BANNER-ALTO2
A+ A A-

lazzaroli nov.20
Riceviamo e pubblichiamo

A scrivere è Vincenzo Lazzaroli, il suo post è stato reso pubblico anche sulla sua pagina social Facebook.

 

“Ho appena incontrato la commissione straordinaria del comune di Amantea a cui ho manifestato la totale disapprovazione, rispetto a “fumose” petizioni popolari e a tutti i trasversalismi, costruiti ad arte solo fomentare inutili malumori nella nostra cittadina.

Ho confermato che in questo momento difficile, la città ha bisogno di essere coesa e non può perdersi dietro a personalismi che nulla di buono portano al nostro territorio, già provata da troppe vicende che hanno condotto il nostro comune al disastro.

La parte buona del paese sa che i problemi al comune di Amantea non li ha certamente creati la commissione straordinaria, e di questo la stessa commissione ne è consapevole.

Ho ribadito la piena disponibilità per continuare ancora sulla strada del dialogo e della collaborazione, con l’unico scopo di creare una prospettiva differente alla nostra città.

Amantea ha bisogno di nuove facce e non di pseudo riciclati della politica del passato, che con la loro incompetenza hanno distrutto il nostro comune.

Smettiamola di prendere in giro i cittadini di Amantea, mica siamo uomini che portiamo ancora l'anello al naso!!

Ad ogni modo, a breve Vi darò conto, di quanto ci siamo detti e di tutti gli impegni e la disponibilità che la commissione ha assunto verso la città”.

Leggi tutto... 0

aereo2
riceviamo e pubblichiamo

 

Esecutivo PD Amantea: “La città è abbandonata a se stessa. Amantea ha bisogno di un’amministrazione eletta dal popolo, che faccia le cose per il popolo e che al popolo risponda"

 

A distanza di quasi un anno  dal commissariamento del nostro Comune è   avvilente assistere allo stato di perenne e continuo degrado in cui versa il nostro territorio.

Al netto dello  stato di disagio derivante dalla pandemia in corso,  non è più possibile sopportare e convivere con la perpetua mancanza di risposte - anche alle più semplici domande - dovute alla citta', al nostro tessuto sociale ed economico.

Amantea è nel baratro, abbandonata al proprio destino con il bizzarro auspicio che per magia i problemi, che giorno dopo giorno si aggravano, trovino una loro spontanea soluzione. 

Ma questa è solo un'illusione, destinata a rimanere tale, perché nella realtà le  questioni si risolvono con il buon governo, si risolvono con la politica. 

Ci sarà un tempo in cui la pandemia, speriamo presto, lascerà il suo corso: il rischio è quello di farsi trovare impreparati quando ci sarà da correre e da competere per la ripresa.

Il territorio è tremendamente abbandonato a se stesso, all'incuria e al degrado: il ripascimento a difesa di ciò che resta del lungomare non è stato avviato, le condizioni del porto non migliorano, la raccolta rifiuti stenta, non vi è traccia di Welfare comunitario.

La  gestione dell'emergenza pandemica, approssimativa e senza un’informazione istituzionale costante, e' lo specchio  dell'assenza ingiustificata di un governo della città.

L’unico auspicio e' quello che è la città possa tornare il prima possibile al voto. Amantea ha bisogno di un’amministrazione eletta dal popolo, che faccia le cose per il popolo e che al popolo risponda.

*Esecutivo Pd Amantea *

Circolo “_Moro-Berlinguer_”

Leggi tutto... 0

giggino pellIl mondo è lo stesso per tutti noi e bene e male, trasgressione e innocenza, lo attraversano tenendosi per mano. Chiudere gli occhi di fronte a metà della vita per vivere in tranquillità è come accecarsi per poter camminare con maggior sicurezza in una landa disseminata di burroni e precipizi. Una giovane amanteana ha deciso di raccontarmi com’è vivere nella zona rossa: “docciarsi con l’amuchina, in fila davanti al supermercato con la gente alla riscossa... Fuori di casa meglio non andare urlano tutto il giorno in televisione. Qui fuori come in TV è pieno di untori e di confusione Lavarsi le mani è molto importante come ci insegna Barbara d’Urso”.

Sono in molti a pensare che l’emergenza sanitaria che stiamo affrontando in questi giorni sia la sfida più insidiosa che potesse capitare a una società bizzarra come la nostra. Da dove nasce questo sentire comune? Prima di tutto da una stampa serva, caciarona e religiosa. In genere le spiegazioni che si leggono su questi giornali ruotano attorno a un concetto chiave, quello di “fragilità”. Una fragilità sinonimo dell’attuale analfabetismo. Il vice presidente della Calabria oggi, durante un programma televisivo: "Non abbiamo bisogno di medici missionari africani, non abbiamo bisogno di essere schiavizzati nella nostra sanità”. Si riferiva alla possibilità di avere in Calabria un responsabile della sanità di nome Gino Strada.

L’idea di fondo è che la grande lezione che ci starebbe impartendo l’epidemia del dio Coronavirus è che siamo creature più fragili e analfabeti di quanto pensassimo. Il livello di ignoranza più elevato è quando si rifiuta qualcosa di cui gran parte delle persone non sa nulla. Quando, pur consapevoli del fatto che mancano informazioni e dati, si preferisce mantenere la propria posizione piuttosto che ricercare più elementi utili alla comprensione. Un atteggiamento di questo tipo è il seme dell’intolleranza e dell’assenza del sentire comune di cui tutti, in qualche momento della vita, sono stati partecipi. Tutti dovrebbero essere consapevoli che l’ignoranza più pericolosa è un seme che si incontra sempre sul sentiero della vita. Ma non tutti sanno che si tratta di erbaccia. Stamattina, per caso, mi sono ricordato di alcuni versi poetici letti qualche anno addietro e li ho trovati subito illuminanti per capire la concitata situazione politica che stiamo vivendo. Parlo degli "Ultimi versi" di Giovanni Raboni, scritti sì tra il 2002 e il 2004, ma di una attualità sconvolgente, segno che nulla è cambiato nella scena socio-politica di questa nostra Italia.

Questi versi sono la reazione feroce, precisa, chiara di questo poeta, che non viveva nel mondo incolore, indistinto della contemplazione, dove non ci sono nuvole e tutto è dominato dall’atmosfera dei “tarallucci e vino”, ma viveva in mezzo alla gente e si interessava della vita politica, civile, sociale italiana contemporanea.

Questo intellettuale “engagé", impegnato (per certi aspetti ci fa venire in mente il francese Jean Paul Sartre della Resistenza, ma anche il nostro Pier Paolo Pasolini che non hanno mai pensato di non sporcarsi le mani, di prendere posizione netta contro un certo modo aberrante di concepire e attuare il governo del Paese.

Le parole di Raboni chiariscono e affrescano la trama del tessuto sociale: astuzia, crimine, semplici, complici, mercatino, abuso, libito (capriccio, istinto). Sono tutti concetti che evidenziano una realtà comunitaria fatta di relazioni negative, di disvalori.

Il protagonista principale, dei suoi "Trionfi" è "il cavalier Menzogna", dalla "facciata di gomma o plastica che gli serve da faccia", che regala "una montagna di orologi e bracciali firmati delle più famose gioiellerie…a sudditi e compari…con pacche sulle spalle…mentre si gongola nella villa inaccessibile in compagnia dei grandi della terra". Nel trionfo dell'ignoranza l'unica cosa da notare è "l'invisibile bravura con la quale il Menzogna e i suoi spacciatori mediatici immettono, da vent'anni ogni giorno nelle vene dei sudditi, micidiali microdosi d'oblio."

Il "Menzogna" vuole rifare l'Italia insieme ad alcuni famigerati compagni di viaggio, ai quali di tanto in tanto "impartisce reprimende", estendendole anche agli avversari, spiegando loro "che ricevuta la prescritta unzione uno (uno, s'intende, come lui) diventa ipso facto padrone come se si trattasse d'una villa", dimenticando volutamente, o con un delirio d'onnipotenza, che l'Italia non è proprietà di pochi, ma dovrebbe essere la terra pubblica di tutti gli Italiani anche quella dove sono stati sotterrati negli ultimi mesi quasi cinquantamila di essi senza neanche salutare i propri cari.

Gigino A Pellegrini & G el Tarik

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy