BANNER-ALTO2
A+ A A-

senoL'Italia è il nono Paese al mondo per trattamenti di chirurgia plastica eseguiti, in una classifica guidata da Stati Uniti e Brasile.
Il botox è il re incontrastato dei trattamenti estetici, l'aumento del seno si conferma l'intervento di chirurgia plastica più praticato.
Sono alcuni dei dati emersi dal sondaggio condotto dalla International Society of Aesthetic Plastic Surgery (Isaps), la più grande associazione al mondo di chirurghi plastici estetici, che anche quest'anno ha realizzato un'indagine sui principali trattamenti estetici realizzati nel 2015, tramite l’invio di un questionario che ha coinvolto circa 35.000 chirurghi plastici di tutto il mondo.
Le risposte analizzate da Industry Insight, azienda statunitense indipendente specializzata in queste ricerche da oltre 15 anni, sono state 1.398.
Prendiamo come esempio l’anno 2015 (il primo che ha segnato un forte trend di crescita) nel corso di questo anno sono stati eseguiti nel mondo 9 milioni 641mila interventi di chirurgia estetica e 21 milioni 696mila trattamenti di medicina per un totale di 31 milioni 610mila, un milione in più rispetto al 2014.

Come detto l’intervento più richiesto degli ultimi anni, il cui trend è in forte crescita dal 2015 sino ai giorni nostri è l’intervento al seno.

Ma è sempre necessaria la chirurgia estetica per aumentare il seno?
Certo che no.
Esistono, infatti, diversi metodi che possono permettere di aumentare anche di una taglia il seno, di rassodarlo e renderlo più compatto, per esempio gli esercizi fisici mirati.

Gli esercizi per aumentare il seno consentono di ottenere un petto sodo e tonico ed anche più ricco di volume.
Basta conoscere questi esercizi per far crescere il seno ed applicarli in modo semplice.
Gli esercizi andrebbero eseguiti almeno 3-4 volte a settimana; meglio impostare un circuito di 3-4 esercizi diversi per tre serie, mezz’ora in totale.

I migliori esercizi per far crescere il seno
Flessioni. Si tratta dell’esercizio per aumentare il seno per eccellenza. Mettetevi a pancia in giù sul pavimento con i palmi aderenti al suolo. Tenete le gambe affiancate e sollevatevi da terra usando solamente le braccia come leva. Mantenete la posizione quindi scendete nuovamente.

Targeted chest flies: esercizio che mira a rassodare i tessuti muscolari del petto e che permette così di renderlo più tonico e più visibile.
Innanzitutto bisogna prendere due manubri da 3 o massimo 5 kg. Sdraiarsi sulla schiena, prendere i pesi, mettere le braccia perpendicolari ai corpi. I manubri vanno sollevati e tenuti sopra di sé, all’altezza del viso; si deve rimanere in posizione per qualche secondo. A questo punto abbassate le braccia lentamente, fino a toccare il pavimento, ma senza farlo. Mantenete i pesi sollevati a qualche cm da terra contraendo i pettorali. Questo esercizio permette di rafforzare in modo mirato i muscoli del petto e quindi, se ripetuto con costanza, sviluppa il seno in modo del tutto naturale.

Mini workout desk: Unite i palmi delle mani e intrecciate le dita. Spingete palmo contro palmo. Questo esercizio permette di contrarre i muscoli del petto.

Nuoto: Il nuoto è lo sport ideale per chi voglia aumentare il proprio seno perché sviluppa in maniera mirata questa zona del corpo, soprattutto i pettorali e le spalle. Attenzione però a non esagerare perché altrimenti si potrebbe ottenere l’effetto contrario.

Manubri su Fitball: Sdraiatevi sulla fitball, con la palla tenuta sotto la schiena. Tenete un manubrio per mano, con le braccia dritte. Piegate i gomiti, abbassate i manubri finché sono vicini ai lati del petto. Spingere verso l’alto, tornare in posizione. Fare dieci ripetizioni, per due serie.

Flessioni alla parete: Faccia rivolta al muro, tenete le braccia tese e dritte, spalle e testa dritta. Spingere il corpo verso il muro, piegando braccia e dita dei piedi fino a toccare il muro col viso. Tornare indietro e fare 8 ripetizioni.

Adesso che conosci il segreto per avere un seno di una taglia più grande e più sodo non ti resta che provarci.

 

Leggi tutto... 0

cellulite02Sono milioni le persone che ogni giorno affrontano con pazienza e rimedi casalinghi l’annoso problema degli inestetismi causati dalla cellulite.
Ovviamente il termine tecnico pannicolopatia edemafibrosclerotica non dirà niente alla maggior parte di voi ecco perché è necessario affrontare in modo corretto e del tutto privo di paradigmi o qualsivoglia schemi mentali il discorso, individuando le tutte le cause della cellulite, ma anche i suoi effetti sino ad arrivare ai vari stadi della sua evoluzione.

Cos’è la cellulite:

Un vecchio modo di dire che recita “mal comune, mezzo gaudio”: non sempre questo è vero, ma forse qualcuna si consolerà sapendo che la cellulite è un problema che colpisce un’altissima percentuale delle donne in età fertile (si parla dell’80/90%); il più delle volte compare intorno ai 18/20 anni e peggiora con l’avanzare dell’età.
Nello specifiche scientifiche la cellulite comporto la ipertrofia delle cellule adipose, che subiscono alterazioni di forma e volume, con rotture e lacerazioni della membrana citoplasmatica che le avvolge, e conseguente fuoriuscita dei trigliceridi, che diffondono a livello dei tessuti, negli spazi intercellulari.
Ma anche un accumulo di liquidi in eccesso (ritenzione idrica). L'equilibrio del sistema venoso e linfatico è modificato con un rallentamento del flusso sanguigno ed una ritenzione di liquidi da parte dei tessuti.
Tutti fenomeni involutivi del tessuto reticolare intorno agli adipociti, con interessamento anche delle fibre di collagene.
Va di per se che la cellulite: è un disturbo che coinvolge l’ipoderma, cioè un tessuto di natura soprattutto adiposa che si trova sotto il derma, e che si manifesta soprattutto a livello degli arti inferiori.
Si crea una stasi microcircolatoria che causa un’alterazione dello scambio plasmatico tissutale e delle funzioni metaboliche più importanti.

Il sintomo più evidente della degenerazione dell’ipoderma è rappresentato dall’ipertrofia, ovvero un aumento di volume delle cellule adipose (la situazione se degenera può interessare anche le fibre di collagene), ma c’è anche l’accumulo dei liquidi in eccesso (la famosa ritenzione idrica, cioè un rallentamento del flusso sanguigno e il “ristagno” di liquidi nei tessuti).

Gli Stadi della cellulite:
Il primo stadio (definiremo qui per comodità 1) è una condizione ancora reversibile: c’è la comparsa di edema e l’irrorazione sanguigna inizia ad alterarsi, con la pelle che è inizia ad apparire meno elastica.

Nel 2 c’è un peggioramento dei fenomeni visti in precedenza, la pelle continua a perdere morbidezza ed elasticità, appare più pallida e in alcune zone può alterarsi la sua sensibilità.

Nel 3 si formano i cosiddetti micronoduli che ostacolano gli scambi metabolici: inizia la sclerosi del connettivo del derma e la pelle assume il famoso aspetto a buccia d’arancia e può anche causare dolore alla palpazione.

Nel 4: i micro noduli ormai hanno raggiunto un numero tale che le macrondulazioni che formano si possono distinguere nettamente alla palpazione; l’evoluzione di questa condizione è la fibrosi (processo irreversibile); l’effetto a buccia d’arancia o a materasso della pelle diventa sempre più marcato, fanno la loro comparsa delle striature e la sensazione di dolore spontaneo.

Come curare e prevenire la cellulite: Alimentazione, sport ed un piccolo aiuto “cellulite stop

Essendo un problema della epidermide è normale e logico che per combattere l’inestetismo della cellulite una delle cose fondamentali sia l’attività fisica.
Tramite l’attività fisica infatti, svolta in modo costante e duraturo è possibile contrastare la ritenzione idrica e la formazione della tanto odiata “pelle a buccia d’arancia”.
Per riuscire a prevenire la formazione della cellulite, inoltre, esiste uno strumento importantissimo, l’alimentazione.
Solo seguendo un regime alimentare idoneo è possibile migliorare la microcircolazione ed impedire l’accumulo di liquidi in eccesso che portano alla formazione della liposclerosi.
Cellulite Stop – Un prodotto naturale che in sole 4 settimane, grazie ai principi attivi dell'Uva di Barolo, i polifenoli, i più efficaci antiossidanti presenti in natura ed una formula esclusiva, permette di sconfiggere la cellulite.

Leggi tutto... 0

Preservativi SottiliI preservativi sottili sono caratterizzati da uno spessore minore rispetto ai condom tradizionali, per garantire una migliore sensazione di contatto (quasi pelle su pelle) e una migliore trasmissione del calore, fattore importantissimo nell'eccitazione.

Spesso, a causa del loro spessore ridotto (a volte ridottissimo!), si dubita della loro sicurezza. Lo diciamo senza paura di smentite: i preservativi sottili sono sicuri e si rompono esattamente nella stessa percentuale dei preservativi classici, ovvero in meno dello 0,4% dei casi (e quasi sempre per un errato utilizzo).

Preservativi sottili ma non solo: ce n'è per tutti

All'interno della categoria dei preservativi sottili, poi, c'è un vasto mondo.

Innanzitutto molti preservativi sottili sono realizzati in materiali anallergici diversi dal lattice, in quanto si prestano meglio a lavorazioni di fogli più sottili, mantenendo se non superando la resistenza che il lattice ha con spessori maggiori. Un esempio di preservativi anallergici sottili sono gli Skyn Elite.

Si trovano inoltre sul mercato preservativi sottili XL: chi ha il "problema" delle dimensioni sa di non potersi adattare a un condom tradizionale, e se non vuole rinunciare alla sensazione di contatto può scegliere un preservativo sottile XL come il Control Finissimo XL.

Una problematica comune, alla quale si può rispondere efficacemente un preservativo specifico, è l'eiaculazione precoce. Hai voglia di allungare le tue performance a letto e al contempo vuoi limitare la sensazione "plasticosa" del preservativo? I preservativi ritardanti sottili fanno al caso vostro.

Quali sono i migliori Preservativi sottili?

E' sempre difficile rispondere a domande come questa: cerchiamo di vederci meglio.

Se per vincere la nostra competizione sui profilattici sottili bisogna avere lo spessore minore, il vincitore è il brand giapponese Sagami, con l'Original 0,02. Per cosa sta 0,02? Per i millimetri di spessore!
Seguono a ruota i brand più famosi come Durex con l'Invisible, Skyn con l'Elite e Control con il Finissimo. Tutti e tre a parimerito con uno spessore 0,05 mm.

Ci sentiamo di dire, in ogni caso, che lo spessore non è tutto e, in fondo, questi preservativi sono tutti davvero ultra sottili. In compenso hanno delle caratteristiche che li fanno differire gli uni dagli altri. Provare per credere: il preservativo migliore è quello che "calza meglio"!

Leggi tutto... 1
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy