BANNER-ALTO2
A+ A A-

Il governatore Giuseppe Scopelliti ha partecipato all'inaugurazione del nuovo reparto di Oculistica dell'ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro.

E nell’intervento ha affermato:

1)”Spero che non disturbi il fatto che questa inaugurazione capiti in un periodo a ridosso della campagna elettorale”. E poi “ vi chiediamo scusa per questa iniziativa che si svolge in periodo di campagna elettorale, ma dovevamo decidere se inaugurare questo reparto all'avanguardia adesso oppure rinviare tutto di un mese proprio perché è in atto la campagna elettorale. Ma abbiamo deciso di farla lo stesso”

2)” Anche perché i nostri colleghi e avversari, nel tempo, non facevano inaugurazioni in campagna elettorale magari, ma si limitavano ad assumere gli amici dei mafiosi nella sanità”

3) Si tratta di “un tema molto delicato, molto inquietante”

Impossibile alla luce di quanto riporta( al momento in via breve) Il Corriere della Calabria che la questione si chiuda in questo modo. Siamo certi che qualcuno risponderà a Scopelliti e che la vicenda non si chiuderà in siffatto modo! Anzi!

Leggi tutto... 0

Cresce l'attesa per l'arrivo di Beppe Grillo in Calabria. Con il suo "Tsunami tour", il portavoce del Movimento 5 Stelle arriverà domani, martedì 29 gennaio 2013, prima a Catanzaro, alle ore 17, e poi a Reggio Calabria, alle ore 21, per presentare i candidati calabresi del M5S al Parlamento italiano e il programma nazionale in vista delle votazioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013.

A Catanzaro l'incontro con i cittadini è previsto a piazza Prefettura e saranno presenti i capilista Dalila Nesci, per la Camera dei Deputati, e Francesco Molinari per il Senato, oltre che il candidato catanzarese del M5S Paolo Parentela. L'evento potrà essere seguito dal vivo anche dai non udenti: sul palco insieme a Grillo e ai candidati ci sarà infatti anche un interprete Lis, che tradurrà gli interventi nel linguaggio dei segni.

L'interprete Lis sarà presente anche sul palco a piazza Duomo, a Reggio Calabria, dove Beppe Grillo presenterà i candidati reggini del M5S al Parlamento: Federica Dieni, Salvatore Salvaguardia, Giuseppe Auddino e Melania Di Bella. La piazza della città dello Stretto aspetterà l'arrivo del blogger genovese in maniera alternativa: già dalle ore 17, infatti, sul palco si alterneranno gruppi musicali e associazioni locali, oltre agli attivisti reggini del M5S, per un pomeriggio di musica e dibattiti.

Leggi tutto... 0

LAMEZIA TERME Dopo quasi quarant'anni di onorato servizio tra gli scranni parlamentari, sarebbe più che comprensibile il bisogno di fare una pausa, non di andare in pensione – questo mai –, ma quantomeno di fare un break, almeno solo per una legislatura. Così, tanto per ricaricare forze verosimilmente esaurite, dopo un quarto di secolo e tre lustri a “lavorare” dentro al Palazzo. Invece il calabrese Mario Tassone dimostra ogni giorno di più di avere una fibra di combattente, insensibile alla new wave che impone un tetto massimo alle legislature parlamentari dei politici.

Assurdità. Lo hanno chiamato «Matusalemme», etichettato come «dinosauro» impresentabile. E tutto perché l'esponente Udc staziona in Parlamento dal lontano 1976. Quasi un record. Tassone infatti è “solo” al secondo posto nella speciale classifica dedicata ai deputati più “longevi” (dietro a Giorgio La Malfa, a Montecitorio dal 1972), al terzo tra i parlamentari (il primo è Beppe Pisanu, con i suoi 39 anni passati tra Camera e Senato).

Ma il sogno segreto dell'ex deputato era quello di inseguire il guinness che fa epoca, e soprattutto costume italiano. Tassone era quasi a un passo. Poi è arrivato Mario Monti a rompere il suo ferreo sodalizio con Pierferdinando Casini, il leader dello Scudocrociato che finora era comunque sempre riuscito a trovargli un posticino al sole. Il nuovo diktat del “rinnovamento” e le cesoie di Enrico Bondi (scelto dal premier uscente per analizzare i profili dei possibili candidati alle elezioni e scartare i “professionisti della politica”) lo hanno invece messo alla porta: nessuna candidatura nella coalizione di Monti, né alla Camera né al Senato. Tassone è out, pensionato a forza, messo dall'oggi al domani in mezzo a una strada, dopo una vita passata tra Palazzo Madama e Montecitorio.

Molti si sarebbero dati per vinti. Lui no. E per un motivo piuttosto semplice: non riesce proprio a capire i motivi di questa esclusione. «Ma come? Dopo tutto questo tempo?», avrà pensato. Evidentemente deve esserci qualcosa che non va. Sensazione confermata anche dal comunicato diffuso al termine di un incontro riservato ai delusi dell'Udc, durante il quale è stato ribadito come «le più recenti vicende del partito hanno prodotto in larghi settori della propria base elettorale, un profondo senso di smarrimento che, in casi non marginali, si è trasformato in distacco traumatico».

Non è chiaro se il termine «distacco» sia stato usato per ricordare che Tassone è stato "costretto" al forfait (dagli ingrati Monti&Bondi) oppure per rammentare la sua volontaria decisione di sbattere la porta, in segno di protesta verso la mortificazione cui negli ultimi mesi è stata esposta la memoria del partito (i dinosauri, appunto). A leggere il resoconto della riunione di ieri a Roma, promossa dallo stesso Tassone – e a cui hanno partecipato «un centinaio di amministratori e quadri dell’Udc provenienti da tutta Italia» – sembra più probabile la prima ipotesi. Mettere da parte un veterano, però, comporta conseguenze. Come, ad esempio, la fronda interna. Non mi candidate? Bene, vi organizzo una bella festa.( e nella foto sembra,infatti,dire : “Guai a voi!”

Ecco il documento prodotto dai “reietti”, capitanati dall'ex parlamentare calabrese: «Un gruppo di dirigenti territoriali del partito ha sentito l’esigenza di una discussione approfondita circa le prospettive attuali e future dell'Udc». Alcuni punti, salienti quanto basta, per dare una parvenza di legittimità a uno scisma che nasce da un preciso mal di pancia, quello di Tassone. I punti: «Esprimere forte dissenso di merito e di metodo in ordine al ventilato scioglimento del partito che abbandonerebbe, di fatto, i principi e i valori su cui si è basata la costituzione dell’Udc»; «convocare, a norma di statuto, il congresso del partito, allo scopo di definire la linea politica nel solco dei principi che sono alla base dell’atto costitutivo»; «sostenere l’esigenza, non derogabile, di mantenere autonomi gruppi parlamentari, sia alla Camera che al Senato»; «costituire un comitato ristretto, allo scopo di sostenere tali iniziative e di coordinare le attività che si renderanno necessarie al fine della loro attuazione».

Dulcis in fundo, «dare mandato all’onorevole Mario Tassone di rappresentare ai vertici dell’Udc, l’esigenza della convocazione urgente degli organi statutari del partito allo scopo di ripristinare il metodo di partecipazione democratica alle scelte politiche», tanto per capire chi è che sta muovendo i fili della protesta. Perché Tassone sarà pure un Matusa, ma è anche un politico convinto che la lotta (e la poltrona) non debba mai essere abbandonata. Pietro Bellantoni Il Corriere della calabria

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy