacato vogliamo fare una proposta.

 

Vogliamo proporre:

- acquisto di sanificatori ad ozono per igienizzare gli ambienti, termo scanner digitale a colonnina;

- monitoraggio di personale, con controlli periodici, all’occorrenza acquisto di tamponi antigenici;

- predisporre un’adeguata postazione di triage con tavolo provvisto di separatore in plexiglass e fare compilare la relativa modulistica di autocertificazione per eventuali tracciamenti;

- predisporre un riparo (gazebo o pensiline) da improvvisi ed inaspettati sbalzi climatici, fra l’altro andiamo incontro all’inverno e le persone sono assembrate fuori, sul piazzale esterno, ad aspettare il proprio turno;

- rivalutare e riconsiderare i percorsi “covid” interni con adeguata segnaletica e cartellonistica sulle norme comportamentali ed in particolare modo sulle entrate/uscite;

- individuare e creare una struttura operativa multidisciplinare (possibilmente H24), che operi in sinergia e cooperazione con tutti gli attori in campo (usca, medici di base pediatri di libera scelta, medici, vigili, volontariato e associazioni sul territorio, e quant’altro), che possa offrire supporto di assistenza, monitoraggio, soprattutto alle persone asintomatiche, da sole ed abbandonate a se stesse.

 

Vi aggiorneremo in attesa di conoscere le risposte che riteniamo urgenti

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy