BANNER-ALTO2
A+ A A-

diabeteLa settimana del diabete 2016 cade fra il 7 e il 13 di novembre. I numeri sono sempre più allarmanti e ci raccontano di oltre 415 milioni di adulti affetti da diabete, destinati ad oltrepassare la soglia dei 640 milioni nel 2040. Ancora oggi, un malato su due non è diagnosticato e questo dato, più di ogni altro, impone uno screening in grado di garantire la diagnosi precoce ed un trattamento adeguato capace di ridurre il rischio di incorrere in eventuali complicazioni.

La settimana del diabete 2016 si terrà fra il 7 ed il 13 di novembre e vedrà in oltre 500 piazze italiane numerosissimi eventi organizzati e patrocinati dalle Associazioni di malati affetti da diabete, corporazioni di infermieri, medici ed istituzioni. Centinaia di gazebo verranno allestiti per informare ed orientare i cittadini ad una gestione della patologia accorta e consapevole. Nel nostro paese non esiste altra manifestazione di volontariato applicata al campo medico che riesca a riscuotere tanto successo e tanta partecipazione.

Patrocinata dal CONI, dalla Croce Rossa Italiana e il Ministero della Salute, la Giornata Nazionale del diabete si appresta a dar vita a numerosi appuntamenti, quali convegni, dibatti, conferenze, spettacoli e passeggiate, tutti segnalati dal portale dedicato giornatadeldiabete.it

Visite gratuite e screening per i cittadini

La grande novità della prossima settimana del diabete 2016 sarà costituita dalla possibilità di sottoporsi a visite gratuite presso tutti gli ambulatori medici ordinari e di diabetologia. Screening ed informazioni relative ad una buona gestione della patologia verranno garantiti a tutti i richiedenti, al fine di cominciare un lavoro in grado di diminuire il numero dei casi non ancora diagnosticati.

Particolare attenzione sarà rivolta a tutte le donne precedentemente colpite da diabete gestazionale, a coloro che soffrono di obesità e che hanno casi di diabete di tipo 2 fra i parenti più prossimi. A tal proposito, è assolutamente necessario sottolineare che il diabete non è una patologia ereditaria, poiché il passaggio della malattia fra una generazione e l'altra non è inevitabile. Esiste una predisposizione genetica alla malattia che comporta un rischio di contrarre il diabete superiore rispetto agli altri, tuttavia, l'adozione di uno stile di vita sano e di un'alimentazione corretta allontanano in maniera significativa il rischio di ammalarsi. Persino il paziente diabetico, in caso osservi con costanza le indicazioni del medico e adotti uno stile di vita ineccepibile, non assisterà ad alcuna riduzione della sua aspettativa di vita.

Il piede diabetico

Il piede diabetico è una delle complicanze più evidenti cui vanno incontro coloro che soffrono di diabete. Il piede diabetico è dovuto alle difficoltà circolatorie e alle complicanze a carico del sistema nervoso periferico e figura fra le tematiche che verranno analizzate durante la settimana del diabete 2016.

La vasocostrizione causata dalla malattia porta ad un graduale restringimento delle arterie e ad una marcata diminuzione della circolazione nelle estremità. Con questa condizione, definita arteriopatia periferica, le sostanze nutritive giungono in minor quantità nei tessuti e la limitata capacità circolatoria condiziona la normale ossigenazione dei tessuti. Ossa ed articolazioni tendono ad indebolirsi, la pelle ne risente e, con il tempo, le eventuali lesioni possono sfociare in ulcerazioni.

Il quadro clinico può aggravarsi a causa dei danni riportati dal sistema nervoso periferico, che non riesce a riconoscere situazioni di sofferenza a causa di una marcata riduzione della sensibilità.

La crema dermoprotettiva Dexeryl va applicata sulla pelle secca del piede e può essere abbinata ad altre terapie. Il glicerolo rende l'acqua contenuta nel prodotto immediatamente disponibile ed impiegabile dalla superficie cutanea, limitandone l'evaporazione. Ciò rende Dexeryl ideale nel trattamento delle forme di xerosi persistenti.

Leggi tutto... 0

tumL'emangioma infantile è un tumore benigno vascolare che colpisce i bambini, in special modo, nel loro primo anno di vita.
Esteriormente si presenta come una macchia di colore rosa-rosso, dalle dimensioni variabili, che compare intorno alle prime settimane di vita, prolifera il primo anno per poi regredire gradualmente fino alla scomparsa.

Quali sono le cause e i fattori di rischio?

Gli emangiomi infantili sono molto comuni, interessando circa il 3-10% delle nascite.
Le cause sono da attribuire ad un'eccessiva densità dei vasi sanguigni e dalla crescita incontrollata delle cellule endoteliali.

La motivazione di questa crescita anormale è ancora ignota, si ritiene possa essere la diretta conseguenza di una carenza di ossigeno patita dal feto durante la gravidanza o sia legata a delle proteine presente sulla placenta.

Quanti emangiomi infantili esistono?

Esistono emangiomi infantili e congeniti.

I primi compaiono in un momento successivo alla nascita e dividono in:

  • Emangiomi infantili superficiali, i più comuni e dal classico colore rosso vivo.
  • Emangiomi infantili profondi, più rari e dalla colorazione bluastra. Dall'aspetto sembrano quasi dei lividi e si presentano in area sottocutanea.
  • Emangiomi infantili misti: sono un misto tra i precedenti, molto spesso si presentano sul viso e, in particolare, sul naso.
  • Emangiomi infantili a cartina mista: sono i più pericolosi perché tendenti a complicazioni e ulcerazioni.
  • Emangiomi infantili multifocali: che si insediano in diverse aree, fra loro diverse.

Gli emangiomi infantili congeniti vengono invece diagnosticati durante la gestazione attraverso l'ecografia.

Di questi ne conosciamo tre tipi:

  • Emangioma congenito rapidamente involutivo, che regredisce entro un anno di vita.
  • Emangioma congenito parzialmente involutivo, che regredisce in parte per poi rimanere stabile.
  • Emangioma congenito non involutivo, che non cambia e la sua presenza rimarrà tale per tutta la vita del soggetto.

Qual è il loro trattamento?

Spesso l’emangioma oltre al fastidio estetico può essere correlato ad alcuni rischi, come la vista, ad esempio.

In questi casi e non solo, esistono, diversi trattamenti come il laser, la terapia farmacologica tradizionale a base di corticosteroidi e nuove terapie promettenti da poco introdotte in Italia.

Leggi tutto... 0

intCosa sono gli integratori? Ormai è una parola molto comune al giorno d’oggi anche se c’è da fare una precisazione: gli integratori alimentari se usati correttamente portano benefici.

In Italia, un italiano su tre usa degli integratori, sia per migliorare e potenziare le proprie performance durante un allenamento in palestra, oppure semplicemente per migliorare la memoria, oppure ancora per prevenire quelle che sono le malattie stagionali assumendo la giusta quantità di elementi nutritivi.

Ma a cosa servono gli integratori? Gli integratori alimentari sono molto utili, ad esempio, durante una dieta per ridurre il senso di fame, accelerare il metabolismo, oppure ancora semplicemente per poter assumere tutte le sostanze nutritive che altrimenti non riusciremmo ad assumere. Proprio per questi scopi esistono diversi brand che mettono a disposizione queste proprietà nutritive, come ad esempio la garcinia optima.

Certo, assumere quantità infinite di integratori non significa che si dimagrisca più rapidamente, anzi, si potrebbe incorrere a seri problemi di salute. Come tutto quello che si assume, anche queste sostanze vanno assunte tenendo conto delle dosi consigliate.

 

In Italia le persone percepiscono gli integratori come prodotti che non hanno alcun effetto collaterale, non c’è niente di più sbagliato. Fortunatamente ci sono alcuni integratori che non fanno né bene, né male, ma in ogni caso è sempre bene non abusarne e seguire un consiglio medico.

Tuttavia gli integratori, durante una dieta, possono essere realmente utili ed in grado di facilitare la vita a chi li usa, ad esempio donando un senso di sazietà che altrimenti non sarebbe soddisfatto ed inoltre, cosa molto importante, consente di assumere quelle sostanze nutritive che durante una dieta facciamo difficoltà ad assumere correttamente.

Sì, gli integratori quindi possono (e nella maggior parte dei casi) sono dei validi alleati per una dieta ed aiutano a dimagrire accelerando il metabolismo, evitando il senso di fame e combattendo quelli che sono i “grassi cattivi”.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy